Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0002-002 k2-14 1024325313b corrida11 stradina Idraulica antica: parte dell'acquedotto

Epicrisi di una settimana di dibattito su ‘Ponza racconta’

Condividi questo articolo

di Vincenzo Ambrosino

 

E’ finita una nuova settimana di Ponza Racconta  e mi chiedo: “È cambiato niente? Attraverso la lettura abbiamo appreso qualcosa di nuovo?”
Mi permetto di analizzare solo agli articoli riguardanti il cosiddetto “dibattito”

Il primo  articolo è stato scritto il 2 febbraio 2013 da Paolo Iannuccelli:Romagna (non più) mia”. Paolo racconta: “Dopo aver trascorso anni sulla riviera romagnola, possedendo una casa a Milano Marittima, nel 1988 ho scoperto la bellezza di Ponza, innamorandomi di un posto di una bellezza rara”

Ma cosa manca a Ponza: gli imprenditori all’altezza!

Silverio Lamonica 2 febbraio 2013 commentando risponde “Sono pienamente d’accordo sul contenuto dell’articolo. Occorre, però, un “gemellaggio” tra operatori turistici ponzesi e i colleghi di Milano Marittima e qui mi rivolgo alla sensibilità dei vari dirigenti locali: da Tommaso Tartaglione (Ass. Commercianti) a Mastropietro (Ass. Albergatori) a Mazzella (sindacato balneari) agli stessi amministratori comunali. Cari amici, chiedete un confronto con questi vostri colleghi romagnoli e istituite con loro un tavolo di lavoro: avremo tutti da guadagnare!”

E qui ritorna il vecchio tormentone: sono le società che fanno gli amministratori o gli amministratori che fanno le società?

Ma l’articolo certamente più “forte nei contenuti” è stato scritto il 2 febbraio 2013 da Michele Rispoli L’autocertificazione. In effetti egli dice che questa amministrazione ha praticamente già fallito i suoi obiettivi e in qualche modo bisogna farglielo capire scendendo in piazza o facendo una sottoscrizione e mandarla al prefetto.

Questo articolo è stato commentato da Silverio Vitiello il 3 febbraio 2013. Ci fa notare che Michele Rispoli ha perso già la pazienza ma conferma che nell’isola “Sta crescendo la rabbia”; è opinione pubblica che questa amministrazione ha fallito! Addirittura il Vitiello afferma che si sta ripetendo a Ponza, qualcosa che è avvenuta tanti anni fa: “Oggi  l’attuale crisi economica dell’isola, sta creando una nuova esigenza che tutti stanno cominciando ad affermare: unirsi per crescere ma bisogna liberarsi dal sindaco forestiero che sta distruggendo la speranza di continuare a vivere in questa isola”.

Francesco De Luca, come a smorzare i toni della polemica scrive il 3 febbraio 2013  “Opinione pubblica, nuova coinquilina.”

E infatti Franco da buon maestro ci spiega: Cosa è l’opinione pubblica?
“Analizzo i due termini dell’espressione: a) – ‘opinione’. È il giudizio, il convincimento, la percezione che ciascuno ha di un fatto, persona, cosa. L’opinione è la risultante individuale di un ragionamento. Ciascuno ha la sua opinione, perché ognuno elabora convinzioni con la propria testa”. E poi termina il suo articolo: “Perché ho manifestato questo argomento? Per rasserenare tutti coloro che si accingono ad entrare nel ring del dibattito.”

All’articolo di Franco De Luca, privo di opinione, Vincenzo Ambrosino ha risposto il 3 febbraio facendo notare che tante opinioni individuali che coincidono vogliono dire qualcosa a qualcuno o no?

Il 3 Febbraio 2013 per rispondere all’articolo di Franco De Luca in modo più articolato  Vincenzo Ambrosino scrive: L’opinione pubblica va ascoltata e rispettata. Prende a pretesto Iannuccelli e la sua Romagna per dire che i Ponzesi non sono mai stati stupidi e quando ci sono stati messaggi seri li hanno seguiti.

Il problema è che “Le esperienze nate bene poi falliscono quando il Sindaco perde il senso della realtà, perde il contatto con le esigenze di partecipazione e di coinvolgimento che erano le premesse su cui si basava il suo consenso e quindi perde la fiducia dei suoi concittadini”.

