Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v2-9 a2-7 m 17 4_g-20091209221925 hydravion2

Le ricette dei bambini rivisitate dai ‘grandi’

Condividi questo articolo

a cura di Rita Bosso  

Fave fresche o secche, nella favetta?

Secche, sarebbe stata la risposta perentoria delle nostre nonne: nelle loro cucine, prive di frigo e di congelatore, le cuscinelle di legumi secchi erano preziose riserve di proteine, a cui attingere in inverno, quando l’orto non dava frutti, il pesce arrivava in tavola solo se le condizioni del tempo lo consentivano, e la carne compariva nelle grandi occasioni. I legumi, preventivamente reidratati con un lungo ammollo, ridotti in purea e conditi col pomodorino, il filo d’olio, l’aglio o la cipolla, costituivano una portata sostanziosa e saporita.

Oggi i legumi freschi, o surgelati, sono disponibili sempre; i nostri migliori ristoratori, attenti sia alle qualità organolettiche dei prodotti che alla presentazione dei piatti, optano decisamente per i legumi freschi.

Davide De Luca, chef del ristorante Eea , propone una favetta in cui i tempi di cottura sono brevissimi: ne risultano esaltati i sapori, ma anche i colori: si sa, l’occhio vuole la sua parte.

Anche la creatività gastronomica di Gino Pesce, del ristorante Acqua Pazza, attinge alla tradizione isolana, ma la rielabora alla luce del gusto  e della sensibilità attuali:

– La zuppa di piselli e seppia scottata, in realtà, è un piatto semplice, che tutti noi isolani mangiavamo da ragazzi; io alla ricetta originale ho solo aggiunto la bottarga per dare sapidità al piatto – dice Gino.

Di seguito, la favetta di Davide e la passatina di piselli con seppia scottata e bottarga di Gino.

***

Favetta (Ristorante EEA)

 

Ingredienti (per quattro persone):

salsa pomodoro passata 50 g

– cipolla fresca 100 g, aglio

– fave fresche piccole sbucciate 400 g

– pancetta tesa 80g

– pane raffermo di tipo casereccio 120 g

-olio, sale, pepe.

 

Preparazione

Rosolate le fave in due cucchiai d’olio caldo, con l’aglio, per un minuto; aggiungete acqua, salate, cuocete per altri dieci minuti senza coprire: in questo modo le fave fresche conserveranno il loro verde brillante.
In una padella, fate appassire con un cucchiaio d’olio la cipolla tagliata sottile e salata; aggiungere acqua se necessario.

Tagliate la pancetta a bastoncini, cuoceteli in una padella antiaderente fino a farli diventare croccanti; nel grasso rimasto dalla pancetta rosolate il pane tagliato a cubetti da un centimetro.

Frullate le fave per ottenere una purea; se necessario, aggiungete acqua.

Disponete in un piatto fondo a base ampia la purea calda, guarnite con le cipolle appassite, i crostini di pane e la pancetta; condite con un filo d’olio, un filo di salsa di pomodoro, pepe a piacere.

***

Passatina di piselli, seppia scottata e bottarga di tonno  (Ristorante Acqua pazza)

 

Ingredienti (per quattro persone)

g 500 di piselli freschi puliti

– 1 patata di media grandezza

– kg 1 di seppia –

g 50  di bottarga di tonno

– 8 foglie di basilico –

– mezza cipolla bianca

– mezzo bicchiere vino bianco.

Sale, olio q.b.

 

Procedimento (per la zuppa)

Fare un soffritto con la cipolla, aggiungere i piselli e la patata tagliata a tocchetti. Dopo qualche minuto, sfumare con il vino bianco, salare, e cuocere il tutto per 20 minuti aggiungendo un po’ d’acqua.

A fine cottura  aggiungere il basilico e passare al mixer ed  infine setacciare.

Procedimento (per la seppia)

Pulire la seppia e recuperare solo la parte bianca, tagliarla a julienne  e scottarla leggermente in una padella antiaderente.

 

Presentazione del piatto

Disporre  in un piatto fondo la zuppa di piselli, posizionare su di essa la julienne di seppie e grattugiare sopra  la bottarga di tonno.

Finire con un giro di olio d’oliva.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.