Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0016-016 foto-0003 u-20 gs 24 la-spiaggia

Ballata dell’acqua del mare, di Federico Garcìa Lorca

Condividi questo articolo

proposta dalla Redazione

 

A Emilio Prados
(cacciatore di nubi)

Il mare
sorride in lontananza.
Denti di spuma,
labbra di cielo.

cosa vendi, fosca fanciulla,
con i seni al vento?

Vendo, signore, l’acqua
dei mari.

Che cos’hai, giovane negro,
mescolato al sangue?

Porto, signore,
l’acqua dei mari.

Queste lagrime salmastre,
da dove vengono, madre?

Piango, signore,
l’acqua dei mari.

Cuore, e questa amarezza
profonda, da dove nasce?

Quanto è amara l’acqua
dei mari!

Il mare
sorride in lontananza.
Denti di spuma,
labbra di cielo.

[Federico Garcia Lorca (1919)]

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.