Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-30-36 i-07 v4-4 ss05-1 78 La tana dei re di triglie

Spigolature da “Incontri culturali”: il dialetto (1)

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca (Franco)

 

Nell’ ambito degli Incontri Culturali sabato 30 nella sala del Museo ci si intratterrà sul tema: Un tuffo nell’identità culturale: il dialetto.

Per i lettori che sono lontani, invece che proporre un sunto, come ho fatto per gli incontri precedenti, anticipo alcuni argomenti che saranno affrontati.

L’identità culturale è l’insieme di conoscenze, usanze, tradizioni, valori che appartengono ad un gruppo sociale che li ha definiti nel corso della propria storia, e che sono propri di esso, tanto da identificarlo nel complesso delle culture .
Gli individui che appartengono al gruppo sono imbevuti di tale identità che li fa riconoscere.
Fra gli elementi costitutivi di una identità culturale c’è il dialetto.

Perciò parlerò del dialetto ponzese servendomi però di poesie. Anzi, ripercorrerò l’ultima raccolta che ho pubblicato nel 2008 col titolo “Chiena ’i mare”.

Chiena ’i mare o mare in piena, che è la manifestazione del mare dopo una burrasca.
Scema il vento perché combattuto da un’altra spinta proveniente da un quadrante diverso della rosa dei venti, c’è cala, è tutto quieto, ma il mare bolle perché la forza sotto la superficie ancora è forte.
l mare è gonfio…come era il mio animo quando ho sentito il bisogno di buttar fuori quello che mi premeva in seno.

– Ma allora sarà un fluire di argomenti sulle tue poesie? – Sento già questa critica. Rassicuro dicendo quello che ho sempre ripetuto: la mia poesia (se così la si vuole chiamare) deve tutto alla fortuna d’essere nato io in questa isola. Tutta la mia produzione affonda le radici nell’humus del dialetto, e sviluppa il suo fusto nell’aere ponzese, e i suoi fiori (quando sbocciano ) profumano di Ponza.

Va bene, ma nello specifico, come si evidenzia questa “identità”?

Ne mostro un esempio in questa poesia: A casa

 

’A casa mia sta a Ponza

’A casa mia è Ponza !
Cca sengo u mare

ca  iastemme c’ u viento

p’i mille  turmiente

ca ce dà.

 

D’u  cielo scenne u scuro

e io ’ncoppa a  ’stu  ciglio

sulo sulo

me guardo i mmane,

m’ i ggire,

m’i vvote.

 

I fatte me so’  passate

ind’ i dete

lascianno  u  palmo

avvacante,

e a vita s’è spersa

currenno annanze.

 

Cca però trovo u petagno

pecché i resate d’ i uagliune

me porteno p’ i vicule,

p’ i grariate

a rubba’ i pennecille

p’ u fucarazzo ’i Venerdì santo,

a nasconne ind’ ’i ruttelle,

doppo ’a marachella.

 

Sotto ll’arcate d’ a piazza

c’ a fantasia,

ncontro a papà mio

ca ioche a cuppulate

c’ u “lanternaro”,

proprio addò ogge

Ernesto strepete e allucca

pecchè Ponza

comme ’a guarde ’a guarde

fa acqua.

 

Chelle querciole

vedono l’umanità

d’ a ggente ca se trascina

senza  truvà

ind’ u paese addò è nata

a gioia

’i vunna’ contenta..

 

Ma…

nun me lamento, no,

nun me lamento.

Io m’accuntento

d’ u tempurale

ca fa deserte i vvie

e, si voglio truva’ compagnia,

vaco ind’ a chiesa

addò na litania

m’ avvecina a Ddio.

 

Cca, ogne cosa

trova nu posto

pure si ’mpruvvisate,

e chesto

me fa esse piantato

ind’ a ’sta vita

spasa.

Pecché cca sta a casa

 

Ponza è a casa mia.

Accussì voglio ca sia.

 

Dove  è espresso l’attaccamento viscerale del ponzese alla sua terra.
Una terra amata e altrettanto odiata per l’estraneità che i compaesani nutrono fra di loro e, tutti insieme, nei confronti dell’isola.

Ma, allora, direte, ci sarà soltanto da raccapricciarsi quella sera, a quell’incontro ?
Chiaro che no, mostrerò come il dialetto riesce anche a rendere leggero e piacevole il vivere paesano.
Lo dirò su questo sito nella seconda parte.

[Spigolature da “Incontri culturali”: il dialetto (1) – Continua]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.