Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0028-028 0048-048 i-30 30-07-2005-19-31-11_0003 7 la-galite

I proverbi di Ponza (16)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

“A Pànje”

 

 

MADÒNNA MJE Ò FAI FA NOTTE AMPRÈSSE Ò FAI RÒMPE­RE A ZAPPA
(Madonna mia, o fai far notte subito o fai rompere la zappa)
E’ l’invocazione dello sfaticato

MAGGE ADDA VELEGNA’
(maggio deve vendemmiare)
A maggio c’è sempre un temporale che distrugge la vigna

M’AGGE LAVATE i PIÉDE CU LL’ACQUA DOCE
(mi son lavato i piedi con l’acqua dolce)
Così dice il pescatore alla fine del suo periodo annuale di pesce inten­dendo con ciò che, durante la stagione invernale, non metterà piede su una barca

M’AGGE LUVATE I MÈNTE
(me lo sono tolto dalla mente)

Mi sono dimenticato

M’AGGE LUVATE NA MOLE A VÒCCHE
(mi sono tolto un molare)
Lo si dice quando si fanno grosse spese per una determinata cosa

M’AGGE MÉTTERE U CARTIÉLLE ARÈTE I RINE
(mi debbo mettere il cartello sulle spalle)

Lo dice colui che conduce con grande dignità una vita piena di stenti e di sacrifici

MAGNE GRAZJE I DDJE É CACHE SCUPPETTATE
(mangia ben di Dio e caca fuoco)

Questa espressione può essere usata sia per mettere in risalto una rea­zione scorretta e sia per far notare il comportamento incivile di una persona che scorreggia senza ritegno

MAGNE NTÈRRE É TE STUJE NCUÒLLE
(mangi per terra e ti pulisci addosso)
Lo si dice a chi lascia un lavoro o una posizione comoda per una si­stemazione peggiore

M’AJTE CHIAGNERE CIÉNT’ANNE DÒPPE MUÒRTE
(mi dovete piangere per cento anni dopo morto)

Lo dice la persona che ha fatto sempre del bene ricevendo ingratitudini

MALE CHI PORTE A CAMMISE D’U MPISE
(male chi porta la camicia dell’impiccato)
Maledizione a chi porta una cattiva fama perché ogni qualvolta suc­cede qualcosa la colpa è sempre sua

MALE A CHI PORTE A MALE NNUMMENATE
(maledizione a chi porta una cattiva nomea
E’ sempre lui ad essere accusato anche di cosa che non ha commesso

MALE CHELLA CASE CHE VÈNE ANNUMMENATE TRÉ VOTE U JUÒRNE
(maledizione a quella casa che viene nominata tre volte al giorno)
E’ per i superstiziosi. I vecchi ci tenevano. Sulla casa che di continuo veniva pronunciata si abbatteva il malaugurio. Quella famiglia si pren­deva come termine di paragone

MALE CHI STA SUGGÈTTE
(maledizione a chi ha bisogno)
Chi ha bisogno è costretto a implorare sempre aiuto

MALE É BBENE A FINE VÈNE
(male e bene, la fine arriva)

C’è sempre una legge di compensazione

MALE NU FA É PAURE NUN AVÉ
(male non fare e paura non avere)
Se ci comporta da galantuomini non bisogna temere niente a nessuno

MALE MASTE SÒNGHE, MALE FIÉRRE TENGHE: NU CHIAM­MA CA NUN CE VÈNGHE
(pessimo mastro sono, pessimi arnesi ho: non mi chiamare perché non vengo)
E’ un modo di dire per gli oziosi e sfaticati per mettere in risalto la loro apatia verso il lavoro

MALE TIÉMPE, MALE UADAGNE
(cattivo tempo, niente guadagno)
E’ Ufl detto dei pescatori che, quando il tempo è cattivo, non possono andare a pescare e logicamente non guadagnano

MALE TIÉMPE U PAGLIARE
(brutto tempo nel pagliaio)
Lo si dice quando in famiglia si passano momenti tristi

MAMME M’A FATTE È DDJE NCE PÈNZE
(mamma mi ha fatto e Dio ci pensa)

Lo si dice all’ozioso inveterato

MAMME NU VÒ GRAZJE, VÒ NA FÈLLE I LARDE
(mamma non vuole ringraziamenti, desidera una fetta di lardo)
Non fiori ma opere di bene!

MAMMETE È NA BÒNA FÉMMENE, PATETE È NU BUONE OMME MA TU SI NU MALE FIGLE I PUTTANE
(tua madre è una buona donna, tuo padre è un buon uomo ma tu sei un pessimo figlio di puttana)
Espressione che si rivolge alle persone screanzate e inurbane e sia per definire chi simpaticamente ti combina qualche monelleria

MANCHE A LI CANE
(neanche ai cani)
E’ un modo di dire per non augurare qualcosa di brutto a qualcuno

MANCHE PE PÒLLECE INT’I PANNE SUÒJE
(neanche per pulce nei suoi panni)
Espressione molto belle. Essa serve a mettere in risalto le doti morali di una persona che riesce a sostenere con tranquillità l’urto di una av­versità o di una disavventura. In questa circostanza non vorrei essere neanche una pulce nei suoi panni data la mia debolezza morale. Può essere usata anche per mettere in risalto i guai, che sta passando una persona

MANCHE U RÉFECE VULÈTTE U STAGNARE VICINE
(neanche l’orafo volle lo stagnino vicino)

Consentire ad uno di iniziare una attività vicino alla propria potrebbe rivelarsi dannosa se si pensa che lo stagnino fece ombra all’orafo

MANCE A QUATTE CANCAGLE
(mangia con quattro mandibole)
Lo si dice per coloro che a tavola dimostrano avidità e ingordigia

MANNA A CATTÀU PÉPE
(mandare a comprare il pepe)
Allontanare qualcuno con sottile arte per non farlo partecipare

MANNE PIGLIATE D’UÒCCHJE
(mi hanno preso d’occhio)
Nel senso che mi hanno buttato addosso il malocchio e le mie cose vanno male

MANTENIMMECE A VISTE I FANALE
(inanteniamoci a vista di fanale)

Restiamo in contatto. Non perdiamoci d’occhio

MANTIÉNE MMANE
(tieni in mano)
Incomincia a prendere. Conserva quello che hai avuto o sei riuscito ad agguantare perché il finale non è roseo

MARE A CHI MORE É PARAVISE NU TRÒVE
(male a chi muore e non trova il paradiso)
L’espressione si adatta per quelle persone che, avendo bisogno di aiu­to, non trovano nessuno propenso a sostenerle

MARITE E VUÒJE D’U PAÉSE TUÒJE
(marito e buoi del paese tuo)
Il marito e il bue devono essere del tuo paese perché si possono cono­scere le origini, l’indole, la mentalità, le abitudini

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.