Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0041-041 ep-03 i-04 v6-2 49 corrida11

I proverbi di Ponza (15)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

“A Pànje”

 

I ZUÒPPE S’AVVIASSERE
(gli zoppi si avviino)
Chi non si trova nelle condizioni ideali inizi per tempo quello che de­ve fare

L’ABBETE NUN FA U MÒNECHE É A CHIÉRECHE NU FA U PRÈUTE
(l’abito non fa il monaco e la chierica non fa il prete)
Non sono le apparenze a determinare le qualità di una persona

L’ABBATIÉLLE È PECCERILLE MA È CHINE I DEVUZIÒNE
(il simulacro è piccolo ma è pieno di devozione)
L’espressione viene usata permettere in risalto doti e qualità impreviste

L’ACQUA AMMÒSCE u VIÉNTE
(l’acqua fa calare il vento)
Espressione usata dai marinai quando imperversa la bufera. La piog­gia, specialmente se fitta, fa diminuire l’intensità del vento e nello stesso bonaccia il mare

L’ACQUA APPANTANATE FÈTE
(l’acqua stagnante puzza)
Si usa per definire il carattere delle persone taciturne e introverse dal­le quali bisogna stare sempre attenti perché, inaspettatamente, ti com­binano qualcosa di grave

L’ACQUA NFRACETE I BASTIMIÉNTE A MARE
(l’acqua marcisce i bastimenti a mare)
Modo di dire molto caro ai bevitori accaniti i quali lo dicono per giu­stificare il loro amore per il vino

L’ACQUA SCÒRRE ADDÒ STA A PENNÈNZE
(l’acqua scorre dove c’è pendenza)
Espressione per dire che il danaro corre verso chi ne ha già tanto

L’AGGE CRESCIUTE CU I MULLECHÈLLE
(l’ho cresciuto con le briciole)
Per allevarlo ho fatto tanti sacrifici ed ora vengo ricambiata in modo indegno

L’APPETITE VÈNE MAGNANNE
(l’appetito viene mangiando)
Lo si dice per incoraggiare qualcuno in una nuova attività o per met­tere in risalto l’accanimento e la passione di una persona ad accumu­lare danaro impegnandosi in varie attività

L’ARBERE È DRITTE È A VIGNE È STORTE, CHI DICE MALE D’A VIGNE À BISÒGNE D’A MÒRTE
(l’albero è dritto e la vita è storta, chi dice male della vita ha bisogno della morte)
Lo dicevano i contadini perché il vino rappresentava la loro unica ri­sorsa economica ma lo dicevano soprattutto i beoni per i quali il vino era l’elemento indispensabile della loro vita quotidiana

L’ARBERE SE RADDRIZZE A PECCERILLE
(l’albero si raddrizza da piccolo)
E’ inutile tntare di piegare una persona grande, è troppo assuefatta ai suoi usi e abusi, bisognava farlo da piccolo per abituarla a vivere in un determinato modo

L’ARTE D’U PATRE È MÈZE MPARATE
(l’arte del padre è per metà imparata)
Il mestiere paterno è facile ad apprendersi perché lo si è visto sempre e se n’è sentito parlare spesso

LASSE A ZAPPE É PIGLE U ZAPPÒNE
(lascia la zappa e prende lo zappone)
Lascia un lavoro gravoso per prendere un altro improbo

LASSE FA A DDJE
(lascia fare Iddio)
Esclamazione di ringraziamento per quanto avvenuto

LASSA STA U MUNNE CÒMME SE TRÒVE
(lascia stare il inondo come si trova)
Non intervenire in questa faccenda

L’ASTECHE CHIÒVE É A CASE SCORRE
(il tetto piove e la casa scorre)
E’ una espressione che si rivolge a chi accampa futili motivi

L’AUCLÉLLE S’ACCÒCCHJENE NCLELE É i FETIÉNTE NTÈRRE
(gli uccelli si uniscono in cielo e i fetenti a terra)
Lo si dice in tono scherzoso e simpatico quando si incontrano gli amici ma è di biasimo per i disonesti che non operano mai da soli

L’AUCIÉLLE VO U PARAGGE
(l’uccello cerca il suo simile)
Ogni persona cerca il suo simile per età, per educazione, per cultura

L’AVARE NU MAGNE PE NU CACA
(l’avaro non mangia per non cacare)
E’ l’espressione che si rivolge all’egoista, all’ingordo, all’avido

L’È GHIUTE U GRASSE U CÒRE
(gli è andato il grasso al cuore)
E’ un modo di dire a chi non si accontenta della sua ottima posizione che, volendo arrivare ancora più in alto, cade precipitosamente in basso