Ma il messaggio è proprio a Franco: “Non ti mettere a fare l’arbitro, fai crescere le proposte alternative e poi magari fai il mediatore. Qui c’è da una parte l’isola che fallisce, non c’è un’opposizione e dall’altra non c’è una proposta seria di governo per salvarla, quindi non si può fare l’arbitro se non ci sono contendenti.

Giovanni Conte di Silvano il 5 febbraio scrive: Ma il problema di Ponza è solo il P.U.A?

Nessuno ha mai detto che a Ponza c’é solo il problema PUA e infatti sottoscriviamo quanto ha detto Giovanni: “Il servizio scuolabus all’improvviso ha smesso di funzionare”.  “Due gocce d’acqua e l’illuminazione pubblica si spegne”. “L’acqua, in attesa del dissalatore per Le Forna – se ne parla da anni – ultimamente è diventata un miraggio”. “Non parliamo dei rifiuti accatastati nell’area del bruciatore e nelle vicinanze. È inaudito ed intollerabile vedere quello schifo”. “Non parliamo poi dell’annosa questione dello spostamento della centrale elettrica”. “Non parliamo poi del poliambulatorio.”
“Questo non è piangersi addosso, come qualcuno penserà, ma è un’analisi molto sommaria della situazione della nostra isola fatta da una persona qualunque, uno che viene chiamato quando manca la luce.”

Evviva gli elettricisti, dico io: potremmo dire, a Ponza  ci vorrebbero “10, 100, 1000 elettricisti come te!

Silverio Lamonica il 5 febbraio risponde all’articolo “Una volta a Ponza esistevano i partiti politici che, in un certo senso, tenevano desta l’attenzione delle autorità locali e nazionali sui problemi isolani”. “I ponzesi, però, hanno la voglia di aggregarsi e lo rilevo da un Comitato che si è reso promotore di una sottoscrizione on line, su facebook, per ottenere il ripristino delle corse di traghetto e aliscafo perdute e che io stesso ho firmato”.

Il 5 febbraio  Martina Carannante  scrive “Una petizione per riavere ciò che ci spetta di diritto”. È chiaro che Martina, dopo avere scritto La Letterinaa Balzano e Ferraiuolo ricordando ai due ex Sindaci il loro dovere di guidare il dissenso a Ponza, con questo articolo sollecita ai cittadini di sottoscrivere la petizione perché come si dice “aiutati che Dio ti aiuta”. Per cui ai cittadini dice: nell’attesa che le opposizioni fanno il loro dovere e che la maggioranza abbia la forza di difendere i propri cittadini, facciamo noi la nostra parte.

A questo articolo il 5 febbraio ha commentato Vincenzo Ambrosino chiamando in causa il Delegato ai Trasporti Giovanni Mastropietro dicendo a questi: “I cittadini possono fare manifestazioni, sottoscrizioni, ma caro Delegato, tocca a te farci sapere che dobbiamo fare. Anzi è ora che tu ci faccia conoscere la strategia del Comune nel breve e nel lungo periodo “Scrivi una lettera ai cittadini ponzesi – magari su Ponza racconta – spiegando il lavoro che hai fin qui svolto, pòniti degli obiettivi nel breve e nel medio periodo e poi alla fine tira le conclusioni: se restare o rimettere la tua delega nelle mani del Sindaco”.

Luisa Guarino il 5 febbraio commemora  con un suo articolo il “Secondo compleanno per “Ponza racconta”. Moltissimi i lettori, tanti gli articoli e le manifestazioni sviluppate da Ponza Racconta, ma c’è un rammarico: l’isola non migliora. “Siamo egoisti, attaccabrighe, invidiosi, deboli con i forti e forti con i deboli. Scusate la durezza: vorrei tanto essere smentita, non solo a parole ma con i fatti …Fortunatamente le eccezioni non mancano! Cosa c’entra questo con Ponza racconta? C’entra. Perché grazie alla sua presenza, grazie a questo ponte tra passato e futuro, tante persone, non solo ponzesi, si possono confrontare, scambiando pareri e progetti, con la speranza concreta di poter vivere, speriamo presto, un presente diverso e migliore.

Nel frattempo, un grazie affettuoso, con gli auguri più belli per “cento di questi giorni”, a Ponza racconta e a tutti noi”.

