Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0003-003 v2-11 p-05 s 5-2 sl372216

Nota di risposta di Fabrizio Fumagalli, presidente regionale SIB

Condividi questo articolo

Spett.le Redazione Ponza racconta,
Il presidente del SIB Regionale dott. Fumagalli mi ha dato l’ok a pubblicare la sua nota indirizzata a tutti gli associati del SIB Ponza.
Con l’occasione si ringrazia e si porgono cordialissimi saluti
Enzo Mazzella

La nota fa riferimento ad un precedente articolo del sindaco Vigorelli pubblicato ieri su questo sito: leggi qui [NdR]

Ponza. Veduta da Giancos

 

  •  A Enzo Mazzella Presidente SIB Ponza
  •  Ai componenti del CD SIB Ponza
  •  Agli associati del SIB Ponza

e p.c.

  •  A Enzo Zottola Presidente Confcommercio Latina
  •  A Mario Gangi Presidente SIB Latina
  •  A Tommaso Tartaglione Presidente Ascom Ponza

 

Loro Sedi Roma, 26 giugno 2013

 

Caro Presidente, cari amici,

l’azione giudiziaria che ha recentemente coinvolto il Presidente Enzo Mazzella, con il sequestro del pontile della soc. Enros, riapre una ferita che sembrava guarita e che ha visto contrapposti i pontili di Ponza e la Procura di Latina.

Se guardiamo bene, alla base della azione della Magistratura non c’è mai stata la volontà di perseguire le imprese turistiche di Ponza, né quella di limitarne le legittime aspettative di sviluppo, piuttosto quella di ricondurre la gestione amministrativa del “regime concessorio” nell’ambito corretto e trasparente delle attuali leggi dello Stato.

Alla precedente Amministrazione Comunale, si contestava un uso discrezionale del demanio, una scarsa sorveglianza e, soprattutto, la mancata definizione di strumenti di pianificazione necessari per uno sviluppo del sistema turistico di Ponza, tutto questo ha inciso pesantemente anche sulla possibilità di sviluppo delle imprese.

Questo modo di “governare” Ponza, l’amministrazione personalistica, ha favorito le contrapposizioni personali tra operatori, “gli amici del sindaco pro- tempore” contro i suoi “nemici” con l’unico risultato, che quanto dovuto, diveniva un favore e che Ponza perdeva, giorno dopo giorno, la possibilità di sviluppare un turismo sostenibile, ricco e destagionalizzato.

Con il PAI che di fatto ha reso inagibile le coste dell’isola, l’intervento di sequestro dei pontili e il rinvio a giudizio della vecchia amministrazione, Ponza ha toccato il livello più basso della sua storia recente. Da questo punto si deve ripartire, la costituzione del SIB Ponza è un primo punto fermo, al quale non si può rinunciare, aver messo insieme tutti gli operatori marittimi di Ponza è una frattura forte con il passato, oggi c’è un interlocutore che rappresenta gli interessi legittimi di una categoria e lo fa nel rispetto di quelli più alti della Comunità di Ponza.

Oggi, con grande rammarico, rileviamo che il Sindaco Vigorelli non ha raccolto alcuna delle molte offerte di collaborazione da noi proposte, per avviare a soluzione i molti problemi; non ha voluto che avviassimo uno studio preliminare per il contenimento del rischio idrogeologico per Calafeola; non ha raccolto i suggerimenti per la stesura del nuovo PUA, che ne avrebbero accelerato l’approvazione; soprattutto continua a mantenere in una situazione di precarietà amministrativa molti operatori marittimi.

Mi permetto di criticare apertamente il Sindaco Vigorelli, perché sino ad oggi gli ho offerto un assoluto sostegno, spiegando a tutti i nostri associati le sue difficoltà, ponendo la nostra organizzazione in un atteggiamento di critica costruttiva e rispettosa, ma oggi, dinanzi ad un dramma anche umano che tocca un collega, ricevere una telefonata dal “suo” Sindaco con la quale mi comunica l’accaduto, esprimendo tutto il suo compiacimento, supera ogni possibile limite di corretto comportamento.
Ancora più scorretto è il tentativo di delegittimare il presidente Mazzella ed il sottoscritto, cercando i dividere la categoria.

Per questi motivi non possiamo che dare una risposta forte e chiara alla sua incapacità amministrativa e al suo tentativo condizionare la categoria: chiedere alla Regione Lazio di inviare un commissario ad acta per la gestione del demanio marittimo di Ponza.

Invito tutti i nostri iscritti a serrare le fila difendendo l’unico valore che sino ad oggi abbiamo raggiunto, che è il vero obiettivo dell’azione del Sindaco Vigorelli, l’unità della categoria.

 

Tutto ciò premesso, rinnovo la mia piena fiducia al presidente Enzo Mazzella e all’attuale C.D. del SIB di Ponza invitandoli a non farsi intimidire e ad andare avanti, sono certo che riusciremo a restituire un poco di sana “normalità” a questa bellissima isola di Ponza.

Un abbraccio.

Fabrizio Fumagalli

 

Qui di seguito si può scaricare il documento originale in formato .pdfLettera del 26 giugno 2013 Ponza

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.