Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0004-004 0051-051 2009-08-13_07-48-27 s0-30 vb-24a foto-antiche-1-1

Le strade di Ponza: cerchiamo nuovi nomi

Condividi questo articolo

Proposta di Lina Raso

Gianni Silvestri

(nato a Ponza e morto a Latina il 16 luglio 2009)

 

Ha  firmato come scenografo o arredatore capolavori come “Novecento”, “La Luna”, “L’ultimo imperatore”, “Pasolini – Un delitto italiano”, “Il tè nel deserto”, “Io ballo da sola”, “L’assedio”, “Melissa P.”, “Il dolce rumore della vita” e “Italian  Dream”. Ha lavorato con i più grandi artisti  del cinema mondiale: da Depardieu a Dominique Sanda, da De Niro a Burt Lancaster, da Laura Betti e Donald Sutherland, da Francesco Storaro a Peter O’ Toole.
Gianni aveva lavorato anche per il teatro mettendo in scena nel febbraio del 2005 al  Téatre de Galliffet di Parigi “Aldo Moro, una tragedia italiana” di Corrado Augias e Vladimiro Polchi per la regia di Giorgio Ferrara. Nella recensione che ne fece “Repubblica” si legge: “La contrapposizione tra l’isolamento di Moro, interpretato da Paul Barge, e l’acceso dibattito che si svolge nella società è sottolineata anche dal dispositivo scenico ideato da Gianni Silvestri grazie ad un’essenziale struttura metallica che evoca la minuscola prigione entro cui è rinchiuso quasi immobile il prigioniero”.
L’opera è stata poi portata all’Eliseo di Roma e in molti altri teatri italiani. Nel 2010 il Festival dei due mondi di Spoleto gli ha conferito il premio SIAE alla memoria

[Biografia a cura di Gino Usai]

Condividi questo articolo