Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0022-022 u-01 u-32 v4-6a m2-21 viso-ponzese

Un faro serve per vedere

Condividi questo articolo

di Simone Perotti

Un faro serve per vedere. E per essere visti. La sua luce rincuora i naviganti, che capiscono di essere sulla giusta rotta. Il suo fascio luminoso fa esistere gli isolani, o gli abitanti della costa, sempre incerti tra essere e non essere, i dubbi che genera il mare. Un faro ha una voce, un tono, la sua fase e il suo periodo, immutabili, sempre identici, perché nessuno, magari su un’antica carta nautica, li possa equivocare. Dunque, un faro, è un essere, una cosa viva. Non ha solo pareti, le onde non battono contro qualcosa di inerte durante la burrasca. Lui è lì per restare, per resistere, perché nessuno sia cieco nella notte. Non ha molta importanza che oggi ci siano strumenti satellitari molto precisi che impediscono l’errore. Chi va per mare lo sa: quando guardi nel nero notturno e vedi il faro, ti senti meglio. Senti la mèta, sai che la via è buona.

Per queste e molte altre ragioni il Faro della Guardia (già annoverato sul bellissimo libro “Fari” della Lilla Mariotti insieme ai più belli del nostro Paese) non va salvato come oggetto murario, la sua anima non è immobiliare o di servizio. Il Faro della Guardia è vivo, come ogni buon faro. Va salvato come si salva un essere vivente. Con pietà, misericordia, compassione e rispetto.

Simone Perotti

 

Nota di Redazione

Simone Perotti (Frascati 1965), scrittore e velista ha scritto tra l’altro: Adesso Basta – Lasciare il lavoro e cambiare vita (Chiarelettere, 2009); Uomini senza vento (Garzanti Libri, 2010): per la recensione sul n/s sito: leggi qui.

Il suo libro più recente è L’Equilibrio della farfalla (Garzanti Libri, 2012).

Il sito ha anche ospitato la sua postfazione ad “Adespota”, di Antonio De Luca (leggi qui)

Condividi questo articolo

2 commenti per Un faro serve per vedere

  • francesca iacono

    Hai perfettamente ragione… il Faro è vivo più che mai…
    Ognuno di noi deve dare un piccolo contributo per salvarlo… Non possiamo perdere questa occasione che ci offre il FAI con i luoghi del cuore…
    VOTATE!

  • Carmela Argiero

    Cari amici, sono perfettamente d’accordo, “un faro serve per vedere” e svolgere le sue funzioni, perciò diamoci da fare per la sua salvezza! Io da parte mia sto coinvolgendo tanti tanti amici di Monza e Brianza, bisogna farcela assolutamente… Con affetto Carmela Argiero

Devi essere collegato per poter inserire un commento.