Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-15_19-30-36 a3-23a pa-01 lamonica-05 ss08 sl372206

Schizzi di salsedine da Ponza. Scirocco (27)

Condividi questo articolo

di Franco De Luca

Lo scirocco appiccicoso ancora oggi ci castiga. L’isola trascorre il cammino del sole nel cielo con affanno.

All’alba, quando di rosa pallido s’accende la lastra del mare, Ponza appare adagiata su un divano di seta: nessuna onda increspa, e le sagome delle barche nelle cale appaiono puntini sospesi, quasi appoggiati.

Beato chi si rinfresca, or ache il mare è come il vento vuole: senza nessuna onda. C’è qualcuno che nuota sereno verso quella “chiana” che appare come uno smeraldo opaco: il mare la ricopre appena.

Lontano, verso le Formiche, una barchetta è ferma e c’è da scommettere che si pesca a “perchie”, nell’ora più favorevole.

L’orizzonte è offuscato da una coltre bianchiccia: è l’evaporazione che inizia e che tra poco avvolgerà l’isola, facendoci sudare solo che si scendano quei quattro gradini per la Piazza.

Le camicie già mostrano i segni della sudorazione e la fronte gocciola, ma i turisti non se ne curano e sciamano dagli aliscafi con i trolley cigolanti sul selciato.

Provvidenziale questo scirocco che allontana dalle città i vacanzieri e li fa venire qui, dove un fresco scirocco appiccicoso li attende. E anche i Ponzesi.

Francesco  De Luca

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.