L’È GHIUTE U SANGUE ALL’UÒCCHJE
(gli è andato il sangue negli occhi)
Si è lasciato prendere dall’ira e dallo sdegno

LE FÈTE ANCÒRE A VÒCCHE I LATTE
(gli puzza ancora la bocca di latte)
Espressione usata per il giovane che si atteggia e persoNa adulta

LE MANCHE SEMPE DICIANNÒVE SÒRI)E PER N’A LIRE
(gli mancano diciannove soldi per una lira)
Non hai mai niente. E’ sempre scontento e incontentabile

LEVA CÒPPELE A ZELLUSE
(togliere il berretto ai cisposi)
Offendere, danneggiare, nuocere a qualcuno che ha bisogno

LE VANNE I SCARPE ASTRÉTTE
(gli vanno le scarpe strette)
E’ stato sistemato in modo tale che non può fare più il suo comodo

LÈVE U PIZZE, LÈVE A VÒZZELE É NUN CE RIMANE NHNTE
(togli il becco, togli il gozzo e non ci rimane niente)
Lo si dice quando il proprio guadagno viene speso per una miriadi di cose

LIÉTTE STRITTE CÒCCHETE MMIÉZE
(letto stretto coricati nel mezzo)
Sistemati nel migliore dei modi

LIÉVEME U DÒN É AUMENTEME A PAVE
(levame il don e aumentami la paga)
Non voglio onori ed encomi ma una paga migliore. Non fiori ma opere di bene

LL’ÈRVE BBÒNE STA NFACCE A MUNTAGNE
(l’erba buona sta attaccata alla montagna)
La roba migliore sta in posti difficili per cui il meglio costa sempre sacrifici maggiori

LL’ÈRVE CRESCÈTTE É U PIÉCURE MURÈTTE
(l’erba crebbe e il montone morì)
Lo diceva lo sventurato a chi gli faceva presente che il domani poteva essere roseo

LLÈVE LÒVE A CULE A GALLINE
(toglie le uova dal culo della gallina)
E’ talmente pronto, scaltro, furbo da essere sempre il migliore

LL’UÒCCHJE D’U PATR’ONE NGRASSE U CAVALLE
(l’occhio del padrone ingrassa il cavallo)
Non bisogna lasciare gestire ad altri le proprie cose. La presenza del padrone è necessaria perché il lavoro vada avanti nel migliore dei modi

LL’UÒCCHJE VÒNNE A PARTE LLÒRE
(gli occhi vogliono la loro parte)
L’esteriorità e la facciata sono necessari e importanti in determinate circostanze

LL’UÒVE U CHIAMME CACÒCCHE
(l’uovo lo chiama cocco)
Per coloro che fanno i Finti tonti

L’ÒMME C’A PAROLE É U VÒJE CU I CÒRNE
(l’uomo con la parola e il toro con le corna)
L’orgoglio dell’uomo è la parola, per coerenza e rettitudine; quello del toro sono le corna. Senza possederle non si è né uomo né toro

L’ÒSPETE E CÒMM’U PÉSCE: DÒPPE TRÉ ÒRE FÈTE
(l’ospite è come il pesce: dopo tre ore puzza)
Mon bisogna approfittare dell’ospitalità. Dopo un certo tempo si da fastidio

LUNE ALLÉRTE MARENARE CUCCATE; LUNE CUCCATE MARENARE ALLÉRTE
(luna dritta marinaio disteso; Luna distesa marinaio dritto)
Il proverbio è frutto dela esperienza marinaresca. Se la luna, sia in fase crescente che calante, si mostra in posizione verticale si ha tempo buono e il marinaio può tranquillamente riposare. Se, invece, la luna si mostra in posizione orizzontale è indice di tempo perturbato e il marinaio è costretto a stare di guardia

LUNE MBARCHÈTTE MARENARE NCUCCÈTTE
(luna in barchetta marinaio in cuccetta)
Lo stesso concetto del proverbio precedente espresso in termini diversi

LUVARSE A PRÈTE D’A SCARPE
(togliersi la pietra dalla scarpa)
Vendicarsi

MA CHE VAJE TRUVANNE: PIÉTTENE I TRIDECE
(ma cosa vai cercando: pettini con tredici denti)
Lo si dice a chi va cercando cose impossibili

MADONNA MJE DA FORZE A TUTTE QUANTE MA NUN TE SCURDÀ I NUJE
(Madonna mia dai forza a tutti ma non dimenticarti di noi)
Espressione di chi tenta di nascondere il proprio egoismo invocando protezione per gli altri ma con un ricordo particolare per lui

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.