Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-11 s-01 foto-02 s-1929 08 premiazione-elena-bonelli

I proverbi di Ponza (10)

Condividi questo articolo

 

dal libro di Ernesto Prudente

“A Pànje”

 

CU MELLÒNE: MAGNE, VIVE É TE LAVE A FACCE
(col cocomero mangi, bevi e ti lavi la faccia)
Contiene le proprietà della frutta, è ricco di acqua e, addentandolo, ti lavi il viso.

CÒMME GGIUTE É CÒMME È VENUTE, A BARRACCHE S’È JARDUTE
(come andata è andata la baracca s’è bruciata)
E’ inutile trovare giustificazioni e cavilli, il fatto è questo.

CÒMME SITE SCIALUNE C’A SACCHE I LL’ATE
(come siete scialoni con la tasca degli altri)
Espressione usata in modo simpatico quando si offre qualcosa agli amici e questi, a loro volta, invitano anche altri.
Si usava anche per redarguire chi, approfittando di una circostanza, scialacquava con qualcosa che non era suo.

COMME VAJE VESTUTE ACCUSSI’ SI TRATTATE
(come vai vestito così sei trattato)
E’ l’abito che fa il monaco.

CU N’UOCCHJE FRJE U PESCE É CU LL’ATE UARDE A JATTE
(con un occhio frigge il pesce e con l’altro guarda il gatto)
Modo di dire per chi dimostra contemporaneamente molta attenzione per fatti e circostanze diverse.

CU NU SI T’ATTACCHE È CU NU NO T’ANNIÉSCE
(con un si t’attacchi e con un no te ne esci)
Acconsentire alle richieste ti fa trovare spesso impelagato in situazioni  difficili.

CUNZIGLE I VÒRPE DAMMAGGE I GALLINE
(consiglio di volpi danno per le galline)
Quando confabulano personaggi importanti (volpi) significano che qualche momento brutto si prepara per la povera gente.

CUÒFENE SAGLIE É CUÒFENE SCÉNNE
(corba sale e corba scende)
Modo di dire per quelle persone che mostrano apatia e indifferenza per qualsiasi attività e che non si interessano di niente accettando la vita come viene.

CU U PENZIÉRE SE CAMPE A CASE
(con il pensiero si porta avanti la casa)
Il guadagnare da vivere per la famiglia dev’essere un costante pensiero per tutti i componenti.

CURNUTE É MAZZIATE
(cornuto e bastonato)
Al danno la beffa.

CURTE É MALE NGAVATE
(corto e malfatto)
Modo di dire verso la gente corta quando questa astutamente combina qualcosa che suscita reazione.

CUSCIÉNZE É DENARE NUN SE SAPE CHI I TÈNE
(coscienza e denaro non si sa chi li posseggono)
E’ sempre difficile conoscere l’intimo di una persona come è difficile venire a conoscenza di quanto possiede.

CU TANTE UALLE A CANTA’ NU FA MAJE JUÒRNE
(con tanti galli che cantano non fa mai giorno)
Creano solo confusione.

C’U VIÉNTE SE FANNE I MIGLE É C’U CAZZE I FIGLE
(con il vento si fanno le miglia e con il cazzo i figli)
Ogni cosa ha una sua precisa destinazione e uso.

DAMME PRIMME É DAMME UÒSSE
(dammi prima e dammi osso)
Lo si dice chi ha valutato la situazione e corre il rischio di rimanere all’asciutto.
Si accontenta del poco certo e non dell’assai incerto.

DÀ NA BOTTE U CHIRCHJE É N’ATE U TUMBAGNE
(da un colpo al cerchio e uno alle botte)
Lo si dice per chi non scontenta nessuno.

DA NU CAZÒNE NUN À FATTE MANCHE NA SCAZZÈTTE
(da un calzone non ha fatto neanche un cappellino)
Modo di dire verso chi, pur disponendo di grosse quantità, non è riuscito a realizzare alcunché.

DA CHI NU TÈNE FIGLE NU GGHI NÉ PE GRAZJE NÉ PE GIUSTIZJE
(da chi non ha figli non andare né per grazia né per giustizia)
Chi non ha figli non conosce le vere e le reali esigenze della vita per cui non può dare nessun contributo in caso di bisogno.

DA DICIÒTTE A VINTE TRASENE FINE A DINTE, DA VINTE A TRÈNTE CHIAMME TU A GÈNTE
(da diciotto a venti sono loro a entrare, da venti a trenta sei tu a chimarli)
Espressione per le ragazze che fino a vent’anni sono un continuo richiamo per gli uomini;
superata questa età sono loro che devono preoccuparsi di dare la caccia agli uomini.

DATE CA NUN SE PAVE SETÒGNEME TUTTE
(dato che non si paga ungimi interamente)
E’ usato per quel tipo di invitato che, approfittando di essere ospite, fa man bassa di tutto.

