Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0033-033 q-17 g-01 102 104 hp0057

I proverbi di Ponza (13)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

“A Pànje”

 

FATTE SANTE É SCASSE CHIESE
(fatti santo e rapina le chiese)
E’ necessario farsi una buona reputazione, dopo si può fare ciò che si vuole. Nessuno avrà sospetti su di te

FA U FÉSSE PE NU GGHI A UÉRRE
(fa il fesso per non andare in guerra)
E’ per colui che, non avendo la volontà di fare una determinata cosa, fa lo gnorri

FA VEDÉ A LUNE INT’U PUZZE
(far vedere la luna nel pozzo)
Far credere le cose impossibili. Illudere qualcuno

FA VEDÉ I SURECE RUSSE
(far vedere i sorci rossi)

Viene usata per minacciare

FA VÒLLERE É MALE CÒCERE
(far bollire e cuocere male)
Anche questa espressione viene usata come minaccia. Mettere in una pentola a bollire senza farlo cuocere

FÉMMENE CIUCCE É CRAPE TUTTE A STÉSSE CAPE
(donna, asino e capra tutte la stessa testa)

Modo di dire per mettere in risalto che il cervello della donna non va oltre certi limiti

FENNÉSCE TUTTE A TARALLUCCE É VINE
(finisce tutto a tarallucci e vino)
Lo si dice quando un ostacolo o un diverbio trovano un esito acco­madante

FESTE É MALETIÉMPE É FURASTIÉRE A CASE
(festa, cattivo tempo e forestiero in casa)

Sono le condizioni ideali dello sfaticato per gozzovigliare

FIGLE I JATTE ACCHIAPPE SURECE
(figlio di gatta acchiappa sorci)

Il mestiere dei genitori è quasi sempre imparato

FIGLE I NTRÒCCHJE
(figlio di persona furba)
Per indicare una persona svelta, intelligente, furba e umana

FIGLE PE VUTE, FIGLE PERDUTE
(figli per voto, figli perduti
Il tanto desiderio di averlo non è stato ricompensato. Il suo compor­tamento è una profonda delusione

FIGLE PITTE UAJE PITTE, FIGLI RUÒSSE UAJE RUOSSE
(figli piccoli guai piccoli, figli grandi guai grandi)

Le preoccupazioni e le apprensioni per i figli aumentano in ragione della loro età

FREVARE: JUÒRNE É NOTTE PARE
(febbraio. giorno e notte pari)

Tante ore di luce, tante ore di buio

FREVARE PATELLARE
(febbraio patellaro)
Febbraio è il mese delle basse maree per cui è facile raccogliere le pa­telle dagli scogli

FREVARE PISCE A PANARE
(febbraio pesci a cesti)
I pescatori, dopo la sosta invernale, riprendono la loro attività a feb­braio per cui trovano il mare più ricco a causa del periodo di riposo e maggiori sono le loro possibilità di abbondanti pescate

FRISCHE A LL’ANEME D’U PRIATÒRJE
(rinfresca le anime del purgatorio)

Siano benedette le anime del purgatorio

FUJE CÒMM’U VIÉNTE
(fugge come il vento)
Lo si dice per persone che operano speditamente e senza esitare

FUJE QUANNE VVUÒ CHE CA T’ASPÈTTE
(fuggi quanto vuoi, qui ti aspetto)
E’ un avvertimento. Scappa per quanto e per dove vuoi, io sono al varco ad attendere il tuo passaggio per darti la giusta punizione

GÈNTE A VVINE, GÈNTE A CARRINE
(gente e vino, gente a carlino)

La persona solita a ubriacarsi vale un niente

GÈNTE NÒVE A CASE VÉCCHJE
(gente nuova a casa vecchia)
E’ una espressione di meraviglia. Si usa dirla quando, per la prima volta, una persona viene a farti visita in casa

GESÙ CRISTE MANNE U PPANE A CHI NU TÈNE I DIÉNTE
(Gesù manda il pane a chi non ha denti)

Molto spesso nella vita si vedono individui in situazioni favorevoli sen­za che abbiano le capacità di sfruttarle. Una bella donna nelle mani un mammalucco

GIÒVEDÌ MURZILLE, CHI NU TENE NIÉNTE S’IMPÉGNE PURE I CAZZILLE
(giovedì grasso, chi non ha niente s’impegni pure il cazzo)
Pur di fare un succulento pasto il giovedì di carnevale bisogna impe­gnarsi qualsiasi cosa

