Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

isi-03 k1-18a k2-21 ernesto-13 4 scansione0003

I proverbi di Ponza (17)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

” A Pànje”

 

M’AVITE CHIAGNERE A LACRIME AMARE
(mi dovete piangere a lacrime amare)
Se dovessi andar via o morire resterà un vuoto nella vostra vita. Per la mia generosità, per la mia benevolenza, per la mia passione, per il mio amore non vi resterà che versare lacrime amare

MAZZE É PANÈLLE FANNE I FIGLE BÈLLE
(scappellotto e pane fanno i figli belli)
Ci vuole intransigenza nella educazione dei propri figli. Bisogna pu­nire severamente quando è necessario e nello stesso tempo abituarli a non essere esigenti a tavola

MBRUÒGLE AIUTEME
(confusione aiutami)
Lo si dice quando ci si trova in una difficile situazione e soltanto un coinvolgimento generale potrebbe farci uscire indenni

ME CHIAGNERE A LACREME I SANGUE
(mi devi piangere con lacrime di sangue)
Si usa per rimproverare. Il mio comportamento ricco di generosità e di benevolenza lascerà alla mia morta un vuoto tanto profondo che vi costringerà a rimpiangermi versando lacrime di sangue

ME FA NCUCCIÀ NA FRÈVE
(mi fa prendere la febbre)
Il suo comportamento insolente fa aumentare il calore del mio corpo facendomi diventare irascibile

ME GGHIUTE PRÒPRJE INT’A NA ZIZZE
(m’è andato proprio nel seno)
Sono felice di quanto mi è succeso

MÈGLE A DICERE CHE PANE E CHISTE É NO DAMME NE POCHE
(meglio dire che pane è questo che chiederene un pò)
Nella vita bisogna saper agire e comportarsi. L’essere gentile, crean­zato, cortese ti consentono di arrivare all’animo altrui ed ottenere quel­lo che desideri.

MÈGLE A NU PARLA CHE PARLA BBUÒNE
(meglio non parlare che parlar bene)
Dire la verità spesso urta la suscettibilità dell’interlocutore per cui è opportuno tacere

MÈGLE CA MAMMETE TE CHIAGNÉSSE CA MARZE TE TE­GNÉSSE
(meglio che tua madre ti pianga che marzo ti tinga)
Il sole di marzo ti abbruttisce talmente che preferirei vederti morta, così le mamme dicevano alle figlie che tentavano l’abbronzatura in marzo

LE ÈSSERE PARENTE LASCHE D’A REGGINE CA FRA­TE CARNALE D’U RRÉ
(meglio essere lontano parente della regina che fratello carnale del re)
Una buona moglie riesce sempre a manovrare il marito per cui godere del suo appoggio e della sua protezione è più importante che avere legami di sangue con il marito

MÈGLE FERITE CA MUÒRTE
(meglio ferito che morto)
Lo si dice quando il risultato di una controversia non è stato comple­tamente soddisfacente

MÈGLE FÉSSE CA SINNECHE
(meglio fesso che sindaco)
Fesso lo si è per sempre e non si hanno responsabilità

MÈGLE LL’UÒVE ÒGGE C’A GALLINE DIMANE
(meglio l’uovo oggi che la gallina do,nani)
Meglio un piccolo corrispettivo subito che la lusinga di un grosso com­penso futuro

MÈGLE MURI CHE MALE CAMPA
(meglio morire che campare male)
Era l’esclamazione della persona che conduceva una vita piena di stinti e di miseria

MÈGLE NA FIGLIATE CA NA SCIAMMÉRECHE CU NU PRÈUTE
(meglio partorire che fare l’amore con un prete)
Il prete, per la sua astinenza, sarà così violento da procurare dolori maggiori di un parto

MÈGLE NA MALE MATINE CHE NA MALE VICINE
(meglio una brutta giornata che una brutta vicina)
Con il vicinato bisogna andare sempre d’accordo

MÈGLE NU MALE ACCUÒRDE CHE NA CAUSE VINCIUTE
(meglio un brutto accordo che una causa vinta)
Purtroppo è così. E’ un insegnamento della vita. Una causa non dura mai pochissimo tempo; gli avvocati pretendono sempre e molto e in­fine l’avversario diventa un nemico. E questo quando non c’era la crisi della magistratura

MÉNE A PRETE É NASCÒNNE A MANE
(butta il sasso e nasconde la mano)
Lo si dice a chi insinua e istiga e poi fa finta di niente

MÉNE PANE A CHI TE JÈTTE PRÈTE
(getta pane a chi ti (ira le pietre)
Ricambia con una cortesia l’offesa ricevuta

MÉNE SAJE MÈGLE STAJE
(meno sai meglio stai)
Meglio essere ignorante. Il sapere è spesso causa di fastidio perché la gente si rivolge sempre a chi sa di più arrecando noie e fastidio

MÈNTRE A BÈLLE SE PRETÈNDE A BRUTTE S’AMMARITE
(mentre la bella si fa pretendere la brutta si mania)
La donna bella, avendo molti corteggiatori, è costretta a fare le sue scelte e passa del tempo; la brutta al primo richiamo si lancia

MENTRE U MIÉDECHE STUDJE U MALATE MÒRF:
(mentre il medico studia il malato muore)
Bisogna trovare subito una soluzione, un argine, una protezione pri­ma che la situazione precipiti e la sanatoria diventa problematica.

ME PARE A CUSCIÉNZE I NANANNE
(mi sembra la coscienza della nonna)
E’ grossa e ci si può mettere tutto dentro

ME PARE A FIGLE D’A GALLINE JANCHE
(mi sembra la figlia della gallina bianca)
Vuoi dimostrare di essere una rarità. Si fa pretendere

ME PARE A FIGLE I DON CAMILLE: TUTTE A VÒGLENE É NISCIUNE S’A PIGLE
(mi sembra la figlia di don Camillo. tutti la vogliono e nessuno se la prende)
Lo si dice a una donna che si da tante arie facendo credere che ha tanti corteggiatori ma alla fine rimane zitella

ME PARE A FRAVECHE I S. PIÉTRE
(mi sembra la fabbrica di S. Pietro)
Un lavoro che non finisce mai

ME PARE A JATTE I ZI’ MARIE: NU POCHE CHIAGNE É NU POCHE RERE
(mi sembra il gatto di zia Maria: un pò piange e un pò ride)
Lo si dice ai bambini che passano facilmente dal pianto al riso

ME PARE A MULE I GENUVE
(mi sembra la mula di Genova)
E’ testardo ed è sempre pronto a scalciare

ME PARE A SPORTE D’U TARALLARE
(mi sembra la cesta del tarallaro)
C’è un pò di tutto e tutti ne approfittano per prendere o per buttarci dentro qualcosa di inservibile

ME PARE A VARCHE I BÒMBS
(mi sembra la barca di Boma)
Una barca dove regnava il più completo disordine

ME PARE CICCE U JUCATORE
(mi sembra Ciccio il giocatore)
Sta sempre con le carte in mano e non pensa ai lavoro

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.