Gabriella Nardacci 6 febbraio 2013 risponde: “Ho letto e approvato “in toto” l’articolo augurale della cara Luisa Guarino che saluto affettuosamente così come saluto tutti della Redazione.”

Franco De Luca il 7 febbraio ha scritto “Politica e politiche” nel quale dice.  “La “politica” significa “governo della città”, è risaputo.” “Ci sono tanti sottoinsiemi all’interno di un sistema”. “Al sodo: fra pochi giorni la “politica” affronta uno snodo decisivo perché si decide il Parlamento nazionale, e perciò il Governo, e in più quello regionale, che non è di poco conto. Insomma, sebbene “isolati” in una dimensione di minuscolo Comune, i Ponzesi non possono restringere la loro visuale politica alle doglianze per il PUA, per il PAI, per le carenze finanziarie, per la quasi ferma macchina amministrativa”.

Tre commenti ci sono stati il primo l’8 febbraio di Vincenzo Ambrosino che dice in pratica: “Guarda Franco, che continui a voler sviare la strada, che i ponzesi sanno perfettamente qual è il ruolo del Comune, quello della Regione e quella del Governo centrale, ma ripeto un intellettuale dovrebbe favorire la comprensione della realtà sottolineando quello che va bene e quello che non va e quello che si dovrebbe fare. Per esempio i balneari stanno cominciando bene e questo va sottolineato!

Anche Michele Rispoli commentando dice in altre parole le stesse cose: “Ancora una volta l’amico Franco dice ma non dice, parla stando zitto e non ha il coraggio di prendere una posizione netta”. Alla fine del commento però gli dice che gli vuole comunque bene.

E infine Silverio Tomeo il 9 febbraio “ci parla di cittadinanza attiva e ci richiama ad una responsabilità di lavorare per una vera alternativa culturale al potere attuale: “A questa responsabilità si deve ricondurre la ricerca di alternative, senza mascherare dietro il risentimento e la delusione la non volontà di cambiamento. Sono saltati i “mediatori” classici della scelta politica, le formazioni storiche dei partiti, ma ricostruire la partecipazione attiva è la chiave di volta per ricomporre un quadro democratico e una dialettica civile più sana”.

Finalmente Franco De Luca risponde ai commenti il 10 febbraio: “Una premessa: non risponderò a Michele Rispoli di cui apprezzo più il “ti voglio bene” che il resto. Ci tengo a quel sentimento e me lo tengo stretto.
Ribadisco la convinzione che il confronto (con Vincenzo, con Silverio Tomeo) si alimenta al di fuori di ogni pretesa di persuasione.
Non c’è volontà di sentire l’odore dell’altro per aggregarsi, né di mostrare i denti.
Il confronto, quando è aperto, fugge dalla consorteria.
Il voto ciascuno lo fa scaturire dalle dinamiche personali che gli sono proprie. Sono queste (le dinamiche personali) che possono trarre alimento dal confronto. Ed è per questo che si palesano le opinioni”.

Sottolineo la frase: “Non c’è volontà di sentire l’odore dell’altro per aggregarsi, né di mostrare i denti”.
Vi chiedo amici che significa questa frase?

Conclusioni

In questa settimana gli articolisti hanno detto con toni diversi che la gente di Ponza, quella residente è stanca, é disperatamente  alla ricerca di una possibilità per uscire fuori da questo momento drammatico.

Lo sta chiedendo all’amministrazione Vigorelli con articoli, con sottoscrizioni, con quotidiane proteste.

Lo sta chiedendo alle opposizioni a cominciare da Antonio Balzano e Franco Ferraiuolo.

Lo sta chiedendo ai Comitati Cittadini sottoscrivendo appelli e richieste.

Ponza racconta sta facendo in parte il suo dovere. Sì, Ponza racconta è letto da tanti cittadini interessati a Ponza, ma sono ancora in pochi ad esprimere con chiarezza  queste esigenze di cambiamento.

Il silenzio non serve a nessuno!

Non serve ai residenti che stanno vivendo sulla loro pelle l’estrema difficoltà di vivere l’isola d’inverno.

Non serve agli Amministratori che fra poco dovranno governare una nuova stagione turistica, passando da una emergenza all’altra e in queste condizioni di scollamento è impossibile affrontarla.

