- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

La memoria in una foto

di Annamaria Usai 

Foto di gruppo. Scuola Avviamento. Anno 1962-63 [1]

.

Il 26 giugno scorso abbiamo pubblicato un pezzo di Lino Catello Pagano dal titolo “Ricordi di scuola” (leggi qui [2])

Nella circostanza era stata inserita la bella foto inviataci da Lino, che riproponiamo, ritraente gli alunni della scuola di avviamento dell’anno scolastico 1962-63.
A margine dell’articolo chiedevamo a coloro che in quegli anni frequentavano quella scuola, di cercare di riconoscere se stessi e, per quanto possibile, i propri compagni.

Poco dopo, Anna Maria Usai e Franco Zecca, amici e collaboratori del sito, ci hanno fatto avere un elenco con i nomi di quelle compagne e di quei compagni. La maggior parte di essi.
Non sono tutti ma ce ne sono tanti.

Anna Maria, cui facciamo i complimenti per la bella memoria, in alcuni casi fa seguire ai nomi i soprannomi, pratica molto efficace per una immediata individuazione dei soggetti, per altri ci dà qualche notizia della vita futura, come i matrimoni tra Giovanna ed Andrea Mazzella, tra Maria Vitiello e Raffaele Abbenante, tra Maria ed Emiliano Morlè; di altri ancora ci dice dei traguardi raggiunti, come per Di Meglio Pompeo e Conte Salvatore, che per fare fortuna scelsero la strada dell’emigrazione.

Molte persone, tra quelle ricordate da Anna Maria e Franco, le conosciamo; vivono a Ponza, sono nostre amiche e nostri amici, con vite in molti casi coronate da grandi successi professionali.
La Redazione

Nota – Cliccare sulle foto per ingrandirle

 

La memoria in una foto
di Anna Maria Usai

– E comme, nun me ricorde!? …E chi s’ ‘i pò scurda’?

avviamento anno scolastico 1962-1963 - gruppo femminile [3]
Comincio con il reparto femminile.
Partendo da sinistra e dalla prima fila in alto troviamo: con gli occhiali Rosalba Scarpati; con la testa inclinata Maria Assunta Feola; accanto proseguendo Maria Vitiello (attuale moglie di Raffaele Abbenante che troveremo più avanti); a seguire, sorridente, l’insegnante di Economia Domestica e poi la sig.ra Enza (di cui mi sfugge il nome), insegnante di matematica.

Appena più giù, in seconda fila, sempre da sinistra verso destra:
Ornella Conte, Lucia Marcone, Carmelina Argiero (Carmen), Serafina Vilella e a fianco, in abito bianco, l’insegnante di “Pratica”, Laura Pernigoni.

Scendendo, in terza fila: Rosina Costanzo (Rusinella), Pina Colella, Olimpia Iacono, la ragazza subito dopo è di Santa Maria, ma non ne ricordo il nome; poi c’è Silvia Vitiello (sorella del dr. Biagio); Vera (di cui non ricordo il cognome, ma la mamma è una Galano), Pompea Romano (la ragazza che si vede appena), nostra cugina di secondo grado, nipote di zia Restituta, delle Forna “’i abbascie ‘u camp’”, Rita Vecchione e Dirce Mazzella.

La fila successiva, scendendo, è formata da cinque alunne: Anna Vitiello, la ragazza bionda con i capelli ondulati, figlioccia di nostra zia Olga; a fianco una ragazza di cui ricordo solo il cognome, Amalfitano, che oggi vive negli Stati Uniti; la terza è Maria Civita Coppa, figlia di Adalgiso; poi veniamo io e Maria Migliaccio, figlia di Giulio del “Bar Panoramica”.

Infine nella prima fila in basso: Maria, futura moglie di Morlé Emiliano (che vedremo più avanti e che ha un negozio di scarpe in corso Pisacane); a seguire Giovanna, poi moglie di Andrea Mazzella, Porzio Angelina, Maria Feola (sorella del dr. Isidoro) e Maria Luisa, sorella di Gennarino ‘u prevete.

Molti più nomi nel reparto maschile:

scuola avviamento anno scolastico 1962-1963 particolare [4]

Partendo dall’alto e sempre da sinistra verso destra, troviamo:
il prof. Spinosa, insegnante di “Nautica”; con giacchettino scuro e camicia bianca ccollata c’è Morlé Emiliano, di cui abbiamo già visto la (futura) moglie; poi Colombano di sopra Giancos (oggi negli Stati Uniti); a seguire Franco Di Meglio, prima del prof. Simeone, il più alto di tutti nonché cognato di Serto Nunzio; davanti a lui c’è Cristo Salvatore biondo con la riga dei capelli a sinistra; a seguire Raffaele Abbenante con maglione a “V”; poi viene Vincenzo Costanzo, figlio di Ninì ‘u Matunare; Mazzella Beniamino; Luigi (Gino) Catena, quello che ride; Spigno Domenico, alto con la bocca aperta; poi Gino Di Fazio e Di Meglio Pompeo con maglioncino nero, possidente che vive a New York (pare che abbia un albergo). Ci sono poi il Maestro di Musica prof. Anzalone Giovanni e Don Salvatore Tagliamonte.

In seconda fila, davanti alla prof.ssa Pernigoni, ci sono Salvatore Balzano, ora pittore artista in Le Forna; a fianco, sorridente, Conte Salvatore (attualmente medico diabetologo negli Stati Uniti); a seguire Gaetano Sogliuzzo, Casalino, Tonino Vitiello (fratello di Maria, già citata), Silverio Migliaccio (figlio di Giulio del Bar Panoramica), Antonio Scotti detto Sem (piccolino e con il viso scuro), Enzo Mazzella (Enz’ ‘i Nunziatella, Enros). Poi c’è il prof. Alberto Zeffiro, diventato successivamente cognato di Raffaele Abbenante; appena più giù Gino Mazzella (figlio di Tonino ‘u Maresciall‘; a fianco del prof. Zeffiro c’è Liberato Scotti con la camicia a quadri, poi Silverio Valiante, Giuseppe Scotti (detto “befana”) con accanto Giacomino e, con il maglioncino bianco, Silverio Capone (futuro papà di Antonio, webmaster di Ponza racconta).

avviamento anno scolastcio 1962-1963 particolare [5]

Alla fila successiva riconosco, con gli occhiali, Antonio ‘U Prucedane”; più in là andando verso destra Silverio Scarpati (detto Pelé). A fianco di Silverio c’è Biagio Mazzella, detto Biaggine d’Anghelìtt’, a seguire, al quartultimo posto, Antonio Mazzella, fratello di Pierino.

Passando, infine, alla prima fila in basso, si riconosce Pompeo d”a Pisciazza, a fianco, sull”attenti” e con la giacca abbottonata, c’è Peppino Giannetti; a seguire Gildo Colonna, Ennio Parisi e Lino Catello Pagano (biondo, alto e sorridente). All’estremità della fila, con il maglioncino a rombi, Giuseppe Mazzella (ora avvocato, redattore di Ponza racconta).

Una faticosa ricostruzione, seppure parziale, da una bellissima foto con tanti volti, tanti ricordi e tante storie ancora da raccontare…