Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

k2-15 s-05 ss05 corrida15 prove-con-giancarlo-nicotra Astroides calycularis

Storielle ponzesi in pillole. (32). ’A cravatta d’Ernesto

Condividi questo articolo

di Michele Rispoli

La cravatta.

Ristorante Torre dei Borboni, gestione Alberto Migliaccio, maître ponzese Silverio ’i Rifugina alias Silverio Mazzella.
Mi pare si festeggiassero i 25 anni di matrimonio della signora Ornella e Silverio Vitiello.
Cena stupenda, simpatici gli invitati, menù ottimo, preparazione impeccabile. Tutto perfetto.

Tra gli invitati non poteva mancare Ernesto, che parcheggiata la moglie a tavola, gironzolava tra i tavoli soffermandosi dove poteva fare scena.
Arrivato al nostro tavolo, mentre inzuppava dal mio piatto, gli caddero alcune gocce d’olio sulla cravatta.
Commento suo: – …E mo’ chi ’a sente a chella… a Luciana!

Silverio ’i Rifugina, uomo tutto fare e persona di fiducia di Alberto, dice: – Ernè’, nun te preoccupa’… Maria, ’a moglie d’Alberto, tène ’na polverina sprai… maggica!

Ci alziamo e accompagno Ernesto dalla signora Maria.
Forse erano coetanei, sicuramente erano stati giovani insieme.
Maria quando vede la cravatta di Ernesto dice: – E che miseria, te si’ spurcato comm’e ’nu ’uagliunciello..!
Ernesto incassa in silenzio, caso strano…
Io, conoscendo Ernesto dico: – Mari’, è colpa mia!

Maria, gentile, prende il flaconcino magico con la mano destra, con la sinistra alza la cravatta e sta per fare il trattamento, quando dice: – Ma è firmata?
Ci guardiamo. Ernesto dice: – Bah! Crede che nno.
Maria, in un attimo, lascia la cravatta e dice: – Ma che, me vulite fa’ perde’ tiempe!?  – e se ne va.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.