Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-10 h-33 l-04_0 p-16 ss24 peche-1973

La posta dei Lettori

Condividi questo articolo

Disservizio

di Tonino Ambrosino

.

Cari amici di Ponzaracconta,vi voglio segnalare l’ennesimo “trattamento particolare” nei confronti dei pendolari, Ponzesi e non, che usufruiscono dei collegamenti navali tra l’isola e la terraferma.

Questa mattina 9 Aprile, mi sono recato al molo di Formia per prelevare un amico proveniente da Ponza per accompagnarlo a Terracina in quanto non essendoci il “Mezzo Veloce” aveva necessità di recuperare la propria autovettura e ritornarsene a Milano. Ebbene all’aliscafo Laziomar, proveniente da Ponza puntuale, arrivato nel porto di Formia alle 7,45, è stato impedito di attraccare poichè nel porto sostava l’altro Aliscafo (sempre Laziomar) in attesa di partire per Ventotene. Siccome l’aliscafo per Ventotene partiva alle ore 8.30 i passeggeri dell’altro proveniente da Ponza hanno dovuto attendere ben 45 minuti per riuscire a scendere. Io ero sul posto e ho visto che non solo vi era spazio per farlo attraccare ma si poteva far spostare l’altro visto che la partenza per Ventotene era alle ore 8.30. Naturalmente i disagi recati ai passeggeri non interessano ai responsabili della Laziomar – sentivo di persone che avendo perso coincidenze coi treni sarebbero arrivati tardi al lavoro e altrove… Ho chiesto alla biglietteria della Laziomar perchè l’aliscafo di Ponza sostava in rada e non lo facevano entrare in porto: la risposta è stata: – In genere arriva in ritardo e quindi il problema non si è mai posto!

Domando: ma la Capitaneria avalla tutto ciò?

Scusate per lo sfogo.

 

Tonino Ambrosino

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.