Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0034-034 2009-07-27_19-14-50 d-05 e l-01 s-59

I proverbi di Ponza (22)

Condividi questo articolo

dal libro di Ernesto Prudente

” A Pànje”

 

ÒGNUNE S’ARREMÉGGE É A VARCHE MJE STA SÈMPE MMIÉZE U MARE
(ognuno si ormeggia e la mia barca sta sempre in mezzo al mare)
Lo dice chi non riesce a trovare una sistemazione di lavoro e lo dice anche la persona che vede altri accoppiarsi mentre ella non riesce nel­l’intento

ÒGNUNE VO U MUÒRTE MA NISCIUNE A CASE SÒJE
(ognuno vuole il morto ma nessuno a casa propria)
Tutti affermano che bisogna morire ma nessuno vuole la morte in casa

ÒMME AVVISATE MMIÉZE SARVATE
(uomo avvisato mezzo salvato)
Lo dice chi mette in atto una reazione contro chi, avvertito di quanto sarebbe successo, non ha preso le precauzioni necessarie

ÒMME CURTE MAZZA LÒNGHE
(uomo corto pene lungo)
Si ritiene che l’uomo corto sia dotato di un’asta virile inversamente proporzionale alla sua altezza

ÒMME SENZ’ARTE NÉ PARTE
(uomo senza arte né parte)
Avvertimento che si faceva alle ragazze quando venivano contattate per il matrimonio da chi non solo era fannullone ma che non posse­deva alcun patrimonio

Ò TE MAGNE STA MENÈSTE Ò TE JÉTTE A STA FENÈSTE
(o mangi questa minestra o ti butti da questa finestra)
Non esistono alternative. Questo è, e questo devi fare

Ò U PUZZE È FUTE Ò A FUNECÈLLE È CORTE
(o il pozzo è profondo o la fune è corta)
Il secchio calato nella cisterna non prende acqua. I motivi sono due: o il pozzo è profondo o la corda è corta. L’espressione è usata per la coppia che non riesce ad avere figli

Ò U STRUMMELE È TIRITIPPETE Ò A FUNECÈLLE E CORTE
(ola trottola è sbilenca o la corda è corta)

Anche questa espressione veniva diretta alle coppie sterili per mettere in risalto che uno dei due falliva nel tentativo

PAÉSE CHE VAJE USANZE CHE TRUÒVE
(paese che vai usanze che trovi)

Ogni paese ha i suoi usi e costumi)

P’A FACCE TÒJE
(per la faccia tua)
Era l’espressione di reazione che la persona educata rivolgeva a chi inveiva

PALUMMÉLLE NCÒPPE A LL’ACQUE É MALE CHI NCE NCAPPE
(farfalla sull’acqua e male chi ci capita)
E’ un avvertimento generale per una cattiva azione ricevuta

PANE É CASE: NUN SE DICENE I FATTE I CASE
(pane e formaggio:  non si dicono
i fatti di casa)
Lo si diceva ai bambini perché non svelassero quanto avveniva in fa­miglia

PANZA CHIÉNE NU PÈNZE A GUAJE
(con la pancia piena non si pensa ai guai)
Chi ha da mangiare e bere ha una visione rosea della vita

PANZE É TOSSE NUN SE PÒNNE NASCÒNNERE
(pancia e tosse non si possono nascondere)
La gravidanza e la tosse non si possono mantenere segrete perché ap­pariscenti

PARE BRUTTE
(sembra brutto)
E’ poco dignitoso. Questa espressione è molto usata perché l’indivi­duo è condizionato dalle forme esteriori. L’apparenza, da non con­fondersi con la ineducazione, è la levatrice che fa abortire il piacere

PARE MIÉRCULEDJ  MMIÉZE A SEMMANE
(pare mercoledì in mezzo alla settimana)
Il mercoledì è il giorno centrale della settimana per cui l’espressione veniva rivolta a chi voleva essere il prezzemolo della situazione

PARE U QUADRE D’A DISPERAZIONE
(sembra il quadro della disperazione)
Lo si dice per chi vive in pessime condizioni e gli va sempre tutto storto

PARLANNE D’U DIAVULE SPÒNTENE I CÒRNE
(parlando del diavolo spuntano le come)
Lo si dice quando parlando di una persona la si vede improvvisamen­te comparire

PARLE COMM’A NU LIBBRE STRACCIATE
(parla come un libro strappato)
Parla in modo sconclusionato senza alcun nesso logico così come senza ordine e legame sono le pagine di un libro sbrandellato

PARLE CÒMME T’A FATTE MAMMETE
(parla come ti ha fatto tua madre)
Lo si dice a chi fa sfoggio di eloquenza per aver vissuto un breve pe­riodo lontano dall’isola

PARLE È CAMMINE
(parla e cammina)
Espressione usata per dire che non bisogna perdere tempo

PARLE QUANNE PISCE A QUAGLE
(parla quando piscia la quaglia)
Cosa a cui non abbiamo mai assistito per cui stai sempre zitto

PARMARÒLE M’A CUÒTTE U CORE
(Palmarola mi ha cotto il cuore)
La bellezza naturale di Palmarola, accoppiata a quel qualcosa di mi­sterioso e magico che quest’isola possiede, mi ha fatto perdutamente innamorare sin dal primo impatto

PASSE L’ANGIULE É DICE AMMÉN
(passa l’angelo e dice amen)
L’espressione veniva usata per chiedere l’intervento convalidante del­l’angelo su un qualcosa di cui si stava discutendo

PICCE FÒRE É FARINE DINTE
(pianto fuori e farina dentro)

Era usato contro le avversità e le iatture

PASSE SÈMPE PE NCÒPPE I CANNUCCE
(passa sempre al di sopra delle canne)
La pesca del cefalo veniva fatta con due reti, una verticale, per cin geni, e l’altra orizzontale tenuta da canne per farla stare distesa sul­l’acqua per evitare che il cefalo saltasse con facilità l’ostacolo della rete verticale. Quelli che riuscivano ad evitare la rete orizzontale era­no pochissimi e superandola dimostravano eccellenza nel salto. Con questa espressione si voleva indicare persone furbe, capaci di evitare qualsiasi ostacolo e rimanere sempre illese

PASSE U SANTE, PASSE A FÈSTE
(passa il santo passa la festa)
Passata l’occasione non c’è più niente da fare

PATATÉ: SCANZEME D’ SEGNALATE TUÒJE
(Padreterno: scansami dai segnalati tuoi)
I deformi, per reazione, sono sempre arroganti e insolenti per cui si chiede l’intervento di Dio per evitarli

PÀTEME SE CHIAMME TÒRTENE É JE ME MORE I FAMME
(mio padre si chiama ciambella e io muoio di fame)

Lo si diceva chi, pur avendo aderenze, non riusciva ad ottenere quel­lo che cercava

PATISCE D”ÒGNE NCARNATE
(soffre di unghia incarnata)
Lo si dice per chi è solito commettere fatti contrari al vivere civile op­pure per chi dimostra troppa attenzione per l’altro sesso

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.