Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_19-27-26 f-ab v1-24 11 sl372216 Astroides calycularis

Le isole del Cinema. (6) – L’isola di Arturo

Condividi questo articolo

di Luigi Viggiano

Per gli articoli precedenti, digitare: “Le isole del Cinema” nel riquadro in basso a sin. del frontespizio: “CERCA NEL SITO”

 

Arturo ha quindici anni e vive sull’isola di Procida. I suoi giorni che scorrono lenti e che attraversano il passaggio adolescenziale, vivono nell’attesa vibrante del padre (Wilhelm) che ogni tanto arriva da lontano.

Il film di Damiano Damiani è del 1962, è tratto dal  romanzo  di Elsa Morante (1957) ed è sceneggiato anche da Cesare Zavattini.

La storia confonde un’isola reale e una immaginaria. Sì, perché per suo figlio, Wilhelm è un’isola sicura, l’approdo ideale, la certezza di sentirsi felici.

Le scene del film, come le pagine del libro, sono caratterizzate da questo sogno continuo che vive Arturo, che ancora non conosce le insidie del mondo e che a sua insaputa è proprio protetto da un isola lontana da tutto.

La mitizzazione del padre semina la sua giovinezza di racconti avventurosi e le continue partenze dello stesso, seppur tristi e malinconiche, creano da subito l’attesa del prossimo arrivo ed allora tutto diventa accettabile e meraviglioso.

Una delle cose più belle del film, che ha tutti i pregi e difetti delle opere nate da romanzi importanti, sono le musiche di Carlo Rustichelli che ha firmato le colonne sonore di importantissimi film del nostro cinema.

A vedere oggi “L’isola di Arturo”, o se si preferisce, a “leggere” tra le sue scene, si ritrova un mondo di pochi decenni fa, ma che sembra ormai scomparso del tutto.

Una vita semplice e allo stesso tempo intensa, emozioni innocenti e felicità continue.

La contraddittoria figura del padre, allo stesso tempo al centro di losche vicende e più crude verità, vissuta dal figlio come una leggendaria icona cui dedicarsi, imparare, avvicinarsi.

Di storie dove un figlio adora il padre ce ne sono tante. Mi piace qui ricordare quella di “Incompreso” di Comencini e “Ladri di biciclette” di De Sica, quando il piccolo Bruno, nel momento più tragico, stringe la mano al padre per fargli capire… tutto.

Padre e figlio. Isole nelle isole.

 

Per il trailer del film su YouTube, guarda qui sotto:


 Luigi Viggiano

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.