Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-59-13 30-07-2005-19-29-18_0002 madonna-03 103a 37 scansione0005

Dicembre

Condividi questo articolo

In questa pagina sono elencati gli eventi che hanno contraddistinto la storia di Ponza raggruppati per il mese di dicembre.

 

a cura di Silverio Lamonica

 

1752, 1 Re Ferdinando II emana le Istruzioni Governative per le Isole Ponziane

(in materia amministrativa, militare e religiosa)

(G. Tricoli,Monografia per le Isole del Gruppo Ponziano, ristampa 

Ultima Spiaggia 2011 pag. 171)

 

 

1982, 5 –  Muore Don Gennaro Sandolo, parroco di Le Forna. Era nato a Ponza il 4 Dicembre 1905. Tra gli anni ’30 e ’40 resse la parrocchia di Castello Onorato, frazione di Formia. L’austero stile di vita “francescano” , il suo carattere schietto ed il linguaggio semplice e privo di retorica affascinarono i suoi parrocchiani e quanti lo conobbero. (vedi articolo di R. Sandolo, leggi qui)

1818,  8 –   nasce a Le Forna Giuseppe Vitiello, futuro parroco, che assieme al Fratello Gennaro, ultimo sindaco borbonico, dominerà la scena politico- amministrativa isolana dal 1840 al 1861.
(G. Vitiello – Risposta ai quesiti sull’intimazione della Sacra Visita
Ponza 27.08. 1876 – manoscritto – collezione privata)

 

1977, 10 – L’Amministratore delegato della SAMIP, dottor Paolo Arduini, comunica al Distretto minerario la rinuncia alla concessione. Così ha fine, dopo oltre 40 anni, l’attività estrattiva della bentonite a Le Forna.
(Il Messaggero – Latina – 21.04.1978)

1899, 13 –  Gaetano Vitiello viene eletto sindaco di Ponza. Dominerà la scena politica Per circa un ventennio.
(S. Corvisieri – All’Isola di Ponza – Ed. Il Mare 1985 pag. 224)

 

1809, 13  – Una delegazione di ponzesi, capeggiata da Don Luigi Bianchi, si reca a Gaeta per sollecitare l’arrivo dei francesi, i quali arrivano il giorno dopo a bordo d’un cutter armato, ma si limitano a issare la bandiera sulla Torre
(Gen. U. Broccoli – Cronache Militari e Marittime del Golfo di Napoli e  
Delle Isole Pontine durante il decennio francese 1805 – 15 – M.D.
S.M.E. Ufficio Storico Roma 1953 – pag. 229)

1777, 15  – Il Comandante della guarnigione reprime un tentativo di fuga dei forzati e subito dopo il Tribunale speciale condannò a morte Mezzacapo che si era messo alla testa dei rivoltosi.
(Tricoli: Monografia Per il gruppo delle Isole Ponziane – Napoli 1855 pag. 295)

 

1944, 16 – Viene istituito a Ponza il Comitato di Liberazione Nazionale; ne fanno parte: Antonino Baglio (P.L.I.), Temistocle Curcio (P.C.I.), Silverio Martinelli (D.C.) e Luigi Sandolo (P.S.I.)
(S. Corvisieri – Zi Baldone – Caramanica 2001 )

 

1973, 17 – Muore Mons. Luigi Maria Dies. Nato a Gaeta il 14 ottobre 1912, fu ordinato sacerdote il 19 luglio 1936. Tre anni dopo viene nominato parroco di Ponza. Lascia l’isola nel 1959 per motivi di salute. Ma dopo aver retto la parrocchia di Fondi,  poi Ventotene  e infine S. Domenico a Gaeta, il 1° luglio 1969 torna a Ponza come parroco, restandovi fino alla morte. Uomo di grande cultura, è autore di diverse pubblicazioni: Ponza perla di Roma – guida storico-turistica, Un Faro di Luce nel Mar Tirreno- vita di San Silverio, Istantanea Mussoliniana a Ponza, oltre a vari canti religiosi. Ampliò la Chiesa di Ponza  ed edificò la Chiesetta dedicata alla Madonna della Civita sugli Scotti.
(I Canzone d’u Paricchiano – opuscolo – Ponza 17.12.1998)

