Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a3-22a h-27 ipc fg ss16 109a

I proverbi di Ponza (11)

Condividi questo articolo

dal libro di Ernesto Prudente

“A Pànje”

 

DON GIACUMINE: STAMPE E CUMBINE

(don Giacomino. combina e stampa)
Si usa dirlo per quella persona che mette insieme le cose in modo che rispondono ad un certo criterio, ben preciso e preordinato, e poi le diffonde

 

DÒPPE I CUNFIÉTTE ÈSCENE I DIFIÉTTE

(dopo i confetti escono i difetti)
Si riferisce alla differenza che passa in una coppia tra l’essere fidan­zati e l’essere sposati. Da fidanzati si mettono in mostra solo i lati positivi, mentre da sposati, vivendo sempre insieme e non potendo sempre fingere, si mettono in mostra anche i lati negativi che non so­no mai pochi

 

DÒPPE QUARANT’ANNE ÒGNE GHIUÒRNE NU MALANNE

(dopo i quarant’anni ogni giorno un malanno)

E’ proprio così! Superata la quarantina i malanni escono come i funghi

 

DOPPE TANTE UAJE VÉNE A MORTE

(dopo tanti guai arriva la morte)
Espressione che serve a ricordarsi che la vita è piena di inconvenienti e quasi sempre priva di piaceri e soddisfazioni per cui se capita una giornata da sfruttare in modo piacevole lo si faccia senza esitazioni perché dopo tante tribolazioni c’è la morte

 

DÒPPE VIPPETE: A SALUTE VÒSTE

(dopo aver bevuto: alla vostra salute)

Modo di dire per chi ha sfruttato la tua amicizia per un suo scopo e che dopo aver raggiunto il fine non ti guarda più in faccia

 

DUJE SORDE I TÒZZABANCÒNE

(due soldi di niente)

Era un modo di dire per fare intrattenere da una amica il proprio fi­glio per un breve periodo

 

DUJE SORDE NUN À VULUTE PAVÀ É SCALE-SCALÉLLE S’È FATTE FA
(due soldi non ha voluto spendere e i capelli a scala si è fatto fare)
Usato per chi non andava dal barbiere per avarizia e si accontentava dell’opera scadente di qualche parente

 

DULÒRE I MOLE, DULÒRE I CORE
(dolore di dente, dolore di cuore)
L’insopportabile ma di denti iene paragonato al massimo del dolore

 

DUÒRME A QUATTE CUSCINE
(dormi su quattro guanciali)
Stai tranquillo, non ti potrà accadere alcunché

 

È A CAPE I SÒTTE CHE FA SCI SCÉME A CAPE I COPPE
(è la testa di sotto che fa diventare matta la testa di sopra)
La sollecitazione dell’organo maschile ingarbuglia il cervello e non fa ragionare

 

È ACQUE CA NU LÈVE SÉTE
acqua che non disseta)
Modo di dire per qualsiasi cosa che non appaga i propri desideri

 

È ARREVATE A VANGÈLE VUTATE
(è arrivato dopo il vangelo)
E’ arrivato in ritardo per cui non c’è nulla da fare. Non gli tocca niente perché è giunto in ritardo

 

È ASCIUTE PAZZE U PATRÒNE
uscito pazzo il padrone)
Si dice nei riguardi di chi, notoriamente avaro, si mostra generoso e prodigo

 

È CHIUSE I RAVÒSTE É MÒ CHI SE NE FÒTTE
(hai chiuso le aragoste e ora chi se ne frega)
Lo si diceva a chi aveva sistemato le sue cose e non pensava che gli altri avessero dei problemi

 

È CUNTENTE CÒMM’A NA PASCHE
(è contento come una Pasqua)
E’ talmente felice da paragonarlo alla Pasqua

 

É DALLE CA  SÒ  CIPÒLLE
(e dai che sono cipolle)
Lo si dice a chi insiste inutilmente sulla stessa cosa

 

È DRITTE CÒMM’A NU FUSE
(è diritto come un fuso)
Lo si dice di una persona irreprensibile e severa

 

È DURMUTE A CULE SCUPIÉRTE
(hai dormito con il culo scoperto)
Espressione che si rivolge a chi, di buon mattino, incomincia a fare storie

 

È FA A MORTE D’A ZÒCCHELE
(devi fare la morte del topo)
E’ una imprecazione. Si augurava a qualcuno di subire la stessa sorte del topo che rimaneva schiacciato sotto una particolare trappola

 