GIRE, GIRE PALUMMÈLLE: PURE INT’U LUMME VAJE A FENNÌ
(gira, gira farfalla pure nel lume vai a finire)
Lo si può usare in tante circostanze. Per un uomo che gironzola, sen­za serie intenzioni, attorno a una donna; per una persona che ne com­bina di tutti i colori rasentando il codice; per uno che vuol fare il sa­puto in qualche attività

JAMME ANNANZE A SISCHE É PERNACCHJE
(andiamo avanti a fischi e a pernacchie)
Quando si tira la carretta della vita con stenti e sacrifici oppure quan­do le condizioni fisiche sono molto malandate

JASTÉMME CÒMM’A NU TURCHE
(bestemmia come un turco)
Il turco era ritenuto un grosso bestemmiatore e lo si usava come ter­mine di paragone per chi faceva uso con facilità della bestemmia. In genere l’espressione veniva usata per quei bambini dediti alle volgarità

JATE CHÉLLA CASE ADDÒ NCE TRASE A CHIÉRECHE
(beata quella casa dove entra la chierica)

Avere un figlio sacerdone era ritenuto un privilegio morale e materiale

JATE FACÈNNE I CIÉNTE CHIÉSE
(andate visitando le cento chiese)
Si usava dirlo per chi andava girando di casa in casa senza pensare di rientrare nella propria dove c’erano dei doveri da compiere

I BOTTE NCÒPPE A UNE CULE FANNE MALE
(le percosse sopra un solo culo fanno male)
Lo dice chi solo deve sopportare il peso del lavoro e l’onere di una famiglia

I CAMPANE: UNE SÒNE É LL’ATE NTÉNNE
(le campane: una suona e l’altra rintocca)
Lo si dice per due persone che di una medesima cosa l’una parla in un modo e l’altra completamente diverso

I CHIACCHJERE D’A VÒCCHE U FURNE SO A RUVINE D’U PANE CUOTTE
(le chiacchiere fatte davanti al forno sono la rovina del pane cotto)
Quando si è impegnati in un lavoro bisogna stare sempre attenti evi­tando distrazioni che potrebbero causare danni impensati

I CHIACCHJERE NU GHIÉNGHENE PANZE
(le chiacchiere non riempiono la pancia)

Ci vuole ben altro per soddisfare la reale situazione

I CHIACCHJERE S’E PIGLE U VIÉNTE, I MACCARUNE JÉN­GHENE A PANZE
(le chiacchiere se le porta il vento, i maccheroni riempiono la pancia)
1 fatti contano, le parole volano con il vento

I CIUCCE S’ACCPICCECHENE É I VARRÉLE SE SCASSENE
(gli asini litigano e i barili si rompono)

Si dice quando da un litigio fra due persone scaturiscono conseguen­ze negative per altri

I CRAPE NCÒPPE U CIGLE: ZÒMPE A MAMME, ZÒMPE A FI­GLE
(le capre sul ciglio: salta la mamma, salta la figlia)
Ciò che fa la mamma fa la figlia. I figli ereditano le caratteristiche, positive o negative, dei genitori

I DDÉTE D’A MANE NU SÒ TUTTE EGUALE
(le dita della mano non sono uguali)
Le persone, anche se appartenenti alla stessa famiglia, differiscono e si comportano sempre in modo diverso

I DENARE FANNE VENÌ A VISTE I CECATE
(i denari fanno venire la vista ai ciechi)
La corruzione è questione di cifre. Ognuno ha un suo prezzo

I DRITTI MORENE MMANE I FÉSSE
(i diritti muoiono nelle mani dei fessi)

E ciò perché li sottovalutano

JE A MUGLIÉRE M’A SCARZÉJE INT’U LIÉTTE É I TURCHE S’A FOTTENE INT’U VÒSCHE
(io, la moglie, la risparmio a letto e i turchi se la fanno nel bosco)
Espressione usata da chi è dedito all’economia vedendo gli altri che dissipano i suoi risparmi

JE DICHE NGRAZJE A DDJE É CHILLE S’ARRÒGNE
(io ringrazio Iddio e quello si accorcia)

E’ il colmo della sventura. Faccio di tutto, anche l’impossibile, per migliorare una certa situazione ma i risultati sono sempre negativi

JE FACCE CIATILLE-CIATILLE É CHILLE FA UNE CIATÒNE
(io faccioa un pò alla volta e quello tutto d’un colpo)

Ho accumulato un pò alla volta e con tanti sacrifici una piccola for­tuna e un imprevisto me l’ha distrutta in una sola volta

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.