- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Quest’anno il Torneo di beach soccer non si farà?

di Vincenzo Ambrosino

Beach soccer [1]

 

IL Torneo di beach soccer non si farà!
L’anno scorso è stato sospeso e quindi era nell’aria che quest’anno non si sarebbe svolto il Torneo di calcetto sulla spiaggia di Sant’Antonio.

La spiaggia di Sant’Antonio da sempre ha visto giocare a calcetto, d’estate, i giovani di tutte le età.
Per un mese e più, centinaia di ragazzi affollavano la spiaggia e li vedevi litigare per scendere in campo per poi correre, sudare per fare goal e esultare.
Certo rischiavi di prendere una pallonata sul viso, ma dopotutto meglio una pallonata che una bottigliata……

Quest’anno non si farà il torneo notturno e la cosa incredibile è che non vedo neanche ragazzi litigare per poter scendere in campo dalle 18 alle 20,30… mai successo prima.
Nessuno era mai riuscito a fermare la sana voglia giovanile di esibirsi sulla spiaggia di Sant’Antonio nel gioco più amato d’Italia.
Mi chiedo dove sono finiti tutti quei ragazzi.

Oggi a fatica, mischiando piccoli e grandi, quei quattro ragazzi che si ritrovano in spiaggia, riescono  a tirare svogliatamente dei calci ad un super Santos: il pallone della mia generazione (chissà perché mi ritorna in mente un romanzetto di Roberto Saviano che ispira una sua storia di camorra proprio intorno ad un super Santos).

Sempre quei quattro ragazzi, li vedo fermare per strada giovani villeggianti di passaggio, per una ‘partitella’, e solo quando l’invito viene accettato allora vedo il loro entusiasmo crescere e per mezz’ora il divertimento è assicurato.,

Uno  di quei quattro ragazzi ha tagliato quattro canne nel giardino del nonno per fare le porte e tentare così di rendere più stimolante la partita e il goal.

l vigile di turno a Sant’Antonio, che, ovviamente, non ha ordini di servizio assistenziali, richiama preventivamente all’ordine e alla disciplina questi quattro ragazzi, affinché il super Santos non superi il muretto, non intralci il traffico e non disturbi il lento procedere degli affari turistici.

Spiaggia di S. Antonio. Beach soccer [2]

Qualche mese fa ho fermato un ragazzo che ritenevo capace di salvare il salvabile e l’ho stimolato a prendere in mano l’organizzazione del torneo; rivedendolo giorni fa, mi ha detto che ci ha provato… ma troppe sono le difficoltà: non ci sono i fari, difficile avere le autorizzazioni, trovare gli sponsor per le squadre, trovare le porte, gli arbitri… E’ troppo tardi.

Non c’è più passione?
I giovani di oggi si scoraggiano subito e sembra che abbiano di colpo perso anche questa passione!
I giovani hanno bisogno di animatori!
Infatti se non c’è l’organizzatore professionale stai pur certo che non conoscono l’arte di arrangiarsi, di auto-organizzarsi.

E’ tardi, forse, per trovare l’organizzazione, per far ripartire una manifestazione estiva storica, ma una cosa si può ancora fare per ricreare un minimo di entusiasmo nei nostri giovani e questo lo può fare solo il Sindaco:
“Caro Sindaco, alle Forna, nel campo sportivo, ci sono due piccole porte; si potrebbero portare sulla spiaggia di Sant’Antonio e forse i ragazzi, nel tardo pomeriggio, invogliati a sparare la palla nella rete, frequenteranno di nuovo la spiaggia per giocare a pallone.

Meglio una pallonata in faccia che altro.

Beach soccer.2 [3]

Porta di beach soccer [4]