È FATTE ASTECHE É LAVATÒRE É MÒ CHIAGNE U CUFU­NATURE
(hai fatto tetti e lavatoi e ora piangi il vaso da bucato)
Lo si dice sia per chi ha tanto lavorato ed ora accusa dolori fisici e sia per chi ha dissipato un grosso patrimonio e ora chiede soccorso

 

È FATTE CÒMM’A S. CHIARE: DÒPPE ARRUBBATE I PÒR­TE I FIÉRRE
(hai fatto come a S. Chiara: dopo il furto hanno fatto le porte di ferro)
Per chi prende precauzioni dopo aver subito il danno

 

È FATTE FACCE É CULE UNE MANÈRE
(hai fatto faccia e culo una sola cosa)
Per chi ha perso ogni ritegno

 

È FATTE SCIACQUA RÒSE É BBIVE GNÉSE … É MO CHE VVUÒ?
(hai fatto sciala Rosa e bevi Agnese … e ora cosa vuoi)?
E’ un interrogativo che si rivolge a chi ha dissipato un patrimonio con particolari amici ed ora chiede soccorso

 

È FA U CUÒLLE STUÒRTE
(devi fare il collo storto)
Imprecazione per il ficcanaso

 

È FRISCHE COMM’A NA ROSE
(è fresco come una rosa)
E’ un modo di dire per colui che si presenta sempre in modo inappun­tabile o per colui che nel lavoro non si impegna molto

 

È GGHIUTE A FÉSSE MMANE I CRIATURE
(è andata la fessa in mano ai bambini)
Lo si dice quando posti importanti e ricchi di responsabilità vengono affidati a persone inette e inefficienti

 

È GGHIUTE A LANTÈRNE MMANE I CECATE
(è andata la lanterna in mano ai ciechi)
Anche questo serve a dire che persone inabili e incapaci occupano po­sti di responsabilità dove la loro azione è insufficiente

 

È GGHIUTE A MARE É ACQUE NUN À TRUVATE
(è andato al mare e non ha trovato acqua)
E’ il colmo della sfortuna. Finanché il mare si è prosciugato alla sua presenza

 

È GGHIUTE MPARAVISE PE DESCAGNE
(è andato in paradiso per caso)
E’ indicato per chi ha raggiunto un determinato obiettivo

 

È CCHIUTE NFRÈVE
(gli è venuta la febbre)
Si è arrabbiato. L’argomento ha suscitato la sua indignazione

 

È INUTILE CAMPANE CA TU SUÒNE, CHI NUN È DEVOTE NUN CE VÈNE
(è inutile campana che suoni, chi non è devoto non viene)
Il richiamo della campana è inutile perché il devoto conosce il suo do­vere, per chi non è devoto quel richiamo è inservibile. La stessa cosa vale nella vita comune: per chi conosce il proprio dovere non esiste chiamata, per il fannullone ogni invito è inutile

 

È MANGIA É VUMMECA COMM’A NA MURÉNE
(devi mangiare e vomitare come una murena)
La murena è un animale ingordo e vorace. Una volta inghiottita l’e­sca sente la pungitura dell’amo e con una infinità di contorsioni rie­sce a vomitare il tutto. E’ l’augurio che si fa ai nemici e ai prepotenti

 

È MÈGLE ESSERE NEPÒTE D’A REGGINE CA FIGLE D’U RRÉ
(è meglio essere nipote della regina che figlio del re)
E’ un proverbio che consacra la superiorità femminile

 

È MÈGLE NA BBONA MORTE CHE NA MALA CIÒRTE
(è meglio una buona morte che una cattiva fortuna)
Ad una cattiva fortuna ci si augura sempre una buona morte

 

È MENATE INT’U MANECÒNE
(hai messo tutto nel sacco)
Diretto a chi si impossessa di tutto o a chi, a tavola, mangia ogni cosa lasciando gli altri e bocca asciutta

 

È MORTE A CRIATURE È NU SIMME CCHIÙ CUMPARE
(è morto il bambino e non siamo più compari)
Si è rotto il cordone ombelicale. Mi stavi vicino quando avevi biso­gno di me, risolto il tuo problema e non avendo più bisogno della mia opera mi eviti. E’ finito lo scopo che ci teneva uniti

 

È MUÒRTE I SUBBETE
(è morto immediatamente)
E’ detto per coloro che si attardano quando sono stati incaricati di un determinato compito

 

È MURI’  C’U FIÉTE I CRAVUNE
(devi morire con la puzza del carbone)
E’ un modo di dire verso le persone che si odiano. Devi respirare l’a­ria dal carbone acceso così la tua morte sarà lenta e senza che possa accorgetene

 

(CONTINUA)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.