1809,  21  –  Approda a Ponza la divisione cannoniere del Saint Caprais, dopo un mese esatto dalla partenza del Canosa; furono giorni tristissimi perché si soffrì la fame.
(Gen. U. Broccoli – Op. citata – pag. 229)

 

303, 25  –  S. Anastasìa fu messa al rogo, a Ponza, dopo essere stata trascinata per le strade dell’isola.
(D. L. M. Dies – Ponza Perla di Roma – Ed. Atena, Roma 1950 pag.45)

 

1912, 26 – Nasce a Ponza Mario Musco, futuro Tenente dei Bersaglieri e Medaglia d’Oro al Valore Militare.
(Ufficio Anagrafe Ponza – Registro Atti di Nascita anno 1912)

1734, 31 – Le Isole Ponziane furono poste all’immediata ispezione dell’Intendenza dei Regi Allodiali, con decreto di Re Carlo III di Borbone.
(G. Tricoli – Monografia per le Isole del Gruppo Ponziano –
Napoli, Stamperia Reale vico S. Marcellino, 1855  pag. 262)

Condividi questo articolo

1 commento per Dicembre

  • arturogallia

    E’ curioso come dicembre e maggio fossero due mesi “importanti” per Ponza nel Settecento: a maggio si metteva in atto il popolamento dell’isola (decreto 30 maggio 1768 e 20 febbraio 1772, attuato però a maggio); a dicembre se ne regolamentava il governo. In particolare per quanto riguarda dicembre, con il Decreto reale 31 dicembre 1734 Ponza era assegnata alla Intendenza dei regi allodiali (assegnazione ben presto modificata con Decreto reale 30 luglio 1737, che sottopone amministrativamente l’isola alla Segreteria di Casa Reale).

    Con il Decreto reale 6 dicembre 1743, invece, il “castellano” viene sostituito da un Amministratore delle rendite dell’isola e viene nominato Evangelista Bianchi, assistente del castellano, Lorenzo Mattia.

    Con Decreto reale 1 dicembre 1752 la figura dell’amministratore è convertita in “Governatore politico e allodiale”, nomina che viene assegnata ancora a Evangelista Bianchi.

    Questa figura, di fatto, dura fino al Governo Murat, che sottrae le isole dal possesso personale di Ferdinando IV (che le possedeva in quanto ultimo feudatario erede di Casa Farnese e non in quanto Re di Napoli) e eleva Ponza e Ventotene a Comune: gli abitanti perdono i diritti di enfiteusi e di esenzione delle tasse e non sono proprio contenti…

    Per tutto il ‘700 la “reggenza” di Ponza è così riassumibile:
    – 1712-1743: Lorenzo Mattia, Castellano
    (dal 1729 Evangelista Bianchi suo assistente).
    – 1743-1752: Evangelista Bianchi, Amministratore delle rendite di Ponza.
    – 1752-1787: Evangelista Bianchi, Governatore.
    – 1787-1809: Pasquale (o Pascale) Bianchi, Governatore.

    Nel 1770 Ponza fu dichiarata “importante piazza d’armi” (nel 1768 si era cominciata la costruzione del porto), per cui alla figura del Governatore fu affiancata quella di Comandante militare (decreto 23 giugno 1770) e fu inviato sull’isola il Maggiore Rezzano.
    Questo fu seguito da Leboffe (maggio 1779), Alfieri (febbraio 1797), Staiti (gennaio 1798), Vernau (luglio 1798), Costa (aprile 1799), Cipponieri (luglio 1800).

Devi essere collegato per poter inserire un commento.