Il silenzio non serve agli imprenditori i quali hanno bisogno di organizzarsi e quindi hanno il dovere di chiedere “concertazione” all’Amministrazione comunale.

Il silenzio non serve ai ponzesi e in particolare ai fornesi, i quali rischiano di vedere seriamente chiuse tutte le cale e calette.

Bisogna cominciare a dire con coraggio i propri pensieri. Bisogna che gli imprenditori si associno e organizzino le loro istanze, come stanno cominciando a fare i balneari.

Ponza non vive più di rendita, la gente a Ponza non verrà più in vacanza se non avremo la capacità di fare delle scelte coerenti con le nostre reali potenzialità attuali.


Condividi questo articolo

6 commenti per Epicrisi di una settimana di dibattito su ‘Ponza racconta’

  • vincenzo

    Epicrisi: che brutto termine. Termine usato per indicare il risultato conclusivo di un’autopsia. È il passo che precede la formulazione di una diagnosi anatomo-clinica e si fonda su un metodo di ragionamento attraverso il quale si ripercorre, in senso cronologicamente inverso, la successione di eventi clinici che hanno portato dalla comparsa dell’affezione alla morte di un soggetto.

    Io avevo dato un altro titolo, Editoriale, che giustamente la redazione ha sostituito perchè non faccio parte della redazione e nessuno mi ha delegato per farlo.
    Ma in questo modo ho voluto dire alla redazione che è fondamentale raccordare i pensieri elaborando appunto un EDITORIALE settimanale. Se non lo fate voi lo farò io scegliendo un titolo che non sia EDITORIALE.

  • Silverio Tomeo

    Ponza Racconta-dibattito è uno spazio plurale, bello e prezioso, ma non può mica diventare una “linea politico-editoriale” nè supplire a un partito che non c’è, e neppure servirebbe a nessuno una “Lega ponzese”. Mi sembra di capire che il bravo Franco De Luca voglia dire che non c’è nè voglia nè necessità di unirsi, che anche per unirsi bisogna prima dividersi, questo almeno sul sito web Ponza Racconta. Ad esempio, dal mio singolo punto di vista, bisognerebbe separarsi nella realtà ponzese da chi è possibilista su un’idea di isola come villaggio-impresa turistica, da chi pensa che l’isola appartiene quasi in senso proprietario ai residenti che vivono di turismo, da chi crede che Ponza sia da considerare una “comunità organica di destino” (un concetto storico della destra conservatrice e tradizionalista che accetta gerarchie, corporazioni e grette chiusure mentali). Si sta creando una sfera pubblica? Sta nascendo un’opinione pubblica? Bene, era ora! Io continuo a sperare che si crei a Ponza un’alternativa reale ai guasti del presente nell’interesse generale della maggioranza e nella difesa dei beni comuni, ma questo è responsabilità dei cittadini residenti che devono confrontarsi viso a viso, perchè è loro in prima e ultima istanza la responsabilità del futuro dell’isola di fronte a tutti e alla stessa diaspora ponzese. Questo prossimo passaggio elettorale alle regionali e alle politiche nazionali non va sottovalutato, darà un segnale del quadro in cui collocarsi, nonchè degli orientamenti ideali dei ponzesi residenti. Non potete rimuovere che siete passati da un sindaco andato a finire in carcere con i beni confiscati a un sindaco organico al populismo berlusconiano. Il dibattito di idee produce frutti solo in modo traslato e indiretto, ove li produca. Chi voglia misurarsi nella pratica dell’attivismo civile e politico sull’isola lo faccia, se ne è capace, e lo faccia da subito, forse qualcuno già lo sta facendo. A me accade di farlo da anni in Puglia, nel mio piccolo, e in associazioni e movimenti nazionali, cosa che comunque mi fornisce l’eperienza personale da cui trarre riflessioni generalizzabili. Ognuno del resto parla sempre dal luogo della sua esperienza del mondo e dalla propria collocazione sociale, culturale, e propriamente politica in “latu sensu”.

