Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-18-2-di-4 u-21 g-02 k2-26 v4-4 v-10

Le piante dell’Erbario. (1). ’A fenucchiella

Condividi questo articolo

Finocchio selvatico

a cura di Simone Casalino

 

Iniziamo con la presente la pubblicazione di brevi schede relative alle erbe raccolte  dai ragazzi per la preparazione del loro “Erbario ponzese” (leggi anche qui).
Si tratta di un’opera di grande respiro, che richiede più tempo per l’elaborazione, e osservazioni distribuite in tutto l’arco dell’anno, per cogliere i diversi aspetti del ciclo vitale delle piante.

I risultati parziali, alcune foto delle piante raccolte e di altre che verranno successivamente a far parte dell’Erbario  saranno presentati nella serata del 9 giugno 2013 dalle ore 21 in poi, sul piazzale della Chiesa di Santa Maria, unitamente alla Mostra su l’Appriezzo di capi di corredo: una vecchia tradizione ponzese.
La Redazione

Finocchio selv. Fiore

 

Il finocchietto selvatico

 

Il finocchio selvatico  – ’a fenucchiellaFoeniculum vulgare – Fam. Apiaceae (Ombrellifere) – è una pianta erbacea mediterranea, piuttosto diffusa a Ponza allo stato selvatico, che nonostante l’aspetto verdeggiante e l’alto contenuto acquoso si trova anche in luoghi aridi e sabbiosi; grazie alla sua radice molto profonda, a fittone.

Questa pianta viene data in dosi moderate in pasto ai conigli e soprattutto alle femmine per idratarle dopo il parto e durante l’allattamento, ma bisogna stare attenti che i conigli siano adattati ad una dieta con erbe fresche.

Si tramanda ormai da generazioni a Ponza la ricetta del liquore di finocchietto fatto con il fiore giallo della pianta trattato a modo e lasciato in alcool a macerare per qualche tempo, così da sprigionare il suo buon odore e sapore.

I semi del finocchietto selvatico sono uno degli aromi delle ‘mostarde’ ponzesi (leggi qui), presentate con il “Piccolo ricettario” dello scorso anno.

Una ricetta ripresa dalla tradizione siciliana prevede l’uso delle foglioline sottili del finocchietto (barbe) per insaporire la pasta con le sarde.

Alcune donne isolane, ancora oggi, tagliano ciocche della pianta o la tritano in vasetti con acqua che mettono in cortile per profumare l’ambiente.

 

Finocchio selvatico.1

 

 

[Le piante dell’Erbario. (1). Continua]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.