Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

sn u-36 e-12 t5-21 109 12

20 Giugno: la Festa

Condividi questo articolo

di Lino Catello Pagano

 .

È l’alba nel porto di Ponza, calma e pace,

che forse son solo apparenza.

Il sole sale piano dal mare, lontano e vicino…

Nella risacca del primo mattino

l’onda s’infrange,

le barche nel porto dondolano lievi, una paranza

quasi evoca una figura di danza;

qualche passo dal selciato rimbomba sulle facciate delle case,

tutte colorate.

.

La quiete è rotta da un botto

sembra una tempesta

…e per strada inizia la festa.

Gente risvegliata all’improvviso

si affaccia senza capire questi strani usi,

con gli occhi ancora socchiusi

inciampa e si rialza nel buio della stanza,

va fuori sul muretto

guarda giù e dirimpetto,

altra gente in mutande, fuori dalle verande…

.

La Diana. Questo inizio di giornata

avviene una volta nell’annata,

musiche, mortaretti, rintocchi di campane a festa,

e gente per la via, chi va e chi resta.

Si va in Chiesa a pregare San Silverio,

con il cuore commosso e il volto serio.

.

Si parla di Ponza, dove c’è gente in vacanza,

tra il moderno e l’antico, io lo so e ve lo dico,

gente vestita a festa si saluta da lontano

un augurio veloce e una stretta di mano,

il cuore batte forte, gente tornata da grande distanza

per un buon motivo, mossa dalla speranza

in ogni casa, in ogni luogo

a San Silverio si è fatto voto.

È ripagata la fatica

di chi qui vive la vita…

.

Ecco che ci siamo, al suon delle campane

il tiro del fuoco risponde a richiamo

Il sole incalza, il Santo è invocato…

Ecco che appare sul sagrato

San Silverio con il volto illuminato,

nella sua barca la cara effigie ritorna

di rossi garofani adorna…

La folla si muove adagio

intonando un canto al passaggio;

gente che marcia piano, in una lunga scia,

dal Porto a Giancos, e indietro, per la stessa via.

.

Sul mare mille barche si muovono impazzite,

il corteo va per le banchine gremite

Passa il Santo a benedire i pescatori,

da sempre suoi adoratori,

anche quest’anno han per Lui preparato

la barca più bella sul mare argentato.

La gente ora rallenta, e con più stanco andare,

si avvia in fondo al porto, per la benedizione del mare.

.

Sotto il sole che picchia più forte

va per mare il Santo, con tutta la sua corte

…sirene che suonano fiere e sventolio di bandiere,

segue l’usato percorso,

dalla Madonna allo Scoglio Rosso

e il ritorno, per sotto la Ravia, sembra un miraggio,

visto dalla spiaggia.

Botti, sirene, suoni di campane

i canti della gente come echi di voci lontane

Rientra dal suo giro e riprende la via

per la sua casa accogliente,

ormai piena di gente.

La processione affronta la salita,

gira nella curva a fatica.

I fedeli, mai così tanti, son sul sagrato

e intonano canti

si stringono intorno al Santo e attendono il lancio

di quei fiori profumati,

a Lui consacrati.

.

Il canto si fa più forte, mentre piange qualcuno

Vicini e lontani ci si sente tutt’uno

La commozione prende tutti,

“delle Tue pene, godere i dolci frutti…

di quei tesori immensi provvedi la nostra vita,

e la virtù smarrita in noi s’avviva…

viva Silverio, viva!

il nome tuo sacrato,

ottenga ai nostri prieghi il fin bramato”

Lentamente tutti rientrano in Chiesa, al rinnovato incanto

e insieme intonano il canto…

.

Gran Santo protettore

Silverio venerato

il popolo adunato

a te s’inchina.

.

Lino Catello Pagano

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.