Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0002-002 v5-4a 3 85 15 articolo2

La scelta di Benedetto

Condividi questo articolo


di Anna Mazzella Marciano

 

Mò ve faccie capi’

pecchè me ne so’ gghiute…

 

Steve quase durmènne

’ncopp’ a’ poltrona mia

quann’ me vene ’nzuonn’

‘na faccia ’e creatura…

 

’na voce ie senteve

mentr’essa me parlava

’na voce lenta e chiara

che me traseva ’ncapa:

 

“Benny devi capire

che l’ora tua è finita.

Altro deve venire

che avrà più voce e spazio;

non devi tu morire,

altrove devi andare,

hai ancora da scoprire

ancora da imparare.

C’è Franco all’orizzonte

che avrà molto da fare.

Tu lo devi aiutare

Vide comme e’ ’a fa’ .”

 

’Na musica luntana

e ’nu suon’ ‘e campane

’u scétàiene  ‘ntrasatte;

se mettette a pensa’…

Chiammaie tutti a rapporto

e si svelò l’arcano

senza sape’ comme

parlò in napoletano…

 

“Me n’aggia i’, è tiempo.

Sta for’ ‘a porta o Frate

che pare assie luntane

Isse va mmiezz’a gente

comme fosse normale…

Pure sentenn’ o’ pes’

e tutte ’stu Conclave

È  nuova leva

e ’nu poche pure italiano.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.