Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0039-039 c2-18 ep-03 h-11 v2-21 la-galite-degli-anni-80

I proverbi di Ponza (21)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

” A Pànje”

 

NUN TE LASSA’ CU I PIÉDE SÉ NUN T’AFFJÉRRE CU I MANE
(non ti lasciare con i piedi se non t’afferri con le mani

Prima di lasciare il vecchio assicurati bene che il nuovo sia certo e mi­gliore

NUN TÈNE NÉ CIÉLE A VEDÉ NÉ TÈRRE A CAMMENÀ
(non ha cielo da vedere né terre da camminare)

Lo si dice per una persona che si trova in pessime acque. Lo dice an­che chi non ha altre alternative

NUN TÈNE MANCHE LL’UÒCCHJE PE CHIAGNERE
(non ha neanche gli occhi per piangere)

Viva nella più squallida miseria

NUN TENE PILE NCÒPPE A LÉNGUE
(non hai peli sulla lingua)

Quello che pensa dice senza riguardo per nessuno

NUN TE PIGLIA’ I FIGLE I LL’ATE, NUN TE FA CUMPARE CU I SBIRRE É NUN DICERE MAJE NIÉNTE A MUGLIÈRETE
(non prenderti
i figli degli altri, non farti compare con i poliziotti e non dire mai niente a tua moglie)
I figli degli altri serviranno soltanto a farti spendere soldi per allevarli perché non avranno mai per te un amore profondo e poi i genitori potrebbero sempre richiederli; i poliziotti, anche se amici fraterni, pos­sono metterti in difficoltà per il loro lavoro ed, infine, non dire trop­pe cose a tua moglie perché, come tutte le donne, non sa tenere tre ceci in bocca

NUN TE VÒGLE VEDÉ MANCHE APPRIÉSSE A PRUCESSIÒNE
(non voglio vederti neanche in processione)

Espressione diretta ai vili e agli abietti. Mi fai talmente schifo che non desidero vederti neanche in processione cioè neanche quando dimo­stri o vorresti dimostrare di essere un agnello e un ravveduto

NUN VALE NU SORDE PAPALINE
(non vale un soldo papalino)
E’ talmente inetto e incapace da non valere neanche una moneta fuo­ri corso legale

NUN PATRE DA A CAMPA A CIENTE FIGLE MA CIÉNTE FIGLE NU DANNE A CAMPA’ A NU PATRE
(un padre da vivere a cento figli ma cento figli non danno da vivere a un padre)
L’esperienza della vita è maestra. Un genitore è capace di fare qual­siasi sacrificio per mantenere i figli anche se sono tanti. I figli, al con­trario, pensano solo a se stessi e se ne infischiano delle condizioni eco­nomiche dei genitori

NU PUÒ DA A MANE DRITTE A NISCIUNE
(non puoi dare la mano destra a nessuno)
Bisogna essere accorti nel concedere confidenza e fiducia. Quasi sem­pre si superano i limiti approfittando della benevolenza avuta

NU SCETÀ I CANE CHE DÒRMENE
(non svegliare i cani che dormono)
Non molestare le persone tranquille, la loro reazione è imprevista. Non risvegliare aspirazioni assopite. Non innescare l’ira dei prepotenti

NU SÒRDE A MESURÈLLE É CHILLE AMICHE SÈMPE DÒRME
(un soldo al misurino e quell’amico sempre dorme)

Io ho fatto il mio dovere ma tu non ti interessi per niente della fac­cenda per la quale ho sollecitato il tuo intervento

NU ZITTE-ZITTE É NU SILENZJE ARRUSTUTE
(uno zitto-zitto e un silenzio arrostito)
Era l’esortazione che i genitori facevano ai loro figli per raccoman­darli di mantenere il segreto su ciò che avevano ascoltato o sui fatti della famiglia

NVITÀ A CARNE É MACCARUNE
(invitare a carne e maccheroni)
Dare la possibilità di dire ciò che si sa o si pensa su un determinato argomento significa invitarlo a un lauto pranzo. La stessa cosa vale quando si invita qualcuno a partecipare a qualcosa che è di suo gradi­mento

NZEVA A RÒTE
(ungare la ruota)
Togliere gli attriti ma soprattutto elargire un contributo sottomano perché ci sia interesse per una faccenda che sta a cuore

O CHÉSTE O CAZZE
(o questo o cazzo)
Era il modo di dire dei genitori ai figli che a tavola facevano storie sul pranzo preparato dalla mamma. Una volta, volendo fare dello spi­rito, rivolsi questa espressione ad una gentile e bella signora che era ospite gradita in casa nostra. Essa, al mio proverbio, così rispose: Er­nesto, io mangio solo il secondo

ÒGGE È SANTE LUVIÉRE, NUN È CÒMM’AJERE
(oggi e sento luvieri, non è come ieri)
Espressione usata per far notare che ogni cosa ha una storia a se e che ogni comportamento è legato a un fatto specifico

ÒGNE ACQUE LÈVE SÉTE
(ogni acqua disseta)
Quando la necessità è grande ci si accontenta di qualsiasi cosa

ÒGNE CASE TÈNE A CRÒCE SÒJE
(ogni casa ha la sua croce)
In ogni famiglia ci sono problemi che rattristano

ÒGNE CÒSE U TIÉMPE SUM
(ogni cosa a suo tempo)

Tutto va fatto a tempo e a luogo

ÒGNE LÉGNE U FUMME SUM
(ogni legno ha il suo fumo)
Ogni individuo ha un modo personale di comportarsi

ÒGNE MPEDIMÈNTE È CIUVAMÈNTE
(ogni impedimento è giovamento)

Quasi sempre gli impedimenti hanno risvolti positivi

ÒGNE PRUMÉSSE È DÈBBETE
(ogni promessa è debito)

Bisogna mantenere le parole date

ÒGNE SCARPE ADDEVÈNTE SCARPONE
(ogni scarpa diventa scarpone)

Ogni cosa, compresa la vita, diventa vecchia e inutile

ÒGNE SCARRAFÒNE È BÈLLE A MAMME SÒJE
em>(ogni scarafaggio è bello alla mamma)
L’amore materno non consente di vedere i difetti fisici dei propri figli per cui un figlio è sempre bello agli occhi della mamma

ÒGNE TIÉMPE VÈNE
(ogni tempo viene)
Verrà il tempo per qualsiasi cosa

ÒGNE ZÒCCHELE STANCHE A VICCHJAE ADDEVÈNTE SANTE
(ogni puttana stanca da vecchia diventa santa)
Purtroppo è vero. E per accertare questa verità bisogna andare al ci­mitero e leggere quello che c’è scritto su ogni lapide: padri esemplari, mamme affettuose, gente senza vizi e senza infamità. Se al cimitero risiedono solo persone oneste e perbene dove vengono sotterrati i la­dri e i furfanti?

ÒGNUNE MÉTTE MMÒCCHE
(ognuno mette in bocca)
Quando c’è abbondanza ognuno ha possibilità di prendere

ÒGNUNE PÈNZE U DDJE SUE
(ognuno pensa al suo Dio)
L’egoismo umano è sempre prevalente. Ognuno pensa alle proprie cose e dei miseri nessuno si interessa

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.