Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0050-050 foto-0002 k2-28 ss08 65 93

Riprende l’attività della stazione di inanellamento di Ponza Le Forna

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

 Precedenti articoli sul tema digitando in CERCA NEL SITO: Stazione Ornitologica Ponzese

 

Visita dovuta, alle soglie della primavera, alla Stazione Ornitologica Ponzese che quest’anno festeggia i dieci anni di attività  (2003-2013).

Come ogni anno gli entusiasti operatori del Progetto cominciano a riunirsi per l’inizio delle attività [Cfr. le informazioni relative nella note alla fine dell’articolo]

Dal frontespizio del sito: a sin. il logo e a destra l’immagine di una sterpàzzola, ‘a fucedola (cliccare sull’immagine per ingrandirla)

Parliamo con Fabio Giannetti, luogotenente del Progetto, in attesa che nei prossimi giorni arrivi Massimiliano Cardinale – ideatore e anima dell’iniziativa qui a Ponza – dall’estero dove vive e lavora per la maggior parte dell’anno.

Fabio ci dice che tutto è pronto, le reti sono state posizionate e tutto il sistema è operativo; solo che gli uccelli che si prendono sono ancora pochi; non che non ce ne siano, ma succede che quando c’è vento il movimento delle reti mette in allarme i volatili, che le evitano.

Gruccione (‘u quaraquaglie). Foto dal sito della Stazione Ornitologica Ponzese

 

Informazioni per il progetto di inanellamento, Ponza 2013: dal sito ufficiale del Progetto: http://www.inanellamentoponza.it

“Il progetto inizierà dal 10 Marzo fino al 19 Maggio.
Le attività di cattura e inanellamento nella stazione ornitologica di Ponza sono effettuate a scopi scientifici sulla ecofisiologia delle migrazioni, condotte in collaborazione con l’Università di Ferrara, l’Istituto Max Planck di Ornitologia (Seewiesen, Germania) all’interno del progetto “Flexibility and constraints in animal movement patterns: ecology, evolution and annual cycles” coordinato dal Norwegian Research Council.
Gli uccelli vengono catturati con apposite reti poste nella vegetazione ed inanellati con appositi anelli metallici forniti dall’ISPRA (Istituto Superiore per la ricerca e la protezione ambientale). Gli individui catturati vengono immediatamente rilasciati dopo la raccolta delle misure biometriche e fisiologiche”.

 

Ai ragazzi della stazione gli auguri di buon lavoro da parte della Redazione di Ponza racconta.
Teneteci informati del procedere della vostra attività…

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.