Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c2-16 l-07_0 f4-2 s2-29 v4-12a 68c

Una vacanza a Ponza

Condividi questo articolo

in concorso

 

Il professor Pinto, della scuola media Pisacane di Ponza, ha incoraggiato i propri alunni a partecipare al concorso Racconta Ponza a Ponzaracconta, sperimentando diverse modalità espressive.

Oggi pubblichiamo un  vademecum per il turista, realizzato da Martina Fiore.

Non dimenticate di commentare!

Rita Bosso

 

Una vacanza a Ponza

di Martina Fiore

 

Coloro che riversano sulla vacanza le aspettative di un anno di lavoro e che non intendono accontentarsi di una soluzione rimediata all’ultimo minuto, sanno che è ormai tempo di pensare alle vacanze estive. A maggior ragione se si pensa di trascorrere le vacanze dove l’offerta è limitata. E’ ancora possibile trovare posto in una delle due deliziose case che la stilista Anna Fendi ha trasformato in eleganti boutique hotel, oppure si può optare per il soggiorno in un meraviglioso B & B immerso nel verde, con una vista incantevole su tutto l’arcipelago.
Per chi desidera maggiore privacy e preferisce una vacanza con gli amici a base di spaghettate, senza mondanità, aperitivi o ristoranti, l’ideale è affittare una villa o un appartamento. Le numerose residenze in affitto consentono di godere i ritmi privati della vacanza e assaporare il sottile privilegio di una grigliata in terrazza, appena rientrati da una gita in barca.

Di seguito, qualche proposta:

  • Villa Il Gabbiano

Il sole che si spegne pennellandosi di rosso sull’isola di Palmarola, è un incanto riservato a chi sceglie la villa “Il gabbiano”, a 5 minuti di macchina o scooter dal porto e dal mare, con un panorama veramente unico. Ci si può svegliare con il profumo del caffè e delle brioche calde preparate da una cuoca che ci ospita lì tutte le mattine, dove i profumi si confondono con quelli delle ginestre e del rosmarino.

.

  • Villa Scalinatella

Sono i cactus della terrazza a scolpire la luce che arriva benefica sull’ umore e sulla gioia di vivere negli ampi spazi aperti de “La scalinatela” affacciati sul mare con le barche dei pescatori tirate e riva. Che dire: è una villa ospitale e ornata da piante e fiori. Per chi è un appassionato di piante e fiori consiglio di andare lì. Soprattutto, ha una splendida vista.

.

  •  Villa Laetitia

Arroccata sulla salita degli Scotti, con una vista strepitosa, ecco “Villa Laetitia”, comoda, raffinata, tradizionale e romantica, realizzata da una costruzione ponzese del 1920, interamente ristrutturata conservando le caratteristiche della casa isolana.

 ***

Consigli gastronomici

Non potete partire da Ponza senza aver gustato ‘la spigola all’acqua pazza’.

Su alcuni libri di cucina, questa ricetta viene presentata come originaria della regione Lazio, in particolare tipica dell’isola di Ponza. Come vino vi consiglio quindi un bianco fresco e leggero, ad esempio un buon Castelli Romani bianco DOC.

Preparazione:

La ricetta è semplicissima. Per prima cosa preparate le spigole. Pulitele e squamatele con cura. Sbollentate i pomodori per qualche minuto, quindi togliete la buccia e tagliate la polpa a dadini. Con cipolla, sedano, prezzemolo, carota e patata, fate un trito a pezzettini non troppo piccoli. Mettete le spigole in un tegame con le verdure spezzettate, la polpa di pomodoro, un pizzico di sale e 3 o 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva. Lavorate i pesci con le mani e farciteli con parte delle verdure. Aggiungete acqua fino quasi a coprire le spigole, mettete il coperchio e cuocete a fuoco dolce per circa 25-30 minuti. Servite  le spigole all’acqua pazza, bagnandole nel loro sugo di cottura e con gli stessi pezzettini di verdure cotte. Per finire aggiungete un filo d’olio d’oliva crudo e una foglia di basilico fresco.

 

Martina Fiore

Prima media scuola Pisacane – Ponza

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.