Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-54-42 banchina-nuova-2 f-b si ss04 47

Ponza, uno stato d’animo lungo sessantatré anni

Condividi questo articolo

di Antonino Di Stefano

 

Sono nato a Bari, unico barese tra un fratello Peppe (Pinuccio! – NdR) ed una sorella Franca entrambi ponzesi. Mio padre Teodoro faceva la guardia ai confinati, prima a Ventotene e poi a Ponza. Conobbe mia madre Nannina, ponzese di  “mare ’e coppa” e la sposò.

Persona per bene mio padre, fascista fino alla morte, ma onesto e rispettato, per cui non dovette scappare dall’isola alla caduta del fascismo. Poi trovò lavoro a Bari e la famiglia si trasferì.

Tutte le estati, quando finivano le scuole, da solo o in compagnia di mia madre, si avverava il sogno di trascorrere le vacanze a Ponza. A volte ci restavo fino alla riapertura delle scuole ad ottobre.

Sembrerà strano che uno nato e cresciuto a Bari dica che tutto quello che è diventato lo deve in gran parte a Ponza, eppure è così. Il primo amore giovanile, pulito, innocente, è con una ponzese (ora siamo ‘amici’ su Facebook ). La prima esperienza sessuale, molto più tardi, fu con una turista, a Ponza.

Fu sempre su questa isola che grazie ai miei zii, Gennaro “Ciaulìn” e Salvatore, divenni comunista e conobbi quella straordinaria figura di Temistocle. Ricordo discussioni politiche accesissime in cui mio padre veniva messo in minoranza; per lui così onesto era impensabile che i militi fascisti approfittassero del coprifuoco per andare a rubare nelle case dei contadini. Ricordo il dolore di zio Tonino e zio Gesidio che ebbero grandi difficoltà a poter andare in America a ricongiungersi con le loro mogli perchè risultava che avano fratelli iscritti al partito comunista.

Per mantenermi durante l’estate ho anche ‘lavoricchiato’ a Ponza. Alla Torre dei Borboni preparavo le colazioni al mattino e conobbi Lucio Dalla. La sera lo accompagnavo in un locale sul molo dove al piano suonò per la prima volta “Disperato erotico stomp” e si disse indeciso se metterlo su disco. Lo rincontrai anni dopo ad un concerto a Taranto dove dirigevo il servizio d’ordine e mi disse che “Come è profondo il mare” l’aveva scritta a Ponza. Anni dopo sentii in televisione che lo avevano ispirato le Tremiti. Ma questa è un’altra storia.

Un anno feci il tassista per Giulio con quelle sue macchine scassatissime e ricordo che una volta con turisti e bagagli su una vecchia Renault Mehari mi cedettero i freni su una discesa dalla Guardia. Riuscii a fermare la macchina contro una “parracina”.

Anche l’amore per la terra l’ho imparato a Ponza dagli zii che tenevano quelle “catene” come fossero giardini. Ora che a sessantatre anni ho mollato la città, dove per anni sono stato l’animatore delle notti baresi con la mia “Taverna del Maltese”, per la campagna, provo a coltivare il mio orticello con lo stesso amore.

Scrivo queste cose perchè, anche se manco da anni, ho scoperto grazie a Silverio Tomeo “Ponzaracconta” ed è un bel modo per esserci anche se virtualmente.

Spero per l’amore che porto nei confronti di Ponza di meritarmi il titolo di “ponzese” ad honorem.

 

Antonino De Stefano

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.