Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

pa-01 e-14 v1-20 lamonica-03 109 polverini

Mediterraneo, di Joan Manuel Serrat e Gino Paoli

Condividi questo articolo

a cura della Redazione

Joan Manuel Serrat (Barcellona 1943), cantautore spagnolo, è una delle figure più importanti della canzone moderna spagnola sia in lingua catalana che castigliana. Alcuni dei suoi pezzi di maggior successo sono poesie, messe in musica da Serrat, di alcuni dei migliori poeti in entrambe le lingue, come Antonio Machado o Miguel Hernández; ma anche alcuni dei suoi testi originali possono essere considerati capolavori poetici [Da Wikipedia, modif.]

Per la versione originale, cantata da J.M. Serrat, sempre su questo sito: vedi qui

 

Testo della poesia, dalla raccolta  “Mediterraneo” (1971) di Joan Manuel Serrat:

 

Quizá porque mi niñez

sigue jugando en tu playa,

y escondido tras las cañas

 

duerme mi primer amor,

llevo tu luz y tu olor

por donde quiera que vaya,

 

y amontonado en tu arena

guardo amor, juegos y penas.

 

Yo,

 

que en la piel tengo el sabor

amargo del llanto eterno,

que han vertido en ti cien pueblos

 

de Algeciras a Estambul,

para que pintes de azul

sus largas noches de invierno.

 

A fuerza de desventuras,

tu alma es profunda y oscura.

 

A tus atardeceres rojos

se acostumbraron mis ojos

como el recodo al camino…

 

Soy cantor, soy embustero,

me gusta el juego y el vino,

Tengo alma de marinero…

 

¿Qué le voy a hacer, si yo

nací en el Mediterráneo?

 

Y te acercas, y te vas

después de besar mi aldea.

Jugando con la marea

 

te vas, pensando en volver.

Eres como una mujer

perfumadita de brea

 

que se añora y que se quiere

que se conoce y se teme.

 

Ay…

 

si un día para mi mal

viene a buscarme la parca.

Empujad al mar mi barca

 

con un levante otoñal

y dejad que el temporal

desguace sus alas blancas.

 

Y a mí enterradme sin duelo

entre la playa y el cielo…

 

En la ladera de un monte,

más alto que el horizonte.

Quiero tener buena vista.

 

Mi cuerpo será camino,

le daré verde a los pinos

y amarillo a la genista…

 

Cerca del mar. Porque yo

nací en el Mediterráneo…

 

E questa è la bella traduzione di Gino Paoli, del 1974, inserita in un album interamente dedicato a traduzioni da Serrat: “Gino Paoli canta Serrat”.

 

MEDITERRANEO

 

Sono nato in riva al mare

son cresciuto sulla spiaggia

e nell’ombra di uno scoglio

 

dorme il mio primo amore

come una barca che dondola allo scirocco

 

e nascosti nella sabbia

ho lasciato sogni e giochi

 

io…

 

che trascino addosso a me

l’amaro del pianto eterno

che ha versato in te la gente

 

da Marsiglia ad Istanbul

per pitturare di blu

le lunghe onde d’inverno

 

sei pieno d’avventure,

di tesori e di sventure…

 

ai tuoi tramonti rosso fuoco

sono abituati gli occhi

di un bambino che correva

 

son cantante e son bugiardo

amo il gioco ed il buon vino

sono un uomo nato al mare

 

che ci posso fare se

son nato in Mediterraneo

son nato in Mediterraneo

 

Ti avvicini e te ne vai

come il sonno di un bambino

giocando con la marea

 

te ne vai ma tornerai

come una donna che profuma

di ginestre

 

che si ricorda e si vuole

che si conosce e si teme

 

voi…

 

se un giorno anche per me

arriverà la Signora

butterete in mar la barca

 

con un levante autunnale

lasciando che il temporale

apra la sua ala bianca

 

e non piangete io rivivo

tra la mia terra e un ulivo

 

lì nella stretta fascia di un monte

più alto dell’orizzonte

vedrò sotto il mio mare

 

il mio corpo sarà sale,

sarà il bianco di una vela,

il giallo di una ginestra

 

vicino al mar perché

son nato in Mediterraneo

son nato in Mediterraneo

son nato in Mediterraneo…

 


 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.