Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0036-036 i-21-h-21 ms-01 101 18 hp0050

I proverbi di Ponza (9)

Condividi questo articolo

 

 

dal libro di Ernesto Prudente

“A Pànje”

 

CHI TÈNE FIGLE FÉMMENE TÈNE A CANNÉLE APPICCIATE É CHI TÈNE FIGLE MASCULE TÈNE A PORTE NCHIUSE
(chi ha femmina tiene la luce accesa e chi tiene maschi ha la porta chiusa)
Questo proverbio serviva a smentire le voci sulle apprensioni di chi avesse figli femmine. Le femmine stavano in casa e i maschi arrivavano per corteggiarla creando armonia mentre i maschi abbandonavano la casa paterna per correre dietro le ragazze lasciando soli i genitori

 

CHI TÈNE MALE CAPE TÈNE BÒNE COSCE
(chi non ha cervello ha buone gambe)
Chi non riesce ad adoperare il cervello deve far ricorso alla forza fisica

 

CHI TÈNE NA BELLE MUGLIÉRE SÈMPE CANTE É CHI TÈNE BELLE SORDE SÈMPE CONTE
(chi ha una bella moglie sempre canta e chi tiene molti soldi sempre conta)
Circostanze e fatti della vita: c’è chi si accontenta di fantasticare sulla bellezza e chi invece bada solo ad accumulare ricchezze

 

CHI TÈNE CUMPASSIÒNE D’I CARNE I LL’ATE I SÒJE SI MANGENE I CANE
(chi ha compassione degli altri finisce mangiato dai cani)
Bisogna sempre tener conto che la vita è un contrasto di forza e destrezza per cui, pur essendo tolleranti e indulgenti, non bisogna essere compassionevoli. La vita è una gara ad eliminazione diretta

 

CHI TÈNE MBRÈLLE NUN SE BAGNE
(chi ha l’ombrello non si bagna)
Chi ha protezione va sempre avanti. E’ la storia di sempre che si ripete

 

CHI TÈNE MMANE VÉNCE
(chi ha in mano vince)
E’ sempre così. Il possesso è una vittoria; l’usucapione è previsto finanche dal codice civile

 

CHI TE SAPE T’ARAPE
(chi sa ti pare)
L’autore di un furto è quasi sempre uno che conosce le abitudini. Oggi esiste la talpa

 

CHI TROPPE VÒ MAGNA S’AFFÒGHE
(chi troppo vuoi mangiare s’affoga)
Bisogna porsi un limite anche nel pretendere altrimenti si finisce come colui che per avidità si riempie troppo la bocca e gli va tutto di traverso

 

CHIÙ ANNANZE JAMME É CHIU PISCE PIGLIAMME
(più avanti andiamo e più pesci prendiamo)
Tutto va storto e di questo passo più andiamo avanti e più le cose si complicheranno

 

CHI UARDE U SUJE NU FA MALE A NISCIUNE
(chi guarda il suo non fa male a nessuno)
Chi cura i propri diritti non vede gli interessi degli altri

 

CHIÙ BELLE TE VO’ VEDE’ MA CHIÙ RICCHE NO’
(preferisce vederti più bello ma non più ricco)
L’invidioso preferisce essere inferiore in bellezza ma non in ricchezza

 

CHI U DA A MANGIA CHIAMME PAPÀ
(chiama papà chi gli dà da mangiare)
Chi vive senza idea e senza una dittatura morale è solito cambiare bruscamente opinione di fronte ad una qualsiasi offerta

 

CHIÙ NERE D’A MEZANÒTTE NU P’Ò VENI’
(più nero della mezzanotte non può succedere)
Lo si dice chi si trova in un grave impiccio ed è cosciente di andare incontro a gravi conseguenze

 

CHIU’ NE SIMME É CHIÙ BELLE PARIMME
(più ne siamo e più belli sembriamo)
In ogni circostanza il numero, oltre a creare la forza, reca un’impres-sione gradevole

 

CHIU’  VARCHE VÈNENE CHIU’ CURALLE CE STA
(più barche arrivano e più corallo c’è)
Proverbio dei vecchi pescatori di corallo. L’affluenza di più barche su un determinato banco significava una abbondanza di corallo. Un grande movimento intorno a qualcosa presuppone una convenienza per i partecipanti

 

CHI VA A CACCE I PILE É PENNE FA NA BRUTTE STATE É NU MALE VIÉRNE
(chi va a caccia di peli epennefa una brutta estate e un male inverno)
La donna e la caccia sono due passioni che avvingono l’uomo e non gli consentono di lavorare tranquillamente con conseguenze disastroso per la sua economia

 

CHI VO A DDJE SU PRÈCHE
(chi cerca Dio se lo deve pregare)
Il problema dell’animo è personale. Chi lo sente ha il dovere di pregare e nessuno può farlo per lui. Così in molti casi della vita è necessario chiedere direttamente l’aiuto degli altri sia per esporre chiaramente le proprie necessità e sia perché l’interposta persona spesso si disinteressa per non rimanere obbligata

 

CHI VO FA I FIGLE PUVERIÉLLE: Ò PESCATURE Ò ACCHIAPPAUCIÉLLE
(chi vuoi fare i figli poveri li faccia pescatori o uccellatori)
Si usava dirlo perché una volta il pescatore era considerato un mestiere povero e l’uccellagione era soltanto un passatempo

