Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-28_13-34-58 i-21-h-21 30-07-2005-19-35-51_0006 s2-27 ss04 101

Saluto ad Ernesto Prudente, ad un mese dalla sua morte

Condividi questo articolo

 

di Marcello Sanguigni

Caro Ernesto,
oggi 22 ottobre, è passato  un mese da quando ci hai lasciati sulla Terra ma non nei nostri cuori. Voglio ricordarti con un “pezzo” che hai scritto sul tuo “Bazzoffie” che, quando seppi del tuo addio’ ho cercato per due sere tra i libri che mi avevi donato ma non riuscii a trovarlo.
Avrei voluto leggerlo il giorno del tuo funerale, in chiesa, ma forse è andata meglio così perché, ne sono certo, non sarei riuscito a finirlo. In queso “pezzo” c’è tutto Ernesto Prudente. Profondo, nostalgico, ironico.
Con questo pezzo credo che quando l’hai scritto hai voluto salutarci per quel giorno che, prima o poi, sarebbe arrivato.
Mi rammarico di averti conosciuto per troppo poco tempo, ma non ti
dimenticherò più !
Ecco il “pezzo”:Quanne a campane sòne pe mè, voglio essere in eccellenti condizioni fisiche. Io non voglio sentire l’odore della canfora e dello spirito. Io me ne vogl’ì  allèrte, cu i piède mièj, chille stèsse piède che cammenanne ncòppe a sti prète anne lasciate, me lo auguro e spero, quacche signale can nun s’adda cancellà facilmente.
Prime i piglià u vuole è ascì a fore a l’arje, e non cerco troppo, vurria turnà uaglione, pe ne pòche, pe jucà mièzze a piazze, cu Ernestino e cu chillate uagliune. Chille vedènneme peccerille me facèsse jucà. Po’, tornando vecchio e dopo aver fatto sedere Tamara alla mia scrivania, perché quella è capace di portare a termine i miei progetti culturali, vùlesse saglì ncòppe a n’ èlicòttere pè guardà Ponza a còppe: Chiaia di Luna, Calenfièrne, Lucia Rosa e i case d’i Forne, sèmpe cu Ernestino apprièsse. E vulèsse poi fa na corse a Zannone pe nu gire tuorne-tuorne e, all’urdeme, vulèsse j ncòppe Palmarola. Là mu vulesse fermà nu poche i cchiù.
Vulèsse scènnere ncòppe u pizze Cannone è farme a piède i case vècchje e u carcarièlle fine ad arrevà a case mje. Trasì, piglià na buttiglie i spumante è arapèrle fòre, ncòppe a chèlla tavule che sta ancore llà. Jènghere duje bicchière, une pure p’ù uaglione c’adda brindà cu mè mentre nce donghe i cunsègne.
Ca mane dritte piglie u bicchière è u izze ncièle, sorreggendo il gomito con la sinistra. E quando il bicchiere è in alto, il più alto possibile, voglio ancora ripetere, a voce alta, come ho fatto migliaia di volte: “Mondo, tè!” E in questo “mondo” ho compreso anche te, morte.
A Parmarole se po’ dicere chèste e pure ate ccòse pecchè è na tèrre che sta oltre il mondo, aldilà delle terre abitate, da dove, anche per chi non crede, esce spontaneo lo scongiuro: Ricciolì, vuò sapè na còse ? Vièneme a piglià doppe, mò m’è passate a vògle i murì !
Ernesto Prudente

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.