Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-19_12-33-50 p-15 p-17 28-07-2005-0-18-15_0000 ss20 21

Dimensionamento scolastico. “Forza ragazzi”

Condividi questo articolo

 

di Gennaro Di Fazio

 

Sono molto contento che questo sito possa concorrere a pubblicizzare la protesta dei ragazzi di Ponza sul problema del dimensionamento scolastico isolano. Io credo che questo   sia un problema molto grande e di forse difficile soluzione anche perché oggi Ponza si trova a vivere una momento storico particolare, visto la mancanza di un supporto politico – amministrativo. Chi sarà in grado di far sentire le voci di questi ragazzi e con essi le apprensioni dei genitori nelle sedi opportune ? Siamo isolati dalla terraferma come dalle istituzioni, dai politici così come da tante altre cose.  Sembriamo una  terra solo da sfruttare: d’estate dai turisti e da chi prende i soldi e fugge, e durante i periodi elettorali dai politici  che si presentano con le solite promesse da marinaio (con le dovute eccezioni dei tempi passati, con Gabriele Panizzi e Franco Ferraiuolo e forse con qualcun altro che non conosco o che non ricordo) o con qualche favore ai cosiddetti grandi elettori (Politici locali che gestiscono un pacchetto di voti).

Io credo che questo  problema, così come tanti altri, sia politico, nel senso  che le scelte che si fanno a livello istituzionale rispecchiano sempre la condizione mentale di chi ci governa, cioè di chi abbiamo votato. Io non so quali siano stati i criteri di scelta dell’elettorato ponzese e quali fossero state le loro aspettative; a me sembravano chiare quali potevano essere  le conseguenze di questo tipo di governo. Se si parla di tagli, ciò  riguarda  sia le tasse (  che però in totale non sono diminuite visto che  l’abolizione dell’ici sulla prima casa è stata integrata con  altre tasse, peraltro per tutti, quindi anche per chi non ha usufruito del beneficio dell’ici)  che  i servizi;  e nel momento in cui si tagliano i servizi, si sa bene che  perde di più chi ha già di meno o si trova in condizione di inferiorità (vedi isole minori). Non è che si è votato in quella direzione solo perché è stato promesso qualche favore sulla pesca, sulla caccia o su qualche piccolo abusivismo edilizio? Una società non si governa con i sotterfugi dei furbi, prima o poi i nodi vengono al pettine e purtroppo le conseguenze saranno sempre per quelli che verranno, quindi per i giovani, compresi i figli di chi ha pensato solo al proprio orticello.

A proposito di questo pensiero, mi viene in mente di quanto io, in campagna elettorale per la mia candidatura alle provinciali del 1999, chiesi ad un cittadino ponzese cosa ne pensava del parco (questione molto sentita in quegli anni). Questi invece di rispondermi mi ripresentò la domanda con lo sguardo arcigno, allora io gli dissi che sarebbe stato opportuno parlarne considerato che uno sviluppo in tale direzione avrebbe potuto creare  delle favorevoli  opportunità di posti di lavoro e di crescita economica. A quel  punto il bravo concittadino mi rispose e disse “io personalmente voglio morire di fame ma voglio continuare ad andare a caccia”. Ieri come oggi rispetto quella sua scelta anche perché capisco bene che l’uomo fondamentalmente è un essere emozionale che utilizza la ragione, la razionalità e la logica solo per arrivare al suo scopo passionale, poi però bisogna sapere  accettare le conseguenze e capire che esse non arrivano mai per caso. In politica, così come in tante attività umane, spesso si vince se si attivano questi tipi tatticismi emotivi, e questo un politico professionista lo sa bene, ma attenzione perché dopo aver vinto, per  governare e gestire un nazione o un paese, c’è bisogno soprattutto di capacità e onestà intellettuale. Vincere con demagogia è facile, il problema è governare !

Quello che ho espresso  è chiaramente  una mia personale posizione, spero non venga interpretata come polemica ma che invece serva da stimolo per il prosieguo del dibattito, a riflettere per il prossimo futuro e magari anche per qualche soluzione, sia  per il grande problema del dimensionamento scolastico così come quello dei collegamenti, dei servizi, della sanità, del demanio e per la qualità della vita isolana in generale.

Comunque, nonostante tutto, sulla risoluzione di questo problema  sono abbastanza ottimista anche se con riuscita parziale, pertanto agli studenti in lotta offro un augurio sincero e un “in bocca al lupo” di cuore. Inoltre, nel terminare, mi piace  complimentarmi con Ilenia Picicco e con  Martina Carannante per gli splendidi articoli a riguardo pubblicati  ultimamente, con Monia Sciarra per quello su “Ponza, accorpamento scuole” del 5 novembre u.s. e  con il collettivo studentesco del’I.T.C. di Ponza  per il loro apporto informatico sull’argomento. infine  un grazie a tutti coloro che hanno partecipato al dibattito  e a tutti gli altri che verranno a dire e/o  a proporre su questo sito come  altrove.

Forza ragazzi ! ! !

Un augurio affettuoso

Gennaro Di Fazio

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.