  • Giacomo Trombetta

    Buongiorno
    Leggendo volentieri Ponza Racconta trovo interessanti i racconti del prof. Franco De Luca, del giornalista Iannuccelli, gli articoli della dott.ssa Luisa Guarino ma non condivido i commenti del Sig. Vincenzo Ambrosino il quale continua ad attaccare l’amministrazione di Ponza che non credo voglia il male di Ponza. Forse le osservazioni del sig. Vincenzo dovevano essere proposte dai consiglieri di opposizione (Balzano- Ferraiuolo).
    Se il sig. Vincenzo è cosi bravo a risolvere i problemi di Ponza, perché non si e’ proposto come candidato sindaco alle passate elezioni amministrative? Se i ponzesi lo avessero eletto avrebbe risolto tutto, ma così non e’, si vede che i ponzesi non gli hanno dato la preferenza.
    Non puo’ offendere i compaesani ponzesi come Giovanni Conte (l’elettricista) che si puo’ solo interessare di problemi elettrici.
    Leggendo, noi lontani da Ponza, sembra che il sig. Vincenzo continua ad avercela con il PUA; forse e’ interessato alla spiaggia di S. Antonio perché è uno dei noleggiatori dei gommoni??
    Conosco Ponza da 60 anni, facevamo il bagno dietro la Caletta e non a S. Antonio mentre a Giancos andava la colonia con le suore.
    Nell’articolo del 3 febbraio 2013 di Ponza Racconta il sig. Vincenzo ha ricordato alcuni nomi a me cari come Luciano Gazzotti ed Ernesto Prudente che si sono operati nelle passate amministrazioni.
    Conosco famiglie AMBROSINO molto rispettabili.
    Chi non conosce Luigi Ambrosino (il falegname), che inoltre era tutte le mattine alle ore 4,00 alla biglietteria della Caremar e che con il suo lavoro di falegnameria era sempre disponibile con tutti?
    Chi non ricorda Giovanni Ambrosino (il muratore) il quale è sempre stato l’edile della nostra famiglia e nel lontano 1986 ho avuto l’onore e la fortuna che Giovanni, esperto muratore, insieme ai muratori Pinuccio e Amedeo ristrutturassero la casa di mia mamma.
    E per finire, chi non vuole il bene di Ponza? Che ci siano piu collegamenti marittimi? Che ci fossero piu’ spiaggie disponibili come Chiaia di Luna che tutti invidiano per la sua bellezza? Chi non vorrebbe che i reperti storici di Ponza venissero rivalutati? Chi non vorrebbe un turismo organizzato per il bene di Ponza che non duri solo due mesi, portando piu lavoro a tutti gli operatori ponzesi??
    Non credo che il sindaco Vigorelli sia contrario a tutto ciò e se non risponde al sig. Vincenzo un motivo ci sarà.

    Cordiali saluti
    Gianfranco

  • vincenzo

    Ma chi sei Giacomo o Gianfranco caro il mio Trombetta? Strombazzi troppo per essere credibile. Caro Trombetta comunque, visto che ho dei seri dubbi di una tua identità reale, mi piacerebbe conoscerti di persona. Quando tornerai nell’isola vienimi a cercare mi fa sempre molto piacere conoscere dei miei estimatori.

  • Rita Bosso

    La posizione del sito in merito a commenti anonimi o ad identità fittizie è nota; francamente, però, mi pare che talvolta la questione sia tirata in ballo in modo pretestuoso. L’identità di Giacomo Trombetta, ad esempio, non consente alcun dubbio anche a chi (come me) lo ha sempre chiamato Gianfranco: egli è intervenuto più volte sul sito, con riferimenti molto precisi alla propria storia familiare e personale; cos’altro avrebbe dovuto fare per non essere trattato con sarcasmo, e ricevere invece una puntuale e corretta risposta alle questioni che solleva? Certo, ha omesso il soprannome: Gianfra’, mi raccomando, la prossima volta non scordare di aggiungere Bancherrotta!
    D’altra parte, un intervento formalmente corretto, completo di generalità, di soprannome e anche di gruppo sanguigno, può contenere omissioni tali da inficiarne la correttezza sostanziale. Se, ad esempio, io intervenissi ripetutamente in tema di gastronomia, riterrei doveroso dichiarare ruolo, competenze, interessi nel settore. Pertanto, da lettrice, avrei gradito che Vincenzo Ambrosino, nei suoi numerosi interventi sul PUA, avesse informato di essere operatore del settore nautico, quindi portatore di interessi.
    Da lettrice, ritengo che, se il sito è scelto quale sede pubblica di dibattito, confronto e riflessione, allora anche la risposta debba essere pubblica; auspico pertanto che Vincenzo Ambrosino voglia rispondere nel merito alle osservazioni e alle domande di Trombetta-Bancherrotta

