Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0010-010 bp mariano-04 v4-7a 23a Astroides calycularis

Canti Strozzati

Condividi questo articolo

di Tommaso Lamonica

 

L’uccisione dei falchi pecchiaioli per scongiurare l’infedeltà coniugale..! – leggi qui – Io ho sempre saputo che Giove si mutò in cigno per sedurre la bellissima Leda. Temevo quindi una mattanza di cigni, non di falchi… Quei cacciatori balordi… dei poveri allocchi (tanto per stare in tema), con tutto il rispetto per gli allocchi (quelli veri, s’intende).

Ma ora vorrei proporre una bellissima poesia di Tommaso sull’argomento:

Silverio Lamonica

.

Canti Strozzati

Limpido cielo sovrasta

l’isola che i gabbiani

superstiti di nidi impervi

dominano planando dall’alto.

Son verdi i pochi campi

ma erompe sui colli

il giallo di ginestre e guastaccette.

Nel trascorrere del tempo

mutano colore le pareti

che strapiombano nel mare.

Stormi di uccelli son giunti

coi venti di primavera

e però non uno canta.

Micidiali trappole sparse ovunque

strozzano la loro voce gioiosa

appena si posano stanchi.

Anche le rondini volano

senza garrire

nere

in lutto

sull’ “Isola dei morti”.

 

Tommaso Lamonica

[da “L’ Isola di palma che s’inciela” – Tipolito Epomeo – Forio 1989]

Condividi questo articolo

1 commento per Canti Strozzati

  • Antonio De Luca

    Lo scritto del grande poeta ponzese Tommaso Lamonica è una pagina di altissima letteratura; l’eco del Pascoli, del Neruda cileno tra le sue scogliere, in Eliot i giorni di aprile. Oltre la parola l’ultimo esistenzialismo borghesiano tracima l’anima di Lamonica nell’abbraccio finale.
    Quest’isola gli deve saggezza e morale, emozione nel più acuto esistenzialismo, come se Lamonica avesse frequentato Borges a Buenos Aires e l’avesse portato nella sua isola. Insieme i due cantano l’esistenza davanti all’innamorarsi del loro stesso cammino, alto sempre nella gioia come nel dolore.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.