Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0029-029 p-18 paolo-16 u-25 108 99a

‘A mulignana cu ‘i spine

Condividi questo articolo

di Assunta Scarpati

 

Fredda giornata di tramontana di gennaio: cielo limpido e terso, colori chiari e nitidi… Ventotene e Ischia si potevano toccare con una mano… il freddo era tagliente come un colpo di frusta.

– ’A no’… ‘u zappetielle ‘u mecche ‘u poste suoie?

– Eine…eine… ma piglia ‘a forbece ’i pote, c’amma fa’ ’n’atu servizie!

Mamma mia! Mia nonna era instancabile!…dopo tre ore passate nel vigneto a ‘Tavelle’, a pulire e liberare tutti i canali, aveva ancora da fare!

– ’A no’… ie me voglie fà ‘u bagne… a n’atu poche me venene a piglia’ …amma fa’ ’i prove d’a recite!

” Ahhhh… tu e chella bande ‘i sciarmazappe… Assunta… ‘è mette ‘a scale e t’è calà ‘ncoppe l’astechecielle… amma coglie tutte ‘i mulignane ch’i spine, ca si fa’ ’u ghiacce ‘i perdimme tutte quante! Iamme gioie d’a nonne… pò attramente te faie ‘u bagne ie te facce ‘u ccafè”

Mannaggia… ogni volta che mi calavo sul tetto piccolo dove proliferava la melanzana verde con le spine (chayote) ne uscivo male: tutta graffiata e punzecchiata… ma il boss aveva decretato l’ordine e a me non restava che eseguire e uscirne come “ecce homo”!

A dire il vero non mi dispiaceva: adoravo le melanzane con le spine, che poi appartengono alla famiglia delle zucche… Sono frutti versatili che si prestano ad essere cucinati in mille modi: casa mia erano molto graditi e lo sono ancora!

 

A parte la solita ma squisita parmigiana, si possono cuocere come la ‘cucuzzella’, oppure tagliate a tocchetti molto piccoli con cipolla, pomodoro e usate per condire gli gnocchi acqua e farina… o ancora nella zuppa di lenticchie con una dadolata di patate… Oppure tagliate a pezzetti, cotte con cipolla, peperoncino e unita ai tubetti rigati con una bella spolverata di parmigiano… odore di casa e di ricordi.

– ’A no’, … chisà quala vote ‘i cheste me menghe ie, ‘a scala e ’i mulignane.. iamme belle… molleme ‘a cascetta che ‘a ienche e po’ t’a mecche ‘ncoppe ‘u mure!”

Profumo forte di clorofilla, grandi foglie a 5 punte, rampicante e tanto rigogliosa con poca cura… una pianta quasi perenne che però è soggetta alle grandinate e alle gelate… in fioritura è bellissima, colma di fiori bianchi a petali singoli con il cuore giallo.

Era un’impresa ogni volta cogliere il raccolto: dovevo mettere una scala sul lato posteriore della casa, scavalcare poi il muro, riprendere la scala che mi porgeva mia nonna altrimenti non risalivo, raccogliere tra un milione di spine, risalire e riscendere….

– ‘E viste? amme fatte! Vatte a lava’…va’…ca mò arrecette ie ccà fore.

Finalmente! Il generale aveva deposto le armi!

 

Telefono… “Pronto? Chi si’ tu? Oh yeh…yes… Assunte sta’ ‘u toilette… se stà appreparanne… ‘a venite ‘a piglià vuie? No, no… ìu bossele è già passate”

‘U bossele… l’autobus… ma la permanenza in America l’aveva contagiata…

” Yeh… yeh… venite e ve pigliate ‘u ccafè pure vuie!”

Poverini… non per il caffè, ma per il cicchetto! I ragazzi dovevano per forza prenderlo corretto alla sambuca… o meglio… sambuca con il caffè!

 

Cara nonna… noi uscivamo e lei si metteva all’opera: avrebbe sbucciato le melanzane… che l’indomani avrebbe cotto in uno dei modi descritti… Una delizia!

 

Nota a cura della Redazione.

‘A mulignana cu ‘i spinein spagnolo Chayote (Botan.: Sechium edule) – è una zucchetta della famiglia delle Cucurbitaceae, originaria del Sud America e coltivata nei paesi dell’area costiera del continente e nelle isole; il maggior esportatore ne è il Costa Rica.  È conosciuta anche in Italia dove è chiamato zucca centenaria, zucchina spinosa, zucchetta africana, melanzana spinosa.

La particolarità di questo ortaggio è la riproduzione. È una pianta ‘vivipara’: non si riproduce per seme, ma tramite lo stesso frutto che va interrato tutto intero appena sotto la superficie della terra.


Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.