- Ponza Racconta - http://www.ponzaracconta.it -

Una rete di conchiglie

Rete di conchiglie [1]

di Sandro Russo

“Si dice che se una conchiglia luccica, in riva al mare, nasce un amore”
[Teresa Di Gaetano in: “Conchiglie e altre storie”; Montedit Ed. 2006]

Per altri articoli sul tema digita – conchiglie – in CERCA NEL SITO

 

I primi articoli sulle conchiglie pubblicati su questo sito, hanno suscitato molto interesse tra i nostri lettori e collaboratori

Dopo qualche giorno ci ha contattato Biagio Vitiello (il dott. Biagio) per informarci di una sua idea per un Museo malacologico e mineralogico, nel tunnel sottostante al Belvedere. Che a suo tempo, ci ha detto, fu bloccato per motivi troppo complessi da spiegare; ma se qualcuno fosse interessato… lui sarebbe pronto a rispolverare quel vecchio progetto…

Belvedere.1 [2]

Prima ancora la nostra Rita (Rita Bosso – NdR) ci ha intrattenuto a lungo su un personaggio molto conosciuto qui a Ponza come orafo, velista, amico di molti, che per circostanze quasi romanzesche adesso si trova a vivere alle Seychelles; dove continua a fare bellissimi gioielli con preziosi e conchiglie…

kreolor2 [3]

kreolor3 [4]

Ma non é tutto. Parlando di ‘lavori’ in cui potrebbero essere coinvolti i bambini delle scuole elementari, sono venute fuori altre idee di attività creative e al contempo istruttive, per avvicinarli al mondo delle conchiglie in modo diverso dai banchetti che i ragazzini tengono d’estate sui marciapiedi.

Si potrebbero usare per comporre collage e figure, materiali che vengono dal mare, raccolti lungo le spiaggie; sassolini e conchiglie, come è stato fatto in una scuola di Viareggio, da cui abbiamo preso questa figura di ‘arcimboldo’ (da Giuseppe Arcimboldo o Arcimboldi, Milano, 1526 – 1593).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA [5]

E da un ‘arcimboldo’ all’altro, sfogliando le realizzazioni di un geniale regista e sceneggiatore ceco, Jan Švankmajer (Praga, 1934), di ispirazione surrealista, ecco cosa ci è capitato sotto gli occhi:

Jan Svankmajer. Arcimboldo [6]

E libri ispirati dalle conchiglie? Tanti ce ne sarebbero! Dobbiamo aprire anche questo fronte, con il nostro collaboratore malacologo Italo Nofroni…

Per restare tra le nostre conoscenze, ne abbiamo espunto uno che l’Autore, il ‘nostro’ Lino Catello Pagano, ci fece leggere qualche anno fa.

La collana di conchiglie di Ponza. Di LCP [7]

Come racconta anche Enzo Di Fazio, “La Casa del Corallo” di Aniello Calise a S. Antonio, è stata per anni la fonte di approvvigionamento per numerosi ponzesi, e anche di conoscenza del fantastico mondo delle conchiglie esotiche, da cui, come isolani, erano inconsapevolmente – ma in modo irresistibile – attratti.

Di questa attività rimane un lascito di una quindicina di anni fa, alla Chiesa delle Forna, di due grandi tridacne (Tridacna gigas), all’ingresso, in funzione di acquasantiere.

Chiesa de Le Forna.1 [8]

Chiesa de Le Forna.2 [9]

Insomma, sembra che con queste conchiglie, a Ponza, abbiamo scoperchiato un vaso… anzi: una conchiglia di Pandora!

Cos’altro ne verrà fuori?