Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0005-005 e-01 h-11 l-08 scansione0002 sl372230

Il piccolo ricettario (5)

Condividi questo articolo

in concorso

 

Nell’ampia sezione del Piccolo Ricettario dedicata ai dolci, non poteva non esserci il Casatiello, dolce pasquale per eccellenza, preparato in ogni casa e in quantità industriali, per regalarlo.

Robert Ispas ne dà la ricetta e conclude con l’ovvio – per lui che fa la seconda elementare – “infornare a 180° per 40/50 minuti”; la frase suscita un’ondata di ricordi in chi ha qualche anno più di lui.

Quelli di Annalisa Curcio, ad esempio, sono legati al forno di suo padre Temistocle, in via Corridoio: – Di casatielli se ne facevano tanti, si cominciava a impastare tra mercoledì e giovedì santo e, una volta che erano ben cresciuti, li portavano da mio padre, al forno, per cuocerli. Ognuno usava mettere dei segni di riconoscimento, chi foglie d’ulivo, chi stuzzicadenti o pezzettini di carta; molti al centro mettevano un uovo, soprattutto per i bambini. Negli stessi giorni si facevano pure le pastiere di grano e di pasta o riso. Per i fornai era una gran fatica continuare tutto il giorno a cuocere per i clienti senza pausa, ma per me era festa: tutte quelle persone, quelle chiacchiere e anche discussioni sulle precedenze, sulle ricette, o su quali erano riuscititi meglio!-

Assunta Scarpati, chef del ristorante ‘A Casa di Assunta’, a commento della ricetta che, qualche tempo fa, ha inviato a Ponzaracconta (leggi qui), scrive: – Mammà mi diceva che la forma tondeggiante, a ciambella, era per simboleggiare la corona di spine di Gesù… La preparazione di questo dolce richiede l’utilizzo del criscito che non è altro che una pasta acida… Il criscito nasce dal fatto che il pane non si faceva tutti i giorni, anzi… di solito era una scadenza quindicinale: alla fine della preparazione dell’impasto se ne conservava un pezzo che si faceva seccare per poi rinnovarlo, con acqua ed altra farina…-

E Pasquale Scarpati, maestro per capacità di evocare un mondo di odori e sapori scomparsi, scrive (leggi qui): – Per non parlare dei casatielli di vari tipi e varie forme. Quelli più morbidi e quelli più ammazzaruti, che ’ndozzano ’n ganne, quelli rotondi tipo panettone e quelli intrecciati; io aspetto soprattutto quello con l’uovo sodo in mezzo.

Rita Bosso 

U’ casatielle

di Robert Ispas

 

Questo è un dolce che si prepara a Pasqua.

Prima si prepara un impasto che si chiama “criscito”. In una ciotola si mettono 300 grammi di farina, 25 grammi di lievito di birra e un bicchiere di acqua tiepida. Si fa un impasto morbido e si mette a lievitare 1 chilo di farina.

Altri ingredienti

8 uova

500 grammi di zucchero

350 grammi di strutto

un bicchierino di anice

buccia grattugiata di 2 limoni

5 grammi di sale

 

Procedimento

La sera prima unite 150 grammi di “criscito”, un uovo, 2 cucchiai di zucchero  e 2 di farina.

Impastare e lasciare lievitare per tutta la notte.

La mattina ripetere l’operazione della  sera prima e far riposare l’impasto per 8 ore.

A questo impasto aggiungere il resto degli ingredienti. Lavorare a lungo finchè l’impasto risulterà  elastico e mettere in stampi unti di strutto .

Lasciate lievitare fino al raddoppio; infornate a 180 gradi per 40 /50 minuti.

 

Robert Ispas

[Il piccolo ricettario (5) – Continua]

 

Condividi questo articolo

1 commento per Il piccolo ricettario (5)

  • ispas daniela

    Adesso ho capito come si può lasciare un commento sul sito e anche se in ritardo, grazie alla maestra Irene per questa iniziativa… mio figlio è stato contentissimo di questo compito. Adesso non vede l’ora di mettere tutto in pratica. Visto che siamo vicino a Pasqua tra un pò ci mettiamo insieme a impastare… e buona Pasqua a tutti!!!!!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.