Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0030-030 k1-16a v-10 matrimonio-straullu ss16 22

Schizzi di salsedine da Ponza (22)

Condividi questo articolo

di Franco De Luca

 

Coniugare il presente senza tenere il passato come perduto. È impresa difficile affrontarla oggi a Ponza. Perché i piani dimensionali sono diversi.

Il presente parla soltanto la lingua dell’economia e non si cura di altro. Spinge e chiede risposte che diano proventi finanziari, che assicuri gli operatori turistici che l’economia dell’isola gode di un interesse primario. Così che si aspettano dalla nuova Amministrazione segnali in quel senso, e si impreca contro questo meteo che non permette agli apparati economici di mettersi in azione.

Il passato invece si dispiega coi riti delle donne adunate intorno ad una cappella sulla Dragonara o nel largo della Punta Bianca. Invocano con il Rosario dalla Madonna grazie per le nostre esistenze dilaniate dalla precarietà, dalla voracità del tempo.

Come preservare il segmento di pietà cristiana e insieme affrontare il tornado di una crisi che non è più soltanto economica?

Non esistono giaculatorie nè formule matematiche. L’isola vive questa frattura.

A noi è dato di osservare questi fenomeni, non esacerbarne né gli effetti né le cause; vivere la “ponzesità” con vigile attenzione, un po’ sollecitando chi ha il timone amministrativo a bene operare, un po’ assaporando il gusto delle vecchie pratiche. Con vigile autenticità.

 

Francesco De Luca

[Schizzi di salsedine da Ponza (22) – Continua]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.