Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_14-01-48 foto-0001 k2-24 s-05 v7-20 75

Quanto è profondo il mare… Florilegio (1)

Condividi questo articolo

Paesaggio sottomarino nel blu. Con gorgonie

di Sandro Russo

 

“We are such stuff as dreams are made on,
and our little life is rounded with a sleep”

 [“Noi siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni, e la nostra breve vita è circondata da un sonno”]

[Prospero, in “La Tempesta”, Atto IV. Scena I. (William Shakespeare]

 

Sotto il mare, dove le macchie colorate sembrano fiori ma non sono fiori, tutto è evanescente e sfumato. Anche i colori cambiano, con la profondità, fino a svanire del tutto e trasformarsi in gradazioni di grigio; per riapparire all’improvviso, vividi e brillanti, alla luce di una lampada.

La visione, sotto il mare, ha la stessa natura dei sogni…  fluttuante e mutevole, tremula per la presenza di correnti a diversa temperatura; a volte provi ad afferrare un oggetto che sembra a portata di mano, ma non è. Sei senza peso e ti muovi senza sforzo; mentre altre volte lotti contro la corrente e ti affatichi invano, senza riuscire a muoverti. Proprio come quando, nei sogni, si cammina nella sabbia.

 

Gli psicologi infatti, considerano il mare la grande metafora dell’inconscio umano; ancora più ricco e misterioso perché difficilmente accessibile.

“Nelle simbologie appartenenti a culture diverse, l’uomo si è sempre immaginato tra la Terra e il Cielo: – “Urano e Gea nella tradizione greca, Purusha e Prakriti nella tradizione indiana, Tien e Li nella tradizione cinese.  In tutte queste regioni del mondo la formula era: “il Cielo copre, la Terra sostiene”.
Del Mare nulla (…) …Le linee del mare sono infatti le profondità dell’abisso e il senza-confine dell’orizzonte; due dimensioni che inquietano la ragione, incapace di vivere senza i segni del mondo, ma non il cuore…” – [Umberto Galimberti, ibidem].

.

Gorgonie

 

[Quanto è profondo il mare…  Florilegio (1) – Continua]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.