Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v4-12a t6-22 ss12-1 40 6 sl372216

Storielle ponzesi in pillole. (21). Vendita al minuto

Condividi questo articolo

di Michele Rispoli

 

Negli anni cinquanta le famiglie dei pescatori di Ponza erano molto unite e le mogli partecipavano in ogni maniera alla vita del coniuge.

Rosa ’i Santella, moglie di Giuseppe ’i Mamena, collaborava attivamente con il marito; vendeva i pesci pescati dal marito, da una cassetta poggiata sul muretto fuori al suo negozietto, all’incrocio del corso, prima del tunnel di Sant’Antonio, via Dragonara, e la via Nuova.

La domenica, la furba signora Rosa, sapendo che la gente non va a fare compere, andava alla prima Messa e si fermava vicino la porta, mentre la gente si sedeva (allora le sedie si affittavano, oppure ogni famiglia aveva le proprie).

Una volta iniziata la Messa, si faceva il giro della chiesa, con la sua sedia-mobile; si avvicinava alla gente seduta e diceva:
Giuseppe ha purtate i rutunn ’ruoss, ’u vuo’ ’nu chile? – e a secondo della richiesta segnava.

’U paricchiano don Luigi Dies lo sapeva e annuiva. La messa non finiva mai prima che Rosa avesse finito il giro della Chiesa.

I rutunn' - Zeri o zerri

I rutunn’: ‘zeri’ o ‘zerri’ in italiano (Maena spicara smaris); i rutunn ’ruoss: i rotondi grandi

Condividi questo articolo

1 commento per Storielle ponzesi in pillole. (21). Vendita al minuto

Devi essere collegato per poter inserire un commento.