Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-59-13 bn2 ep-05 h-29 u-07 fl-02

Arcipelago Ponziano: Isola di Ponza (1)

Condividi questo articolo

Prima parte di un saggio sulla geografia e sulla storia dell’isola di Ponza

di Michele Abbondanza

All’inizio fu: Eèa

L’arcipelago delle isole Ponziane, dette anche isole Pontine, sono un gruppo di isole di origine vulcanica a circa 20 miglia nautiche dal promontorio del Circeo situato in provincia di Latina. Per individuare la zona da una cartina nautica le coordinate geografiche sono; Latitudine: 40.916667 Nord e Longitudine: 12.95 Est. vedi anche la cartina a lato. Le isole che ne fanno parte sono:

Pontine_Islands_map_ita - Autore: 92bari

  • Ponza
  • Palmarola
  • Zannone
  • Gavi
  • Ventotene
  • Santo Stefano

Amministrativamente l’arcipelago è separato in due zone: gruppo di Nord-Ovest e gruppo di Sud-est. Al primo appartengono Ponza, Palmarola, Zannone e Gavi ed al secondo Ventotene e Santo Stefano. Quasi a guardia delle due zone sta lo scoglio della botte a circa 6 miglia nautiche da Ponza porto e meta ambita dai sub. La popolazione complessiva, nel 2010, supera di poco i 4000 abitanti residenti. Il periodo estivo vede un’intensa attività turistica che amplia di parecchio le persone di stanza sulle varie isole; di fatto però limitate a Ponza, Palmarola e Ventotene.

Ponza - Le Forna - Vista della baia - img di M. AbbondanzaPonza è la più grande delle isole dell’arcipelago. Il suo centro è Ponza porto, poi ci sono i centri di “Le Forna”, le sue coste sono frastagliate e ripide sul mare blu, ma in alcuni casi “scendono” quasi dolcemente. Sono di orgine vulcanica e composte da tufi e caolino.  Gli studi geologici fatti dei depositi rocciosi fanno risalire la nascita dell’Arcipelago Pontino tra la fine del Terziario e il Quaternario antico e la formazione sarebbe avvenuta in un processo durato almeno 500 mila anni. Inoltre la distanza e la composizione delle rocce fà pensare a più processi che hanno generato le due formazioni di isole. L’archeologo Schneider, assieme al figlio, farà i primi ritrovamenti di reperti ceramici che testimoniano la presenza nell’isola di insediamenti capannicoli che si fanno risalire all’Età del Bronzo Antico e al Neolitico. L’isola di Ponza è citata anche a far parte dell’antica via dell’ossidiana , roccia molto importante nell’uso quotidiano nell’antichità. Un giacimento importante di questa scura roccia vetrosa era nell‘isola di Palmarola. Anche in recenti ritrovamenti nella zona tra San Felice del Circeo e Sabaudia, fanno risalire all’isola di Palmarola i manufatti.

Fin qui sono citate le prime testimonianze di vita che la storia ci consegna. Ma per conoscere l’importanza che quest’isola si è conquistata bisogna scandagliare bene le righe che sono state scritte nei secoli passati. Conosciamo un pò di più della storia di Ponza.

Per la seconda parte clicca qui

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.