Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ms-01 l-09 c1-16 v1-22 3258 sl372210

La serata del 10 agosto. Il secondo intermezzo musicale: “Gente essenziale” (13)

Condividi questo articolo

sintesi e proposizione a cura della Redazione

Secondo l’ordine della scaletta – leggi qui – presentiamo ora la canzone “Gente essenziale”  già proposta su questo sito (leggi qui), ma stavolta in video che mostra bellissime fotografie di Ponza…

.

” target=”_blank”>Gente essenziale

Gente essenziale

(Musica e parole di Nino Picicco, da una memoria di Mimma Califano)

.

’A rezza ’ncoppa ’a spasara

se stà asciuttanno

a’ pont ’u muolo è pronta già

tutto è pace; nun se sape

ch’è succiesso iuorne fà

E songo tre o quatte iuorne o ’na semmana

ca stammo ’i lesa pe’ pisca’:

’ncoppa i pizze d’a muntagna

guarda si ’a vide ’i squacchia’

.

’I notte po’ spaccammo int’à custèra

aspetta’ ca da funno esce ’nu lampo

È vierno e ll’aria fredda spisso gela

iammece a ripara’ int’a ’na spiaggia.

.

Appiccia ’u ffuoco ‘ll’ummedo se sente

trase int’all’osse e ’i spercia tutte quante

che male int’’e ddenocchie ca me vène

ià famme posto, scàrfate, curaggio

Po’ se riparte: i’ vozze poppa a poppa

c’a rezza mezza a una e mezza a n’ata.

.

allerta  Giuantonio ’ncoppa ’a prora

deve istruzzione a tutto l’equipaggio

vucammo chiano dint’ u’ mare scuro

pur’isso stà durmenno int ‘a ’sta calma.

.

Tutta ’na botta proprio sott’a nuie

’nu lampo dint’ all’acqua, n’atu lampo

s’appiccia ’u mare tutt’attuorno a nuie

fa ampresso scioglie ’e vozze ca calammo

’u cchiummo affonna e ’a cuorcete va a galla

e ’a rezza ca va a cegnere i palammete

.

ma mo n’atu problema pure cchiù gruosso

nuje mò tenimmo d’affruntà

se fa l’ora d’a partenza ’u vapore adda passa’

allora ’a fore ’a Ravia e tira e voca

nuie sott’’a Torre àmma purta’

chesta rezza ma cuntente ù vapore po’ passa’

E schiara iuorno mentre nuie aspettammo

Pe calà ’a leva intanto ripusammo

porta ’u ccafè cu ’ll’ànnese cunciato

ce aspetta mò ’na bella faticata

.

Tre vvote àmmo calato int’’a priggione

p’astregne ’i pisce e pe’ n’ave’ raggione

c’a coda nuie è pigliammo e ’nt’i spaselle

’i ghiammo a sistema’ p’i purta’ ’nterra

’I menano Girillo e Gavitello

Giuantonio c’u Ferone stregne ’a rezzella

Alesio e ’u Luongo ammazzano int’a prora

quant’acqua sghizza tutt’attuorno a loro

nu juorno c’ è vuluto a purta’ ’mpuorto

chesta piscata sempe m’arricordo

.

Trenta quintale avimmo nuie pesato

e tanta pisce a funno so’ restate

dimane quaccheduno chianu chiano

c’u lanzaturo ’i piglia a uno a uno

e tira a bbuordo, tira ’sta rezzella

mettimmola a’ ’sciuttà se no se  ’ngotta

Perciò nuje avimmo spasa a ponta u muolo

tutto è tranquillo: è l’ora d’a cuntrora

.

Parole e musica di Nino Picicco; cantata insieme a Franco De Luca

[La serata del 10 agosto. Il secondo intermezzo musicale. (13) – Continua]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.