Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0034-034 g-03 v3-11a 250px-burkina_faso_orthographic_projection-svg_ Idraulica antica: galleria drenante Un rimorchiatore rimesso a nuovo

Chi non ha mai sognato..?

Condividi questo articolo

di Biagio Vitiello

 

Chi non ha mai sognato di rifugiarsi in un’isola lontana?

Andare a vivere, per un po’, magari, in quella splendida casa del faro della Guardia che sovrasta quel promontorio che è la parte più a sud dell’isola di Ponza.

Da lassù si può osservare da una parte il sorgere del sole con i suoi colori rosati mentre dalla parte opposta restare abbagliati da tramonti infuocati.

Credo che stare lassù sia affascinante anche con il mare in tempesta, con il vento che ulula da tutte le parti, avendo per compagnia, di notte, la luce intermittente del faro.

Poi svegliarsi al mattino con i versi dei gabbiani e passare ore ad osservarli volteggiare nell’aria, padroni del cielo, liberi tra il vento.

Un posto straordinario!

Arrivarci certo è un po’ faticoso ma il percorso è molto interessante perché bisogna salire fin sugli Scotti per poi ridiscendere su una piccola stradina che porta fino al faro.

Comunque è raggiungibile anche via mare, con una barchetta, perché sotto il promontorio c’è un punto di approdo.

Da lassù il panorama è stupendo e sotto c’è un mare che è di un blu intenso perché molto profondo.

Tanto tempo fa ci vivevano i fanalisti, con le loro famiglie, che erano addetti al funzionamento e alla manutenzione del faro, chissà quante storie potrebbero raccontare…

Ora che  è tutto automatico lì non ci abita più nessuno e non si può nemmeno visitare, ci si ferma al cancello sotto al promontorio.

Veramente un peccato!

 

Biagio Vitiello

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.