Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0026-026 0044-044 k1-17a 111 48 la-chiesa-di-san-silverio

Calendario Storico di Agosto

Condividi questo articolo

a cura di Silverio Lamonica

 

 

 212 d.C. 14 – Alle ore 6,12 o 6,13 del mattino un’eclissi totale di sole interessa anche Ponza, la cui congiunzione astrale viene immortalata sul soffitto del Mitreo

                  (Roger Beck: Interpreting the Ponza Zodiac in Journal of Mithraic Studies – II Ed. L. Gordon, East Anglia University – London 1976  (pagine conclusive) (Ripreso da S. Lamonica – Il Culto di Mitra a Ponza – Ed. Caramanica, Minturno 2012)

 

1484, 3 – Il Duca di Ariano, Alberico Carafa, resta unico affidatario, in enfiteusi, delle Isole Ponziane, che allora appartenevano allo Stato della Chiesa.

                 (G. Tricoli – Monografia per le Isole del Gruppo Ponziano – Napoli, Vico S. Marcellino 1855, pag. 238)

 

1718, 20  Elisabetta Farnese, Regina di Spagna, nel trattato con le altre potenze europee (quadruplice alleanza) previde che mancando la linea mascolina Farnese, la successione si apriva a Carlo di Borbone, in perpetuo di primogenitura mascolina e in discendenza di legittimo matrimonio. Quindi, anche le Isole Ponziane, a lei appartenute, passarono ai Borbone.

                (G. Tricoli, Op. citata, pag. 257)

Elisabetta Farnese (1692 – 1766) – in spagnolo Isabel de Farnesio. Retrato oficial de la reina Isabel de Farnesio (1692-1766), hija de Eduardo II, duque de Parma, y segunda esposa de Felipe V (1683-1746), con quien contrajo matrimonio en 1714

 

1823, 5   –  Re Ferdinando I tornando dal Convegno di Verona, visita Ponza.

                  (G. Vitiello – Op. citata, pag. 182)

Re Ferdinando I di Napoli (1751-1825) anche noto come Re Ferdinando IV di Napoli 

 

1951, 5-6  – Si svolge nelle acque di Ponza il campionato italiano di pesca subacquea. Vi prendono parte: il campione Raimondo Bucher, Ennio Falco, il ponzese Silverio Zecca e altri.

 

1435, 7 – Battaglia navale tra Genovesi e Aragonesi. Alfonso V d’Aragona si arrende a Jacopo Giustiniani, nobiluomo al seguito del comandante Biagio Assereto.

 (G. Vitiello “Ponza, brevis insula, brevis historia” Ed. Fossataro – Ca; 1974 pagg. 116 – 117)

Ritratto di Alfonso I di Napoli – o Alfonso V d’Aragona, soprannominato ‘il magnanimo’  (1394 – 1458), attribuito a Mino da Fiesole; Louvre 

 

1943, 7 – Benito Mussolini lascia l’isola sotto scorta, alle prime ore del mattino, per recarsi a La Maddalena in Sardegna.

               (D. L. M. Dies – Ponza, perla di Roma- Roma, Atena 1950, pag. 74)

 

1795, 14 – Il paranzello di Francesco Coppa viene depredato dai turchi presso la Botte, il marinaio Andrea Conte, tuffatosi tempestivamente, si salva raggiungendo Ponza a nuoto in dieci ore, percorrendo circa 9 miglia.

                 (G. Tricoli, Monografia per le Isole del Gruppo Ponziano – Napoli, Vico S. Marcellino 1855, pag. 296)

 

1781, 14 – Inizia la tradizione del pellegrinaggio – via mare – dei ponzesi a Le Forna: Don Innocenzo Bianchi, nominato Regio Parroco di detta chiesa il precedente 27 luglio, ricevette il Santissimo recato in pompa magna, via mare, accompagnato da barche e bastimenti pavesati a festa, mentre i cannoni delle fortificazioni: Batteria Leopoldo (attuale cimitero), Rotonda del Molo, Frontone e Forte Papa sparavano a salve.

               (G. Tricoli, Op. citata, pag. 290)

 

1222, 17 – Papa Onorio III (1216- 1226) delega l’Abate di Fossanova a far le sue veci nelle visite  Pastorali ai monaci delle isole.

               (G. Tricoli, Op. citata – riporta erroneamente la data: 1822)

Particolare di dipinto “Papa Onorio III approva l’Ordine di San Domenico di Guzman”

 

1772, 25 – Il Vescovo di Gaeta, Mons. Carlo Pergamo, si reca il visita pastorale a Ponza per la prima volta.

 (S. Corvisieri – All’Isola di Ponza – Il Mare 1985)

 

1793, 5 – Per Reale Disposizione, i ponzesi sono autorizzati a raccogliere il fasciame morto del bosco di Zannone e la pietra calcarea da cui si ricavava la calce in un forno presso la spiaggia di Giancos. Il materiale era trasportato dal paranzello di Michele Romano.

               (G. Tricoli, Op. citata, 289)

 

1829, 31 – Con “Rescritto” Regio, “partecipato” il 16 settembre successivo dal Ministero di Polizia, si accordava ai ponzesi, gratuitamente, il permesso d’armi e licenza da caccia (anche i ragazzi erano espertissimi nel maneggio del fucile!)

 (G. Tricoli, Op. citata, pag. 369)

A cura di Silverio Lamonica

[Calendario Storico di Agosto – Continua]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.