Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0005-005 k2-28 p-06 fg s-_silverio_febbraio_1961 scansione0002

Dedicato ad Antonio

Condividi questo articolo

 di Vincenzo Ambrosino

Fieno fine anni '70

 

E tu hai creato anche per noi questo regno,

imprendibile regno per sconosciuti.

Alcuni che vi sono giunti, annunciati come lo siamo stati noi

sono morti al mondo per rivivere nella letteratura.

Ora siamo capaci di scrivere, sentire, percepire

la voce dei fantasmi delle stagioni passate.

Siamo stati iniziati ad una vita bucolica

che solo i puri riescono a far rivivere.

 

All’alba, si rinnovava il miracolo

quando si partiva da casa,

assonnati, ancora sognanti, si andava

oltre il monte che una volta superato faceva

da argine alle nostre paure.

Davanti il cielo e il mare… l’infinito.

Protetti dal mondo, vivevamo un altro mondo.

 

Il miracolo si ripeteva:

in autunno quando le viti erano cariche,

uva di paradiso, grappoli carnosi,

i nostri giovani corpi pronti alla raccolta

di giorno, di notte la vendemmia dell’amore.

 

Il miracolo si ripeteva:

in inverno quando cercavamo

bagnati e infreddoliti

quel tepore che il nostro rifugio ci donava

e noi, accovacciati come lattanti intorno

ad un piccolo tavolo pieno di sorprese

trovavamo un nuovo corpo materno

per prolungare all’infinito la nostra eterna infanzia.

 

E il miracolo si ripeteva:

nella tarda primavera,

“l’impareggiabile spettacolo del ritorno

delle quaglie dall’Africa con i cani in ferma”.

Negli orti i carciofi e le fave 

appena colti profumavano le cantine,

gli asparagi crescevano ovunque,

Eravamo sicuri di essere in vita!

 

Abbiamo ammirato incantati come serpenti al sole, l’antica pazienza

di mani callose, mai stanche a districare i nodi della sopravvivenza

tra filari bassi di viti.

Ma oltre la fatica, oltre il sudore, oltre la necessità

abbiamo ritrovato la condivisione di un sogno.

Abbiamo imparato da veri uomini a saper giocare in vita e con la vita.

 

“L’uomo che non gioca, ha perso

per sempre il bimbo che viveva in lui,..”

la nostra casa l’abbiamo costruita come un  giocattolo

e ci abbiamo giocato dalla mattina alla sera.”

 

Inconsapevolmente, siamo diventati parte di un rito

che si ripeteva immutabile per tutto l’anno:

Il tempo, i gesti, le parole, le frasi, i giochi, gli amori, le passioni,

percorrevano  gli umori, i sapori, le melodie delle quattro stagioni.

Stavamo al Fieno perché uomini liberi,

ma seguivamo regole non scritte, non imposte, suggerite

da un regista divino.

 

“Quando il sole, con i primi raggi,

toccava gli scogli, 

batteva il tempo della cosiddetta ‘marenna’.

“U sole sta pezzecànne”  – si sentiva in tutta la valle.

“Viene a béve!” –  era il grido di una memoria collettiva

che per duecento anni si è perpetuata ogni giorno.

 

Dai terrazzamenti vedevi i vignaiuoli,

annunciati dall’abbaiare dei cani

raggiungere la cantina di turno.

Ognuno nel proprio zaino portava qualcosa da casa,

preparato dalla moglie la sera prima e nell’aprirlo,

vedevi un sorriso sul loro volto,

come i bambini quando rompono l’uovo di cioccolato a Pasqua.

Spesso loro stessi non sapevano cosa sarebbe uscito da quello zaino”.

 

Hai rubato per noi la saggezza di Adalgiso,

ci hai svelato la fantasia di Ninotto a Feccia,

ci hai fatto comprendere la poetica di Giustino,

inseguire la purezza di Ciccillo Damigiana,

toccare la semplicità di Luigi,

imitare l’allegria di Gioì,

sognare la forza di Pasquale,

aspirare alla fedeltà di Silverio ‘a Bufera,

ammirare la religiosità di Silverio Mazzella,

raggiungere la coralità di Benito.

 

Anche noi, come il tutto al Fieno siamo arrivati all’incontro con l’armonia.

Grazie per tutto questo amico mio.

.

COPERTINA

.

Nota – Nella foto di apertura, da sin a dx: Antonio, Sergio Di Giovanni, Vincenzo, Enzo Gargano

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.