Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0023-023 a2-10 i-05 k1-20a 5 56

I proverbi di Ponza (19)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

” A Pànje”

 

 

NA NÒCE INT’A SACCHE NU SÒNE
(una noce neLla tasca non suona)
L’unione fa la forza. Per ottenere certamente qualcosa bisogna esse­re in tanti a chiederla. Lo si dice anche per mettere in risalto che in una famiglia il contributo di una sola persona non sarà mai sufficien­te a migliorare le condizioni economiche

NATALE E TUTTE SCÒRZE É PASCHE E TUTTE PÒRPE
(Natale tutte bucce e Pasqua tutta polpa)

Abitudini locali. A Natale si consuma molta frutta e a Pasqua molta carne

N’ATE VULLE È CUÒTTE
(un’altra bollita ed è cotto)
Espressione usata in senso metaforico perché per cuocerlo ce ne vo­gliono di bolliture. Per arrivare all’intento ce ne vuole di tempo, di sacrifici, di interventi, di danaro

NA VÒTE A LL’ANNE DDJE U CUMMANNE
(una volta l’anno Dio lo comanda)
Ogni tanto è consentito di fare qualcosa di straordinario anche se con­tro le proprie abitudini e contegno

NA VÒTE CHE TE TRUÒVE C’A VÒCCHE APÈRTE CHIAM­MENE PURE A FIGLEME
(una volta che ti trovi con la bocca aperta chiama anche mio figlio)
In genere si usa dirlo verso chi protesta perché la renda più vivace fa­cendosi portavoce anche di altri

NCE À CANTATE U UALLE NCÒPPE
(ci ha cantato il gallo sopra)
Lo si dice a chi ha perso tempo e non ha potuto ottenere quanto era nelle previsioni

NCE À DATE A CALÒMME
(gli ha dato spago)

Insinuando lo ha facilitato a parlare

NCE À FATTE NA SCARRECATE I DIASILLE
(gli ha riversato addosso una montagna di paro/acce)

Gliene ha detto di tutti i colori

NCE AGGE FA NU SCIPPACENTRÉLLE
(gli debbo creare un incidente)
E’ un modo di dire verso chi si comporta inadaguatamente

NCE À MISE U CARULE NCAPE
(gli ha messo il tarlo in testa)

Lo ha sobillato

NCE À TAGLIATE I COSCE
(gli ha tagliato le gambe)
Non gli ha consentito di fare il suo comodo. Lo ha frenato

NC’È SCÉSE A LÉNGUE NGANNE
(gli è sceso la lingua in gola)
E’ rimasto muto di fronte ad una particolare situazione. Non ha sa­puto rispondere a delle precise contestazioni o accuse

NC’È GGHIUTE U CARULE A RÉCCHJE
(gli è andato il tarlo all’orecchio)

Ha avuto sentore di qualcosa e si è messo in guardia

NCE PÒNNE CCHJÙ L’UÒCCHJE CA I SCUPPETTATE
(fanno più male gli occhi che le fucilate)

Espressione cara ai superstiziosi che ritengono il malocchio peggiore di una fucilata

NCE PUÒ JTTÀ I FIGLE MBRACCE
(ci puoi gettare i figli tra le braccia)
E’ una persona che sa mantenere il segreto tanto da poterle affidare figli illegittimi

NCE VANNE I SCARPE ASTRÉTTE
(gli vanno le scarpe strette)
Non può e non deve fare diversamente da quello che gli è stato impo­sto anche se non è di suo gradimento

NCE VÒ A FURTUNE PURE A FA A PUTTANE
(ci vuole fortuna pure a fare la puttana)

Lo dice chi le va sempre tutto storto

NCE VÒ A ZÉPPE D’U STÉSSE LIGNAMME
(ci vuole la bietta dello stesso legno)
Si usa dirlo quando si vogliono porre rimedi diversi da quelli che so­no necessari

NCE VO U BÈLLE È U BUÒNE
(ci vuole il bello e il buono)
Lo si diceva a chi era in attesa di un qualcosa di importante. Con questo modo di dire lo si incitava ad un impegno maggiore, a compiere un altro sforzo

NCÒPPE A CHÉLLA TAVULE NCE STÉVE L’INDJE MAG­GIÒRE
(su quel tavolo c’era l’India maggiore)
Era una tavola così bene imbandita, compresi i prodotti esotici, che non mancava proprio niente

NCÒPPE U MUÒRTE SE CANTE ASSEQUJE
(siil morto si canta il requiem)
E’ inutile fare commenti e previsioi,sul fatto piglieremo le decisioni e i provvedimenti dovuti alla circostanza

N’È FATTE CHIÙ TU CA CATUCCE
(ne hai fatto più tu che catuccio)

Per chi è solito combinarla di tutti i colori

NÉGLE MMUNTAGNE, PUNÈNTE NCAMPAGNE
(nebbia in montagna, ponente in campagna)
E’ un proverbio marinaresco. Quando il monte Guardia è avvolto dalla nebbia significa che allargo soffia il ponente e che presto farà la sua apparizione

NGRAZJE A DDJE CA FACCE PE TÈRRE
(ringraziando Iddio con la faccia per terra)

Sono contento per come si è risolta la faccenda

NGRAZJE A DDJE CHE T’À PIGLIATE, T’ADDA VULÉ PURE BBÈNE
(ringrazia Iddio che ti ha sposato, pretendi anche il bene)
Lo si dice ad uno dei coniugi, quello negativo, quando si lamenta e critica ingiustamente il partner

NIÉNTE TE DICHE É TU MANCHE NIÉNTE ME DICE
(niente ti dico ma tu neanche niente mi dici)

Lo si dice il creditore di fronte alla indifferenza del debitore

NINNA-NANNE: CHI À FATTE I UAJE CHILLE SI CHIAGNE
(ninna-nanna: chi ha fatto i guai quello se li deve piangere)

Ognuno è responsabile delle proprie azioni

NISCIUNE AMICIZJE DURE CIENT’ANNE
(nessuna amicizia dura cento anni)
Capita sempre qualcosa per far rompere una amicizia anche la più salda. L’imprevisto è sempre in agguato

NISCIUNE È NATE MPARATE
(nessuno è nato istruito)
La vita e la scuola sono i maestri da cui apprendere. Il dotto nato non esiste

NISCIUNE FA NIÉNTE PE SENZA NIÉNTE
(nessuno fa niente per niente)
C’è sempre un fine in ogni interessamento. Nessuno opera senza un compenso

NISCIUNE TE DICE: CHE BÈLL’UÒCCHJE TIÉNE NFRÒNTE
(nessuno ti dice: che bei occhi che hai)

L’umiltà è proprio un termine astratto per l’individuo. Nessuno am­mette la superiorità dell’altro

NISCIUNE TE DICE: LAVATE A FACCE CA PARE MEGLE I MÉ
(nessuno ti dirà: lavati il viso che sarai più bello di me)

Nessuno ti aiuterà a che tu lo superi. L’egoismo e l’invidia dominano gli altri sentimenti umani

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.