Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0047-047 lfi s1-22 t5-19 m2-25 Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

La zona ex miniera. Appello al dibattito

Condividi questo articolo

 

di Gennaro Di Fazio

All’ articolo  di Pianigiani sulla S.A.M.I.P, vi sono state ottime risposte e ben  argomentate, chi meglio impostate sul piano politico, chi più su quello amministrativo e chi invece  su quello ideologico e/o emozionale. Tuttavia poche a mio parere, anche perché per arrivare alla verità o almeno parte di essa, è necessario, come si sa,  avere molte testimonianze; pertanto sarebbe molto opportuno che il dibattito  non finisse qui, anche perché  mancano all’appello su tale discussione ancora troppe persone e tra queste alcune anche importanti come coloro che hanno curato l’aspetto fallimentare e l’acquisto successivo. A questo punto mi sovviene un dubbio e cioè: LA S.A.M.I.P. cessò per impedimento o per convenienza, visto  la riduzione del materiale e i debiti che ha lasciato? Al danno seguì quindi anche la beffa?

Comunque, aldilà delle verità a cui  è sempre bene arrivare, spero che le riflessione su questa enorme piaga dell’isola possano produrre le idee necessarie per trovare  la soluzione adatta a farla guarire. Tutti abbiamo in qualche modo il dovere di dare un contributo, chi con le idee e chi con l’impegno istituzionale, le quali però per arrivare a concludersi positivamente e cioè con l’attuazione di un progetto, devono camminare di pari passo. Non si possono avere idee avulse dall’aspetto amministrativo e viceversa; pertanto cominciamo a vedere  in che situazione giuridica si trova tale zona ed inseriamola in un piano urbanistico, visto che allo stato attuale essa ne è esclusa (almeno così a me risulta).

Questo sito è a disposizioni di tutti e attraverso il confronto virtuale, stando oltretutto comodamente a casa propria, può sicuramente creare la necessaria rete di contatto tra gli uomini e le istituzioni e tra le idee e la burocrazia. Poi ci si dovrà anche  sedere intorno ad un tavolo, magari formare una commissione, coinvolgere istituzioni che vanno oltre quella comunale, recuperare i fondi, sfidare la burocrazia e tante altre cose ancora. Indubbiamente tempi lunghi, ma se non si dibatte neanche, cosa si pretende? O forse si spera  che viene S. Silverio e con un miracolo mette tutto a posto? In assenza di soluzioni, alla fine qualcuno deciderà e ci troveremo come quando, per mancanza di dibattito e chiarezza, si è deciso per le varie zone di protezioni e divieti esistenti sull’isola.

Basta solo criticare e/o lamentarsi, niente viene da solo, nel bene e nel male, così  come i fatti hanno sempre dimostrato.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.