Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

k1-13a sh ponza-frontone-matilde-conte-e-marito-antonio-mazzella-e-figlio-umberto-mazzella 97 corrida6 Forme multicolore di spugne incrostanti

Modi di dire ponzesi

Condividi questo articolo

di Antonietta Migliaccio

Per un altro articolo sullo stesso personaggio, di Silverio Lamonica, leggi qui 

 

Con il detto “fare come ’u prèut’ ’i Balzano” a Ponza si intende essere tanto attenti ‘in astratto’ ad un aspetto della vita e poi non curarlo adeguatamente su se stessi; ci si riferisce in genere alla pulizia.

Mi raccontava mia madre che ai tempi che lei era ragazzina si usava a Ponza portare il latte a domicilio, casa per casa, direttamente con la capra, e che questo lavoro era affidato ai bambini.

Anche  ’u prèut’ ’i Balzano  fruiva di questo servizio, ma era particolarmente esigente. Tra tutti i possibili fornitori aveva scelto il fratello piccolo di mia madre (mio zio Luca, scomparso qualche anno fa in tarda età – NdA). Allora era un ragazzino sveglio e scuro di carnagione e il prete l’aveva preferito perché gli sembrava avesse un aspetto particolarmente ‘sano’.

Un giorno che mia madre – abitavano ‘sopra i Conti’-  era vicino al pozzo (’a piscina), vede il prete arrancare verso di lei. Le chiede dove stava il ragazzino, Luca, e perché non gli portava più la capra con latte. Convocato, Luca viene di malavoglia e risponde che non ci voleva più andare, perché ‘chille’ era scazzelluse; lo tormentava mentre lui mungeva la capra… E statt’attiente… e sposta chella zizza chiù ’a ’llà… e leva chillu pile…
Ie nun ce vanghe cchiù a purta’ ’u llatte!

A questa ulteriore impertinenza, il prete gli si fa davanti per dargli uno scappellotto, ma Luca è più svelto e se ne scappa, mentre lui si trova sbilanciato e cade lungo disteso nella pozzanghera di fango davanti alla piscina.

Oddio! …i microbi …quanti microbi che mi sto prendendo!

Mia madre, che neanche sapeva cos’erano i microbi, si dà da fare per recuperare la situazione, e con una bacinella d’acqua pulita e una spazzola prova a strofinare la tonaca per levare via il fango… Ma più puliva e più sporco veniva fuori.

Così in situazioni simili a casa nostra si diceva: Nun fa’ comme ’u prèut’ ’i Balzano!

 

Foto di Mario Giacomelli (1925 – 2000). “Pretini”, dalla serie: Io non ho mani che mi accarezzino il volto (1961 – 1963) – NdR

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.