Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-22-39 i-09 lfi u-03 m2-8 hp0057

I due volti della Morte nera. Morire di carbone in Belgio. Di Walter Basso

Condividi questo articolo

Walter Basso. I due volti della Morte nera

Riceviamo in Redazione e volentieri pubblichiamo.

 

Spett.le Redazione

Le Edizioni Scantabauchi srl. informano che è appena uscito un volume dedicato all’emigrazione italiana in Belgio dal 1946 al 1963 dedicato ai minatori italiani dal titolo “I due volti della Morte nera – Morire di carbone in Belgio”.  Il volume, molto particolare, recensito positivamente da molte testate e presentato anche a Roma su TV2000, curato dal giornalista autore Walter Basso è disponibile presso l’Editore tramite sito www.edizioniscantabauchi.it con lo sconto del 20% sul prezzo di copertina

Alleghiamo scheda in visione, in formato .pdfScheda libro I due volte della Morte nera

Il volume in oggetto è distribuito da Ferrari Libri di Limenma PD
Nel caso ci fosse interesse per una presentazione dell’opera, l’Autore è disponibile.

Grazie per la cortese attenzione e buon lavoro.
Walter Basso

 

Nota della Redazione
Abbiamo trattato della tragedia di Marcinelle in un articolo di Enzo Di Fazio del 27 gennaio u.s. (leggi qui) nella ricorrenza del Giorno della Memoria.

Condividi questo articolo

1 commento per I due volti della Morte nera. Morire di carbone in Belgio. Di Walter Basso

  • polina ambrosino

    Tempo fa, su Rai Storia vidi un documentario riguardante la tragica vicenda di Marcinelle, in cui una troupe arrivava a Ponza in elicottero, per intervistare Aldo, il signore anziano del nord Italia, che da tantissimi anni vive a Ponza, dove sposò in seconde nozze Giuseppina Migliaccio. Aldo fu uno dei pochi minatori che riuscì a salvarsi a Marcinelle. Sarebbe molto interessante intervistarlo nuovamente per sapere dalla sua voce cosa vide, come si sentì e come superò la tragedia vissuta in prima persona. I testimoni delle pagine importanti della storia del secolo scorso stanno ormai man mano abbandonando questo mondo: tenere viva la memoria è, oltre che culturalmente giusto, anche moralmente dovuto.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.