DECÈTTE A CANNELORE: STATE DINTE É VIÉRNE FÒRE
(disse la candelora: estate dentro e inverno fuori)
Con la candelora l’inverno può dire addio alla sua stagione. I mesi brutti sono passati.
Febbraio è il mese delle basse maree e nell’insieme il tempo è discreto.

DECÈTTE A VÈCCHJE I CIÉNT’ANNE: AGGE MPARATE N’ATE COSE
(disse la vecchia di cent’anni: ho imparato un’altra cosa)
Nella vita non si finisce mai di apprendere.

DECÈTTE A VÈCCHJE: SCAPULATE MARZE CAMPE N’ATE ANNE
(disse la vecchia: superato marzo vivrò un altro anno)
Marzo chiude il periodo invernale e apre la porta alle stagioni belle.
In fondo il freddo è il nemico principale dei vecchi.

DECÈTTE PULECENÈLLE: A CA ME TRASE È A CA M’ÈSCE
(disse pulcinella: da qui entra e da qui esce)
Non mi faccio né caldo né freddo; resto impassibile e insensibile.

DECÈTTE PULECENÈLLE: NTIÉMPE I TEMPÈSTE ‘OGNE PERTUSE È PUÒRTE
(disse pulcinella: durante una tempesta ogni buco è porto)
Nei momenti di pericolo o nei casi di necessità non si può cavillare e perdere tempo tutto quello che capita sottomano è buono.

DECÈTTE PULECENÈLLE: PE MARE NUN CE STANNE TAVÈRNE
(disse pulcinella: per mare non ci sono taverne)
Proverbio molto caro ai marinai che lo infilano sovente nei loro di scorsi.
Per mare bisogna essere prudenti e la prudenza bisogna dimostrarla prima di prendere il mare perché una volta partiti non incontrerai bettole o trattorie dove si può sostare in attesa che passa il temporale.

DECÈTTE PULECENÈLLE: U CUMMANNÀ È MÈGLE D’U FÒTTERE
(disse pulcinella: il comandare è meglio che far l’amore)
Oggi è molto in voga perché ci sono tanti uomini che lo mettono in pratica dedicandosi con Iena e passione al comandare lasciando ad altri l’altro compito.
Per quanto ci riguarda sosteniamo da tempo che le due cose possono benissimo procedere parallelamente e fare come quel tizio che dava un colpo alla botte e uno al cerchio senza compromettere nulla.

DECÈTTE PULECENÈLLE: VULÉSSE ÈSSERE CUNDANNATE D’A LÉGGE I PONZA
(disse Pulcinella: vorrei essere condannato dalla legge di Ponza)
Come in tutti i piccoli centri anche a Ponza le leggi vengono “smussate” secondo le circostanze.

DECÈTTE U PAPPECE NFACCE A FAVE: DAMME TIÉMPE CA TE SPERTÒSE
(disse il tonchio alla fa va: dammi tempo che ti forerò)
E’ l’avvertimento che si fa a coloro che meritano una lezioncina.

DECÈTTE U PARRUCCHIANE: UARDE A MAMME É SPÒSETE A FIGLE
(disse il parroco: guarda la madre e sposa la figlia)
Le vecchie mamme erano solite insegnare alle figlie il loro stesso sistema nello amministrare la famiglia e nel comportarsi per cui le ragazze avevano molte analogie e affinità con le mamme.

DECÈTTE U SCARRAFÒNE: PO CHIÒVERE GNÒSTRE PURE PE N’ANNE, CCHIÙ NIRE I CÒMME SÒNCHE NU POZZE ADDEVENTÀ
(disse lo scarafaggio: può piovere inchiostro per un anno, più nero di così non posso diventare)
E’ ciò che dice, davanti all’imprevisto, chi si trova già in una situazione disperata.

DECÈTTE ZI PIÉTRE: U MUNNE È NA PALLE É JE NE TÈNCHE DÒJE
(disse zio Pietro: li mondo è una palla e io ne tengo due)
Il buon vecchio sentendo parlare il nipote di geografia si meravigliò moltissimo quando questi affermò che il mondo era una palla e intervenendo nel discorso fece notare che lui valeva più del mondo perché di palle ne aveva due.

DIMME A CHI SI FIGLE É JE TE DICHE A CHI RASSUMIGLE
“dimmi a chi sei figlio e io ti dirò a chi rassomigli)
E’ un modo di dire molto cattivo. Con tale espressione si vuole mettere in risalto la poco serietà della mamma.

D’I SORDE D’AVARE SE NE VÉDENE BBÈNE I SCIAMPAGNUNE
(del denaro dell’avaro se ne vedono bene gli scialoni)
L’esperienza della vita ci è maestra: i soldi dell’avaro finiscono quasi sempre nelle mani di uno scialone che li dissipa senza riguardo.

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.