Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-53-53 k2-35 w-1 v-10 86 03

I proverbi di Ponza (20)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

” A Pànje”

 

 

NOTTE SE FA, LL’UÒGLE FENNÉSCE É TATE NU MÒRE
(notte si fa, l’olio finisce e babbo non muore)

Si usava dirlo quando nel fare una cosa si andava troppo per le lun­ghe con dispendio di energie e danaro

 

NOVE MISE, NÒVE VISE
(nove mesi, nove visi)
Il bambino fino all’età di nove mesi cambia continuamente il suo aspet­to per cui è impossibile stabilire a chi rassomigli

NTRICHETE D’I FATTE TUÒJE
(Impicciati dei fatti tuoi)

Non interessarti delle cose altrui

NU MARE S’APPIZZE É N’ATE NE FRAGNE
(una ondata si imbarca e un’altra irrompe
Non trova un attimo di tranquillità. Ad una avversità ne segue un’altra

NUN À FATTE PROPRJE U CAZZE I NIÉNTE
(non ha fatto nulla)
Lo si diceva per chi aveva promesso di interessarsi di una faccenda oppure per chi mostrava poco rendimento nel lavoro

NUN AMMESCAMME A LANE C’A SÉTE
(non mischiamo la lana con la seta)

Non facciamo di tutte le erbe un fascio

NUN CE PIGLIAMME U DITE CU TUTT’A MANE
(non ci pigliamo il dito con tutta la mano)

Così si diceva a chi andava oltre ciò che gli era stato consentito

NUN CE STA PEZZENTARJE SENZA DIFIÉTTE
(non c’è miseria senza difetti)

Anche i bisognosi sono carichi di pretese

NUN È DÒCE I SALE
(non è dolce di sale)
E’ perfido, malvagio oppure inesorabile, severo, inflessibile

NUN È PANE P’I DIÉNTE SUÒJE
(non è pane per i suoi denti)
Quello non è per te. Le tue capacità non sono idonee per quel lavoro. Non hai alcuna possibilità di ottenere quella cosa

NUN È TUTTE ORE CHÉLLE CA LUCE
(non è tutto oro quello che luccica)
Spesso l’apparenza inganna

NUN FA BBÈNE CA MALE NUN TE VÈNE
(non far del bene così nessuno ti farà del male)
Per farsi rispettare bisogna essere intransingente e intollerante perché la generosità è quasi sempre male apprezzata ed in cambio si ricevono cattive azioni

NUN FA SCI U GRASSE A FÒRE A PIGNATE
(non fare uscire il grasso dalla pentola)
Non far partecipare gli estranei alla propria attività. Fare le cose con molta parsimonia. Lo si dice anche per un matrimonio tra consanguinei

NUN FA MALE I MUÒNECE CA S. FRANCISCHE SE NE PAVE
(non far del male ai monaci perché S. Francesco ti punisce)
Non ostacolare l’attività di persona legata ai potenti perché essi ti pu­niranno

NUN FILE É NU TÈSSE É STU GLIÒMMERE ADDÒ ESCE
(non fila e non tesse e questo gomitolo da dove esce)
Lo si dice quando una persona, che si è sempre lamentata delle sue precarie condizioni economiche investe grosse somme in acquisti op­pure quando una persona conduce una vita agiata senza fare alcun lavoro

NU ME FITE I VEDÉ
(non me la sento di guardare)
Non riesco a sopportare una tale ingiustizia

NUN MÉTTERE CARNE A CÒCERE
(non mettere carne a cuocere)
Lascia le cose come stanno, non tirare fuori nuovi problemi perché essi non farebbero altro che aumentare l’ingarbugliamento

NUN NE VO NCUÒRPE
(non ne vuoi sapere)
Non vuole studiare. Non vuole lavorare. Non vuole mangiare. Non vuole sposarsi. Non buole interessarsi di quella determinata faccenda

NUN PAZZJÀ C’A JATTE CA CHÉLLE TE SCIPPE
(non giocare con il gatto perché ti graffia)

Stai attento a chi frequenti. Non giocare con i cattivi e i permalosi perché la loro reazione potrebbe causarti danno

NUN PÒ CHIUDERE VÒCCHE
(non può chiudere bocca)
Espressione di lode. E’ tenuto a parlarne bene per il suo corretto mo­do di agire

NUN PORTE FILE A LÉNGUE
(non controlla la sua lingua)
E’ capace di darti qualsiasi risposta. Non ha rispetto per nessuno

NUN SAPE CHE PISCE PIGLIA
(non sa che pesci prendere)

E’ indeciso. E’ un inetto. E’ frastornato

NUN SAPÉVE C’A MORTE AVVELENATE ì:RE ACCUSSì DÒCE
(non sapevo che la morte per avvelenamento era così dolce)

Ne ho passato di tutti i colori; ne ho viste di ogni genere tanto che l’avvelenamento è una dolcezza

NUN SE FA PASSA A MÒSCHE P’U NASE
(non si fa passare la mosca per il naso)
Lo si dice per chi non permette che gli si manchi di rispetto. Lo si dice anche per chi ha dato una risposta ferma e decisa

NUN SE PO DICERE U PECCATE É U PECCATÒRE
(non si dire il peccato e il peccatore)

Posso svelarti un segreto ma mai che me lo ha riferito

NUN SE PO FA A FÈSTE SÈNZA A MURTÉLLE
(non si può fare la festa senza il mirtillo)
Una volta si usavano fare corone di mirtillo per addobbare le strade nei giorni di festa. E non era festa se non ci fosse il mirtillo. Questa espressione viene riferita a chi vuole stare sempre al centro di ogni cosa

NUN SFRUCULIÀ A MAZZARÈLLE I S. CHJSÈPPE
(non molestare il bastone di S. Giuseppe)

Non approfittare della bontà altrui, potrebbero reagire in modo ma- spettato

NUN SFRUCULIÀ U PASTICCIÒTTE
(non inollestare il pasticcino)
Anche questa espressione viene diretta a chi tenta di approfittare del­la bonarietà altrui significando che ad ogni cosa c’è un limite

NUN SÒ TUTTE ROSE E CIURE
(non sono tutte rose e fiori)
Non guardare solamente i momenti belli e lieti. Essi rappresentano solo una PartE perché vi sono anche momenti grigi e tristi

NUN SPUTA NCIÉLE CHE NFACCE TE TÒRNE
(non sputare in cielo perché ti ritorna in faccia)
Non mancare di rispetto ai tuoi genitori perché i tuoi figli, dalla tua scuola, faranno lo stesso con te

NUN STA DINT’I PANNE
(non sta nei panni)
Usato per chi manifesta un momento di felicità

NUN T’ANNAMMURÀ D’A FÉMMENE CHE JANCHÉJE A PA­SCHE É D’U CIUCCE CHE RAGLE A MAGGE
(non ti innamorare della donna che biancheggia a Pasqua né dell’asi­no che raglia a maggio)
Rassettare a Pasqua è una normalità. Una donna che riordina la sua casa in quel periodo non dimostra qualità particolari di massaia così come l’asino che raglia a maggio. E’ nel periodo dell’amore

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.