  • vincenzo

    Cara Rita ma allora davvero esiste il Sig Trombetta! Mi fa piacere per cui mi scuso con il Sig. Gianfranco Trombetta, il quale merita una risposta.
    Prima che Rita fosse aggregata alla redazione di Ponza racconta io già scrivevo dei problemi dell’isola. Ho parlato di scuola, per esempio, pur essendo un insegnante di Ponza; in quel caso nessuno si è sentito toccato. Ho contestato per esempio a Vigorelli il cambio dell’indirizzo dell’ITC, ampiamente motivandolo. E’ forse da quando avevo 18 anni che mi occupo di isola. Negli anni novanta sono stato segretario della sezione del PSI di Ponza e l’allora sindaco Ferraiuolo può testimoniare del tipo di azione politica che portavo avanti. Così come potrebbero testimoniarlo in termini di correttezza dei ruoli e delle funzioni, Silverio Lamonica, Antonio Balzano e lo stesso Rosario Porzio. Per quanto riguarda il demanio marittimo io, coordinatore del gruppo Ponza C’é, ho elaborato un dossier su questi problemi. Il sottotitolo a quel giornalino era “Pacco, doppiopacco, contropaccotto”. Si parlava nel 2009 di bloccare le mire dei PRIVATI ESTERNI nella costruzione dei porti a Ponza e tutelare gli interessi privati. Vedi caro Sig. Trombetta, se all’interno del Porto Rifugio, che non viene toccato dal PUA Vigorelli, molti noleggiatori hanno oggi una concessione demaniale, che ha consentito loro di continuare ad operare, questi lo devono molto modestamente anche a me.
    Poi caro Trombetta, io non attacco l’amministrazione; io cerco un confronto pubblico con gli amministratori e lo faccio su un sito, quale Ponza racconta letto per la maggior parte all’esterno, dove possono intervenire tutti. Se io invito l’assessore ai lavori Pubblici a parlare di lavori pubblici, sto facendo un’operazione utile alla comunicazione Comune-Cittadini. Se io invito il Consulente del Comune Giovanni Mastropietro a chiarirci l’operazione Laziomar non attacco certo l’amico ma chiedo al funzionario di spiegarci la sua politica nel breve tempo, per risolvere un problema che pesa sulla vita dei cittadini residenti. Se io pongo alla luce del sole e non nei “confessionali”, a tutti gli amministratori, domande sul PUA di S. ANTONIO – che non interessa solo al sottoscritto in quanto ci lavora ma all’intera isola in quanto sito di interesse economico e sociale, per cui politico – faccio un’operazione utile a tutti. Vedi caro Trombetta alle mie osservazioni motivate, mi piacerebbe che i lettori di PonzaRacconta e gli amministratori chiamati in causa dimostrassero con argomenti, con dati, con fatti che l’azione amministrativa sta andando nella giusta direzione, cioè quella di far progredire l’isola a partire dalla economia reale. Non bisogna essere membri dell’opposizione per chiedere al proprio Sindaco di spiegare fatti e azioni amministrative. Non per forza bisogna candidarsi per essere presenti nella vita sociale e politica del proprio paese. Sig. Gianfranco, io non parlo di scuola, di miniera, di RPS (Residenza Protezione Speciale – solo su questo argomento- ho fatto cinque articoli), di ambiente, di sviluppo economico, perchè ho delle personali mire politiche; io ne parlo solo per stimolare un giusto confronto tra amministratori e amministrati. E forse è proprio questo che dà fastidio, perchè siamo abituati a parlare solo perchè c’è un interesse diretto da vendere o da comprare. Purtroppo non è il mio caso. Io parlo e scrivo da troppi anni per essere frainteso dalle persone disinteressate.
    Caro Sig. Trombetta, comunque l’invito ad un incontro dal vivo lo rinnovo, così avrò occasione di parlarle anche di altri Ambrosino che non ha conosciuto o che ha dimenticato di ricordare, compresi i comuni amici Ernesto e Gazzotti con cui ho condiviso diversi momenti politici e di amicizia. Saluti Vincenzo Ambrosino.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.