Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-16 isi-02 lamonica-01 12 61 82

‘m Paravise

Condividi questo articolo

di Anna Mazzella Marciano

 

Riceviamo in Redazione e volentieri pubblichiamo questo racconto in dialetto di Anna Mazzella Marciano, abituale collaboratrice del nostro sito.
L’elaborazione del dialetto scritto richiede una cura particolare e non tutto è definito in proposito (…ci stiamo lavorando).
Un consiglio che ci sentiamo di dare ai lettori, specie se non adusi alla lingua napoletana e meno ancora alla sua forma scritta, è quello di leggere il testo ad alta voce: la comprensione del senso ne viene molto facilitata. Provare per credere!

Grazie ad Anna Mazzella Marciano per questa bella prova e speriamo ci mandi altri scritti  in dialetto…
La Redazione

Ai cancelli del Paradiso

 

Giuseppe Bentivenga  se chiammava, chell’anema ca ‘mpunt’ e’ sette, d’u diciassett’ ’i maggio, ‘mpettola  fui chiammata ‘m Paravise.
Pure si se vuleva mètte ‘a cammisa nova, mentr’arrivava tutt ‘a servitù, l’omme, Giuseppe, era già spirato.
Se sàpe che l’anema è semp’ ubbidiente… Comme sentette ’u cuorp’ c’à lassava, facette ’nu suspire e se ne iette, mentre Giuseppe, meza barba ‘nfaccia, pareva ca ’a ’uardava spaventate.

Steve facenn’ ’a via d’o Paravise, quann’ poc’ luntàne d’u poste ca lassava, fui chiammate nat’ànema.
‘O cuorp’ robust’ assai, s’accasciaie, e l’anema doce doce ’u salutaie.
Mentr’ Tatonn’ cadev’ ‘ncopp’ ‘a seggia, ’a mugliera currètte, ‘a cummara ’u vestètt’ c’a cammìsa, c’a meglia cruatta , c’u ’e scarp’ lucente… e l’ anema, pur’essa vestita, facett’ l’urdemo salute.
Accussì, une annanz e n’at’ ’a rete, se truvàine a fa’ ’u stess’ cammine.

Mentre Giuseppe tuzzuliave ‘u purton’, fu raggiunto dal prossimo vicino.

– E tu cumpare bello, tu che fai ccà ‘ncopp?
– Aggia i’ ’m Paravise… M’hann’ chiamate quasi all’improvvise!
– Tu ‘m Paravise? Nunn’ è sentute buone, cumpare mio, tu ccà ’nce puoi saglì!
– Pecché, chi t’ha avvisat’ e chest’ cosa?
Io sono stat’ chiamato con urgenza e con urgenza vado; ma tu che dice, teniv’a bbarba ’n faccia?
– E che c’entra? Per essere ubbidiente ‘nn’aggie pututa fa.
– Nun è pe’ chest’ – dicett’ Tatonn’ – ‘a gent’ comm’a tte, si tien’ a mment’, nun è possibile ch’a fanne sagli’! …Ma po’ ne parlamm’ ‘m Paravise, a’ presenza ‘i Nost’ Signore “.

‘U purtone ‘ndurate s’arapètt’ e s’affacciaie S. Pietro, ca dicett’:

– Vi hanno chiamato in Paradiso? Bene entrate, poi vi domanderò…
– E no, nu’ mument’ San Pie’, e chest nun stà bbene! …Comm’ è possibile ca ie, nu’ craunàre, saglie ’m Paravise cu nu signore? …A men’ ca nun ce sta pure ccà ‘na raccomandazione, chistu signor cca’ nun po’ trasì!
– E perchè mai – respunnètte S. Pietro.
– Ma comme, proprio vuie nunn’o sapìte? Chist’ arrubbava a miezzu munn’ sano… ‘Mbroglia, sbroglia, sciaravoglia, s’è fatt’ ‘a villa , ‘a machina e servant’… ‘a mugliera cammina c’u cane! …Chell’ ’a mugliera mia tene ‘i calli ’e mman p’a fatica… e mò c’aggia vede’? Io m’avessa misca’ cu chistu ccà? Ma cca, si nun se spiega ’a situazione, c’u permesse vuost’, ie torno ’ncopp ’a terra.
– Ma cosa dici mai caro Totonno  – rispunnètt’ San Pietro – Giuseppe rubava? Va bè vedremo… In Corte questa sera ci riuniremo, per ora entrate.

’A sera, nella sala del Giudizio ce stévene tutt’ i Sante ’rraunàte… ‘u Pat’atern’, ca steve assettate, facett’ chiamma’ a Pietro e disse: – Venite!
Facettene l’inchino e salutaiene tutt’a’ seduta ca stev’ al completo, e dopo ’u Pat’atern’ dimandai:
– Dunque che c’è …Che cosa non va bene?

Dicètt’ Giuseppe: – Il mio vicino… pare che non mi vuole ’m’Paravise. ’A verità ca Vuie già canuscite, è chesta ccà: – Ie raunave ’e cicche ‘a mmiezz’a via quando la fame mi aguzzò la mente… Tenenn’ ’a sfama’ figlie e mugliera, cercai nel commercio la mia via. Accumenciaie ch’e’ cicche ‘a mmiez ’a via e so’ fernut’ cu’ tutt’altra qualità… Comm’è succiess’? È che me so’ arrangiate…

Già –  respunnètt’ Tatonn’ – e ie c’aggie semp’ mangiate pan’e cipoll’ e c’aggia fatte semp’ ‘o craunàre pe’ campa’ onest’, che m’aggia diggeri’..!

Ma dicètt’ san Pietro, ca parlanne, faceva le veci del Signore: – Tu pure è arrubbat’ sempe ‘ncopp’ u pise; dicive “bon’ pise” …e ce mancava, mettive l’acqua e aumentav’ ‘o pise , mettive ’i prèt’ ammiézz’a craunèlle.

– Lo so san Pie’, ma io a’eva campà! …sennò manch’ ‘e cepòlle me magnave!

Quindi lo vedi – dicètt’ ‘u Signore – tutti e due avete fatto lo stesso; non siete stati proprio due innocenti… Avete cercato i mezzi per campare! Però Giuseppe ha fatto bene al prossimo, ha fatto mangiare la gente per la strada, ha dato vesti a chi stava spogliato… Totonno, tu, se non mi sbaglio, hai dato da mangiare a quei gattini che stavano morendo per la fame e quel cane che tutti hanno azzoppato e che, vecchio ed ammalato, solo tu con gioia hai amato. Questi atti di bontà vi hanno salvato. Perciò voi rimarrete insieme in Paradiso, dove ogni cosa è condivisa tra tutti e per l’eternità…

L’aneme se ’uardaiene soddisfatte ’e tutta chella bella spiegazione e ringrazziànne ‘ncore ‘u Signore, ‘u post’allòre accumenciaiene a occupa’.

 

Formia, 1963

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.