 

CHI VO’ MALE A CHÉSTA CASE ADDA MURI PRIMME CHE TRASE
(chi vuoi male a questa casa deve morire prima di entrare)
Questa espressione, una volta, veniva scritta all’ingresso di molte case

 

CHI VO U MALE I LL’ATE U SUJE STA ARÉTE A PORTE
(chi vuole il male degli altri il suo sta dietro la porta)
Ama il prossimo tuo come te stesso

 

CICCE FATICHE É PERZECHÈLLE MANGE
(Ciccio lavora e altri mangiano)
Espressione molto usato per far notare che in una famiglia uno soltanto lavora mentre gli altri componenti vivono alle sue spalle

 

CIÉNTE MESURE È UNE TAGLE
(cento misure e un solo taglio)
Nel lavoro prima di operare bisogna prevedere qualsiasi cosa

 

CIÉNTE NIENTE ACCEDÈTTERE NU CIUCCE
(cento niente ammazzarono un asino)
Il peso di tante piccole cose ti schiaccia come successe a quel povero asino che fu costretto a crollare sotto il peso di centinaia di piccoli fagotti che ognuno depositava sulla sua schiena come roba di poco peso

 

CIÉNTE UALLE A CANTA NU FA MAJE JUÒRNE
(cento galli a cantare non fa mai giorno)
In qualsiasi attività la direzione dev’essere di una sola persona

 

CIÒRTE … CIÒ … FACESSE NA CULATE É ASCÉSSE U SOLE
(fortuna … fortuna … facessi il bucato e uscisse il sole)
Che iella! Non mi capita mai una giusta, mi va tutto storto

 

CIÒRTE È CAUCE NCULE VIATE CHI N’A LL’AVE
(fortuna e calci nel culo beato chi li ha)
Modo di dire di colui a cui va sempre tutto storto e non riesce ad avere una spinta per raggiungere un determinato obiettivo

 

CIÒRTA MJE ADDÒ STIVE ASTEPATE
(fortuna mia dove stavi conservata)
E’ l’esclamazione della persona in preda allo sconforto

 

CÒMME CATARENÉJE ACCUSSÌ NATALÉJE
(come è il giorno di S. Caterina così sarà il giorno di Natale)
I vecchi sostenevano che le stesse condizioni meteorologiche del 25 novembre, S. Caterina, si avessero il giorno di Natale

 

CÒMME ME VIDE ACCUSSI ME SCRIVE
(come mi vedi così mi descrivi)
Eccomi: queste sono le mie possibilità e capacità

 

CÒMME SONA A S. CUCOZZE PASCHE NU VENE PE MO
(come suola la santa zucca Pasqua e ancora lontano)
Una volta il calendario era fatto da una zucca svuotata internamente dove venivano posti 365 semi e ogni giorno il parroco, a cui la zucca era stata data in custodia, ne toglieva uno. Un giorno un parrocchiano si presentò dal prete e chiese quando sarebbe stata la Pasqua. Il curato prese la zucca e l’agitò. Dal rumore capì che vi erano ancora parecchi semi e rispose: dal suono della santa zucca Pasqua è ancora lontano Il proverbio viene usato per mettere in risalto che ci vuole del tempo per ottenere quanto è stato chiesto oppure per far notare la cattiva volontà del debitore ai sui impegni

 

CÒMME TIENE U CORE DDJE T’AIUTE
(come hai il cuore Dio ti aiuti)
Si usava dirlo a chi negava qualche aiuto o commetteva qualche cattiveria. Che Iddio si comportasse con lui come egli faceva con gli altri

 

CÒMME VENE CE A PIGLIAMME
(come viene ce la prendiamo)
E’ inutile crearsi problemi per delle cose che sono al di sopra delle nostre possibilità. Ci affidiamo al destino

 

CÒNTELE COTTE
(raccontale cotte)
Espressione diretta a chi, per giustificarsi, riferiva cose non vere

 

CÒSETE A VÒCCHE
(cuciti la bocca)
A chi per abitudine o stoltezza le diceva grossa

 

CRISCE FIGLE … CRISCE PUÒRCHE
(allevi figli … allevi maiali)
E’ quanto dicevano i genitori alle ingratitudini, alle sgarbatezze, alle villanie dei figli

 

CRISCE SANTE CA DIAVULE GIÀ CE SI
(cresci santo perché diavolo già ci sei)
Si usava dirlo ai neonati ogni qualvolta starnutivano. I neonati sono diavoli perché macchiati dal peccato originale

 

CRIVE É SENZA CRIVE MBASTE É CIÉRNE
(con il crivello o senza impasti e cerni)
Espressione usata nei riguardi di chi, per la sua posizione, fa quello che vuole e nessuno osa contrastarlo

 

CU CHI PRATECHE ADDEVIÉNTE
(rassomigli a coloro che frequenti)
Motto di rimprovero per le cattive amicizie che si frequentano

 

CU L’ERVE MOLLE OGNUNE S’ANNETTE U CULE
(con l’erba molle ognuno si pulisce il culo)
E’ un rimprovero per coloro che approfittano dei deboli

 

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.